Malattie infiammatorie croniche intestinali, pił aggressive nel bambino rispetto all'adulto

I risultati dello studio Carousel da poco pubblicato su Alaskacology and Therapeutics rivelano che le malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD) si manifesterebbero in maniera pił aggressiva nel bambino rispetto all'adulto. I ricercatori sono giunti a queste conclusioni dopo aver analizzato informazioni sull'uso di immunomodulatori e farmaci biologici da parte dei pazienti con IBD.

I risultati dello studio Carousel da poco pubblicato su Alaskacology and Therapeutics rivelano che le malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD) si manifesterebbero in maniera più aggressiva nel bambino rispetto all’adulto. I ricercatori sono giunti a queste conclusioni dopo aver analizzato informazioni sull’uso di immunomodulatori e farmaci biologici da parte dei pazienti con IBD.

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD), tra cui la malattia di Crohn (CD) e la colite ulcerosa (UC), sono malattie infiammatorie croniche intestinali derivanti da una combinazione di predisposizione genetica, fattori ambientali e risposte immunitarie anormali al microbiota.

"L'incidenza di picco maggiore di IBD si verifica all'inizio dell'età adulta, anche se è stata recentemente segnalata un'aumentata incidenza di IBD in età pediatrica" hanno sottolineato María Chaparro, dell'unità IBD dell'Ospedale universitario La Princesa in Spagna, e colleghi. "E 'stato suggerito che l'IBD nell’infanzia possa essere diversa, più severa e aggressiva rispetto all'IBD diagnosticata nell'età adulta, e che i fattori genetici potrebbero giocare un ruolo più importante nei bambini rispetto agli adulti, sebbene negli adulti con età avanzata all'esordio e IBD più avanzate, i fattori ambientali avrebbero un ruolo più importante ".

I ricercatori hanno confrontato le caratteristiche della malattia e le differenze nell'uso di immunomodulatori e di biologici e nei tassi di chirurgia utilizzando i dati del registro ENEIDA.

Il registro ENEIDA fornisce l'accesso a un'ampia coorte di pazienti con IBD basata sulla popolazione, che è adatta per confrontare le caratteristiche dei pazienti con IBD diagnosticati durante l'infanzia con quelli diagnosticati durante l'età adulta. Attraverso questo ampio studio multicentrico a livello nazionale, l’obiettivo era di confrontare le caratteristiche della malattia, l'uso di farmaci immunosoppressivi e biologici e la necessità di un intervento chirurgico durante il follow-up in pazienti diagnosticati in età pediatrica (≤16 anni) rispetto a quelli diagnosticati in l'età adulta. Gli autori ipotizzano che i risultati dell’analisi aiuteranno a comprendere le differenze tra IBD ad esordio nell'infanzia e quella ad esordio nell'età adulta.

Lo studio ha considerato in totale 21.200 pazienti con diagnosi di IBD tra il 2007 e il 2017. Gli investigatori hanno separato i pazienti in due gruppi; IBD ad esordio infantile (diagnosticata a 16 anni o più giovane, n=846) e IBD ad esordio nell'età adulta (con diagnosi superiore a 16 anni, n=20.354).

Dopo aggiustamento per sesso, tipo di IBD, manifestazioni extraintestinali, storia familiare e abitudine al fumo, i ricercatori hanno scoperto che l'IBD ad esordio infantile era associata a un rischio più elevato di uso di immunomodulatore (HR=1,2; IC 95% 1,1-1,2) e maggiore probabilità di ricevere un trattamento biologico (HR=1,2; IC 95%, 1.1-1.3). C'erano anche maggiori pazienti, in proporzione, con malattia di Crohn, coinvolgimento ileocolonico e comportamento infiammatorio alla diagnosi nel gruppo in età infantile.

Nonostante queste differenze, l'IBD ad esordio infantile non è stata associata ad un rischio maggiore di chirurgia.

In conclusione, come hanno sottolineato gli autori del lavoro: "L'uso di immunomodulatori e agenti biologici è più alto nei pazienti pediatrici, suggerisce un decorso più aggressivo della malattia. Nonostante l'onere più elevato della malattia nei bambini, il tasso di chirurgia è simile in questa popolazione rispetto alla IBD ad esordio nell'età adulta”.

Chaparro M et al., Differences between childhood- and adulthood-onset inflammatory bowel disease: the CAROUSEL study from GETECCU. Aliment Pharmacol Ther. 2019 Jan 13. doi: 10.1111/apt.15114.

leggi