Nelle donne non celiache l'assunzione di glutine non aumenta il rischio di colite ulcerosa e Crohn

Gastroenterologia

Nelle donne che non soffrono di celiachia non è stata osservata alcuna correlazione tra l'assunzione di glutine con la dieta e il rischio di incidenza della malattia di Crohn o di colite ulcerosa. Sono i risultati di uno studio presentato sotto forma di abstract al congresso Digestive Disease Week 2020, poi cancellato per l'emergenza Covid-19.

Nelle donne che non soffrono di celiachia non è stata osservata alcuna correlazione tra l'assunzione di glutine con la dieta e il rischio di incidenza della malattia di Crohn o di colite ulcerosa. Sono i risultati di uno studio presentato sotto forma di abstract al congresso Digestive Disease Week 2020, poi cancellato per l’emergenza Covid-19.

«Il glutine, una proteina presente nel grano, nell'orzo e nella segale, ha ricevuto una crescente attenzione da parte del pubblico e della comunità medica per il suo potenziale ruolo in una moltitudine di sintomi e malattie» ha affermato il primo autore Emily Lopes del Massachusetts General Hospital di Boston. «I nostri risultati suggeriscono che il consumo di glutine non aumenta le possibilità che una persona riceva una diagnosi di IBD. Abbiamo scoperto che l'assunzione di glutine nella dieta non era associata a un rischio più elevato né di colite ulcerosa né di malattia di Crohn».

Uno studio prospettico su donne seguite per 20 anni
I ricercatori hanno condotto uno studio prospettico su oltre 208mila donne senza una diagnosi di celiachia o IBD al basale, seguite per oltre 20 anni grazie alla partecipazione agli studi Nurses' Health Study, Nurses' Health Study II, and Health Professionals Follow-up Study.

Lo studio ha stimato la media cumulativa dell'apporto dietetico durante il follow-up tramite questionari semiquantitativi sul comportamento alimentare forniti al basale e ogni 4 anni. Gli autori hanno anche esaminato le cartelle cliniche per confermare i casi auto-segnalati di malattia di Crohn e di colite ulcerosa.

Hanno quindi stimato un rapporto di rischio aggiustato di sviluppare le due condizioni in base ai quintili di assunzione di glutine, con aggiustamento per età, indice di massa corporea, abitudine al fumo, apporto calorico totale, modello dietetico, attività fisica, appendicectomia e farmaci correlati al rischio di IBD.

Nessuna associazione tra glutine e IBD
I risultati hanno evidenziato 272 casi malattia di Crohn e 359 di colite ulcerosa per un totale di oltre due milioni di anni-persona. L’assunzione di glutine con la dieta non è risultata collegata al rischio di nuovi casi di malattie infiammatorie croniche intestinali.

I rapporti di rischio aggiustati per le donne nel quintile più alto di assunzione di glutine aggiustata per l'energia fornita (media al basale = 8,5 g/giorno) erano di 1,04 per la malattia di Crohn e di 1,06 per la colite ulcerosa, rispetto alle donne nel quintile più basso di assunzione di glutine (media al basale = 3,1 g/giorno). Le stime dell'effetto del glutine non sono cambiate dopo aver adeguato i cereali raffinati o interi come fonti primarie di assunzione di glutine.

Secondo un'analisi stratificata, l'età al basale, l'indice di massa corporea e l’abitudine al fumo non hanno modificato la correlazione tra assunzione di glutine e rischio di IBD.

«È importante notare che non abbiamo studiato l'impatto dell'assunzione di glutine sulle persone con diagnosi di IBD, quindi non possiamo espandere i nostri risultati a questa popolazione», hanno fatto presente gli autori.

Bibliografia

Lopes EW et al. Dietary Gluten Intake And Risk Of Inflammatory Bowel Disease Among Us Women Without Celiac Disease. Abstract 847. Presented at: Digestive Disease Week; May 2-5, 2020; Chicago.