Probiotici: efficaci come terapia adiuvante nella colite ulcerosa

Gastroenterologia
L’utilizzo di alcuni probiotici comporta un ulteriore vantaggio nell'induzione e nel mantenimento della remissione nei pazienti con colite ulcerosa e nel mantenimento della remissione in pazienti con pouchite. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista  Inflammatory Bowel Diseases .

I probiotici possono essere definiti come prodotti a base di microrganismi (batteri o lieviti) che, a seguito di somministrazione orale, sono in grado di colonizzare l'intestino e rafforzare direttamente o indirettamente le difese intestinali naturali. I batteri maggiormente rappresentati nei microbiotici sono i lattobacilli ed i bifidobatteri. Sempre più i probiotici vengono utilizzati in aggiunta ad altre terapie nel controllo di alcuni disturbi dell’organismo.

In particolare, questo studio è stato focalizzato all’individuare lavori su diversi probiotici utilizzati per il trattamento di patologie gastrointestinali quali la colite ulcerosa ed il morbo di Crohn.

La meta-analisi ha valutato 23 studi randomizzati controllati che confrontavano pazienti con malattia infiammatoria intestinale, trattati con  probiotici o di controllo. I ricercatori hanno estratto dagli studi anche dati riguardanti i tassi di recidiva e gli eventi avversi legati ai 1763 pazienti inclusi nello studio.

I dati hanno dimostrato che i probiotici hanno aumentato in modo significativo i tassi di remissione nei pazienti con colite ulcerosa attiva ( RR = 1.51 , 95% CI , 1,10-2,06 ), ma non nei  pazienti celiaci ( RR = 0.89 , 95 % CI , 0,7-1,13 ) .

Mentre i tassi di remissione per i pazienti con colite ulcerosa attiva, che assumono probiotici, erano significativamente maggiori rispetto al placebo ( RR = 1,8 , 95 % CI , 1,36-2,39 ) , solo il probiotico VSL # 3 aumentava in modo significativo i tassi di remissione in pazienti con colite ulcerosa attiva (RR = 1.74 , 95% CI , 1.19 - 2.55 ) .

Lo stesso probiotico diminuiva anche in modo significativo i tassi di recidiva clinica tra i pazienti con pouchite in fase di mantenimento della remissione ( RR = 0.18 , 95% , 0,1-0,34 ) ..

VSL#3 è integratore alimentare probiotico che ha già dimostrato efficacia in diverse affezioni gastrointestinali.

La meta- analisi ha suggerito che i probiotici hanno effetti simili al comune trattamento con acido 5 - aminosalicilico ( 5 - ASA ) nel mantenimento della terapia nei pazienti con colite ulcerosa ( RR = 0.96 , 95% CI , 0,76-1,19 ) . Non è stata però vista differenza tra il  trattamento con 5 - ASA e probiotici rispetto a 5 - ASA e placebo ( RR = 0.67 , 95 % CI , 0,33-1,38 ) .

Non sono stati osservati effetti collaterali nel trattamento della colite ulcerosa (P = 0.94, RR = 0.99) o del morbo di Crohn (P = 0.33, RR = 0.87).

Lo studio a delle limitazioni dovute al potenziale bias di pubblicazione, al numero di prove focalizzata sulla remissione e tassi di risposta tra i pazienti CD e differenze nei criteri per la definizione dei risultati di interesse tra gli studi inclusi

I ricercatori hanno concluso sottolineando che serviranno studi clinici controllati randomizzati più rigorosi e ben progettati per confermare tali risultati.

Emilia Vaccaro

Shen J, Zuo ZX, Mao AP. Effect of probiotics on inducing remission and maintaining therapy in ulcerative colitis, Crohn's disease, and pouchitis: meta-analysis of randomized controlled trials. Inflamm Bowel Dis. 2014 Jan;20(1):21-35.

leggi