Gastroenterologia ed epatologia

Cannabis nelle malattie infiammatorie croniche intestinali, quanto Ŕ utilizzata?

Attraverso l'utilizzando di dati del mondo reale, un gruppo di ricercatori americani ha identificato i modelli di utilizzo della cannabis dispensata a livello medico in pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD). ╚ quanto presentato al meeting annuale dell'ACG (American Collage of Gastroenterology).

Attraverso l’utilizzando di dati del mondo reale, un gruppo di ricercatori americani ha identificato i modelli di utilizzo della cannabis dispensata a livello medico in pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD). È quanto presentato al meeting annuale dell'ACG (American Collage of Gastroenterology).

"Sappiamo che l'uso di cannabis nei pazienti con IBD è comune e che molti segnalano un miglioramento dei sintomi correlati alla malattia, inclusa l'attenuazione del dolore", ha affermato Jami A.R. Kinnucan, assistente professore di medicina presso l'Università del Michigan. “Tuttavia, i modelli di consumo di cannabis, inclusa la dose e la via di somministrazione, non sono stati descritti nella popolazione IBD.”
Per tale motivo in questo lavoro sono stati descritti i primi dati del mondo reale ottenuti da pazienti con IBD che avevano ricevuto cannabis da un singolo programma di dispensario medico.

In una revisione retrospettiva, Kinnucan e colleghi hanno valutato i dati di 592 pazienti con IBD (47,3% donne; età media 43,3 anni) a cui è stata dispensata cannabis medica dalla Columbia Care a New York City da gennaio 2016 a marzo 2020.

I dati analizzati includevano età, sesso, data della prima visita al dispensario, numero e durata delle visite al dispensario, se gli antidolorifici prescritti erano stati dispensati e ridotti tra una visita e l'altra, tipo di cannabis utilizzato, dosaggio giornaliero prescritto di THC e/o CBD e via di somministrazione.
I risultati hanno mostrato un aumento dell'esposizione totale ai cannabinoidi dalla prima all'ultima visita in tutti i pazienti, compreso un aumento dell'esposizione al THC da 9,2 mg al giorno a 19,5 mg al giorno e un aumento dell'esposizione al CBD da 7,4 mg al giorno a 9,3 mg al giorno, insieme a una significativa riduzione dell'uso di farmaci antidolorifici. Lo svapo e la tintura sono state le vie di somministrazione più comuni riportate.

"Le dosi giornaliere di cannabinoidi erano inferiori rispetto ai precedenti studi randomizzati pubblicati nei pazienti con IBD, sebbene si sia verificato un aumento della dose giornaliera di cannabinoidi durante il periodo di studio", hanno precisato i ricercatori.

I ricercatori hanno anche osservato differenze nell'uso di cannabis per genere nella coorte. Le donne più anziane, avevano più probabilità di avere una co-diagnosi di cancro e dolore cronico, più probabilità di avere una prescrizione di antidolorifici alla prima visita, meno visite di follow-up al dispensario, meno uso di cannabinoidi e un maggiore aumento della dose di cannabinoidi prescritta dal primo all’ ultima visita, rispetto agli uomini.

"Sono necessari studi futuri complessivi per valutare l'impatto del tipo di cannabis, della via e del dosaggio sull'efficacia clinica, sugli eventi avversi, sulla salute mentale e sulla qualità della vita", ha affermato Kinnucan.

Kinnucan J. Real world dispensary data for IBD patients using medical cannabis. Presented at: ACG Annual Scientific Meeting; Oct. 22-27, 2021; Las Vegas (hybrid meeting).