Malattie infiammatorie intestinali, elevata non aderenza all'infliximab

Un recente articolo pubblicato su Journal of Digestive Disease ha analizzato il tasso globale di non aderenza alla terapia con infliximab nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali che è risultato essere superiore al 50%.

Un recente articolo pubblicato su Journal of Digestive Disease ha analizzato il tasso globale di non aderenza alla terapia con infliximab nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali che è risultato essere superiore al 50%.

I farmaci biologici hanno cambiato la qualità di vita dei pazienti affetti da malattie infiammatorie intestinali e non solo. Le terapie vanno mantenute per avere una remissione sostenuta nel tempo.
Studi sulla terapia a base di 5-ASA hanno mostrato una non aderenza tra il 9.5% e il 65%; per le tiopurine questa mancata aderenza varia dal 3% al 64.7%.

L'aderenza all'infliximab (IFX) è essenziale per ottenere e mantenere una remissione. I pazienti che non hanno fatto un uso regolare del farmaco  possono sviluppare anticorpi anti-farmaco e diminuire la concentrazione di IFX nel siero. La non adesione agli agenti anti-TNF è pertanto associata ad un’aumentata perdita di risposta alla terapia anti-TNF con conseguente maggiore rischio di ricaduta clinica, un tasso maggiore di ospedalizzazione e un aumento dei costi sanitari.

L’aderenza alla terapia  con IFX nei pazienti affetti da IBD è già stata valutata in diversi studi e la percentuale di adesione è stata del 70,7% in una meta-analisi. Per quanto riguarda l'adalimumab, la percentuale di adesione è stata dell’83,1%. Tuttavia, gli autori hanno usato differenti definizioni di non aderenza, rendendo difficile un confronto tra gli studi.

Gli obiettivi di questo articolo sono stati valutare l 'adesione alla terapia IFX nei pazienti affetti da IBD, analizzare i motivi della non aderenza e trovare potenziali fattori predittivi per la non aderenza.
Questo studio osservazionale è stato condotto in due ospedali universitari francesi di riferimento tra il 1 settembre e il 31 ottobre 2011. I pazienti sono stati interrogati sull’adesione ai trattamenti di perfusione con infliximab e sulle ragioni della loro non aderenza .

Dei 162 pazienti inclusi (121 malattie di Crohn [CD], 41 colite ulcerosa), 87 (53,7%) hanno riportato un ritardo di almeno un'iniezione di infliximab e 14 (8,6%) hanno perso almeno una perfusione di infliximab dall'inizio del trattamento.
Il tasso globale di non aderenza è stato del 54,3%. Raggruppando tutte le mancanze, le ragioni principali di non aderenza erano la gravidanza (33,3%), la non adesione intenzionale (20%) e la dimenticanza (13,3%).

Raggruppando tutti i ritardi, i principali motivi di non aderenza sono stati vincoli professionali (46,9%), infezioni (17,3%) e viaggi (14,3%). La malattia perineale è stata associata a ritardi nella somministrazione dell’ infliximab (p=0.0007, rapporto di dispersione [OR]=4.0), mentre il CD attivo è associato a misses infliximab (p=0.0258, OR=5.4).

In conclusione, il tasso globale di non aderenza all'uso di infliximab è stato del 54,3%. I vincoli professionali e la non aderenza intenzionale sono stati le principali cause di non aderenza. La malattia perineale e il CD attivo erano negativamente legati all'adesione.

Martelli L. et al. Adherence to infliximab therapy in inflammatory bowel disease patients in a real-life setting. J Dig Dis. 2017 Aug 31. doi: 10.1111/1751-2980.12539.

leggi