Malattie infiammatorie intestinali, ozanimod efficace e sicuro in fase II

Il modulatore selettivo del recettore della sfingosina 1-fosfato 1 (S1PR1) e 5-fosfato (S1PR5) attivo per via orale, ozanimod, ha dimostrato benefici sia nella malattia di Crohn che nella colite ulcerosa in uno studio di fase II i cui risultati sono stati presentati al Congresso Mondiale di Gastroenterologia (ACG2017).

Il modulatore selettivo del recettore della sfingosina 1-fosfato 1 (S1PR1) e 5-fosfato (S1PR5) attivo per via orale, ozanimod, ha dimostrato benefici sia nella malattia di Crohn che nella colite ulcerosa in uno studio di fase II i cui risultati sono stati presentati al Congresso Mondiale di Gastroenterologia (ACG2017).

In Europa e in Nord America, circa tre persone su mille hanno la malattia di Crohn e la sua incidenza è in aumento in tutti i gruppi etnici. Esistono trattamenti sintomatici, ma non esiste una cura e le persone con la malattia di Crohn hanno una lieve aspettativa di vita.

La colite ulcerosa colpisce circa uno in 198 persone in Europa e una in 402 persone in Nord America. Mentre si sviluppa gradualmente, le sue complicazioni possono essere pericolose per la vita.

Ozanimod è entrato nella pipeline di Celgene nel 2015 ed ha potenziale per coprire un ampio mercato.Il farmaco è in fase 3 per il trattamento della sclerosi multipla.
Al di là della sclerosi multipla, c'è un notevole bisogno insoddisfatto sia per la malattia di Crohn che per la colite ulcerosa.

Lo studio STEPSTONE, in corso e aperto, ha reclutato pazienti con malattia di Crohn da moderata a grave. Lo studio era diviso in due periodi, induzione ed estensione.
Il primo periodo di induzione ha durata di 12 settimane e tutti i pazienti ricevono 1,0 mg di ozanimod al giorno. I pazienti che completano il periodo di induzione possono quindi essere ammessi a entrare nel periodo di proroga di 100 settimane in cui continueranno a ricevere farmaci.

L’azienda ha ora presentato i dati per il periodo di induzione che ha incluso 69 pazienti (con un'età media di 37,7 anni) con malattia di Crohn da moderata a grave.
Dopo il periodo di trattamento di 12 settimane, i ricercatori hanno rilevato che il punteggio endoscopico semplice per la malattia di Crohn (SES-CD) era ridotto di almeno il 50% nel 27% dei pazienti. Il farmaco ha anche ridotto i sintomi del 25% nel 43% dei pazienti e ha ridotto l'indice di attività della malattia di Crohn (CDAI) alla settimana 4 e alla settimana 12.
Alla settimana 12, il 46% dei pazienti era in remissione CDAI.

Nello studio open-label TOUCHSTONE della durata di 92 settimane sulla colite ulcerosa, il 91% dei pazienti mostrava poca o nessuna malattia, il 97% aveva quantità minime di sangue nelle feci e l’86% non aveva sangue nelle feci.
I miglioramenti dell'endoscopia sono stati particolarmente evidenti nei pazienti con durata più breve della malattia (5 anni o meno) e nei pazienti con minore attività endoscopica al basale.

L'analisi dell'indice di attività della malattia di Crohn (CDAI) è stata effettuata su 59 pazienti. Alla settimana 12, una diminuzione di CDAI di oltre 100 è stata rilevata nel 66% dei pazienti e la remissione CDAI (corrispondente a un punteggio inferiore a 150) è stata osservata nel 46% dei pazienti.

Nello studio TOUCHSTONE, studio di estensione, in aperto, i ricercatori hanno valutato l'efficacia e la sicurezza di due diverse dosi di ozanimod, 0,5 mg e 1,0 mg, rispetto a un placebo dopo otto settimane di trattamento (la fase di induzione).

In totale, lo studio ha arruolato 197 pazienti con colite ulcerosa da moderata a grave. L'endpoint primario dello studio è stato quello di valutare i pazienti che avessero raggiunto la remissione dopo il periodo di induzione. Coloro che avevano ottenuto una risposta clinica alla settimana 8 hanno proceduto alla fase di mantenimento in cui i pazienti hanno ricevuto la stessa dose fino a 32 settimane.

I pazienti trattati con la dose di 1 mg di ozanimod hanno registrato miglioramenti significativi rispetto ai controlli trattati con placebo.
Ai pazienti in tutti i gruppi di studio (0,5 mg, dose da 1,0 mg e placebo) che non hanno risposto al trattamento dopo la fase di induzione, che hanno avuto ricadute durante la fase di mantenimento o hanno completato la fase di mantenimento è stato consentito di passare alla fase aperta di estensione.

Di 197 pazienti, 170 hanno aderito alla fase di estensione, che ha puntato a valutare l'efficacia e la sicurezza a lungo termine (92 settimane) dell'ozanimod giornaliero quando somministrato come dose da 1,0 mg.

L'analisi ha dimostrato che su 100 pazienti il ​​91% ha mostrato poca o nessuna malattia attiva, come indicato dal punteggio globale di valutazione del medico (PGA 0 o 1). Inoltre, il 97% mostrava una minima quantità di sangue nelle feci e l’86% non aveva sangue nelle feci.

Alla settimana 92, non c'era alcuna differenza nel profilo di sicurezza tra il gruppo placebo e i pazienti trattati con ozanimod.
"Le persone con colite ulcerosa necessitano di opzioni aggiuntive per il trattamento che possono fornire vantaggi a lungo termine", ha dichiarato William Sandborn, professore di medicina, capo della divisione gastroenterologica e direttore dell'Università della California presso il Centro malattie infiammatorie di San Diego. "Questi risultati supportano ulteriormente il potenziale del trattamento a lungo termine con ozanimod".

L’azienda che si occupa dello sviluppo del farmaco, Celgene, sta attualmente reclutando i pazienti con colite ulcerosa in uno studio di fase 3 su ozanimod, studio TRUE NORTH.

In conclusione, come ha affermato Brian G. Feagan, dell'Università degli Stati Uniti dell’Ontario in Canada: "Il miglioramento endoscopico, clinico e il profilo di sicurezza di ozanimod riportati nello studio STEPSTONE sono incoraggianti e supportano il suo ulteriore sviluppo come potenziale opzione orale per i pazienti con malattia di Crohn".