Rifaximina, nuovi dati di sicurezza nella sindrome dell'intestino irritabile

Gastroenterologia

Sono stati presentati a Washington durante il meeting annuale DDW2018, che si concluderà domani, risultati aggiuntivi di sicurezza della rifaximina. Tali risultati derivano da un'analisi post-hoc di dati di Fase 3 in cui veniva valutato l'effetto della rifaximina sul rischio di infezioni in modo randomizzato, controllato con placebo in adulti con sindrome dell'intestino irritabile con diarrea (IBS-D) e mostrano come l'incidenza di eventi avversi severi è bassissima e che gli eventi avversi collegabili alle infezioni sono stati dell'11.9%.

Sono stati presentati a Washington durante il meeting annuale DDW2018, che si concluderà domani, risultati aggiuntivi di sicurezza della rifaximina. Tali risultati derivano da un'analisi post-hoc di dati di Fase 3 in cui veniva valutato l'effetto della rifaximina sul rischio di infezioni in modo randomizzato, controllato con placebo in adulti con sindrome dell'intestino irritabile con diarrea (IBS-D) e mostrano come l’incidenza di eventi avversi severi è bassissima e che gli eventi avversi collegabili alle infezioni sono stati dell’11.9%.

Fino a 16 milioni di americani soffrono di IBS-D, e possono vivere con sintomi debilitanti, tra cui dolore addominale e diarrea.
La rifaximina è un farmaco antibiotico appartenente alla classe delle rifamicine ed è dotato di attività battericida.
L’analisi dei dati di questo studio di fase 3 aveva l’obiettivo di rafforzare quanto già si sa sulla sicurezza del farmaco.

Nella fase in aperto, i pazienti IBS-D (sulla base dei criteri di Roma III) hanno ricevuto il trattamento con rifaximina 550 mg TID (due volte al giorno) per due settimane, seguito da un periodo di valutazione senza trattamento di quattro settimane per determinare la risposta alla rifaximina.

I responder sono stati successivamente seguiti fino alla ricaduta dei sintomi dell'IBS o fino a 18 settimane aggiuntive, a seconda di quale evento si verificava prima.
I non rispondenti sono stati ritirati dallo studio. I pazienti recidivanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere due cicli di trattamento ripetuto di due settimane con rifaximina 550 mg TID o placebo, con cicli ripetuti separati da 10 settimane.

Tutti i pazienti, indipendentemente dalla risposta o dalla recidiva dopo la prima ripetizione del trattamento, sono stati sottoposti a un secondo trattamento ripetuto con lo stesso regime assegnato alla randomizzazione.

Gli eventi avversi (AE) sono stati monitorati durante lo studio per un massimo di 24 settimane nella fase in aperto e fino a 22 settimane nella fase in doppio cieco. All'inizio del trattamento con rifaximina in aperto, i campioni di feci sono stati raccolti e testati per le tossine di Clostridium difficile A e B. I pazienti risultati positivi sono stati ritirati dallo studio e il risultato positivo registrato come AE.


Dei 2.579 pazienti nel gruppo di trattamento in aperto, eventi avversi correlati alle infezioni sono stati riscontrati nell'11,9% dei pazienti, la più comune delle quali è stata l'infezione del tratto respiratorio superiore (1,6%).

Dei 328 pazienti trattati con compresse di rifaximina da 550 mg nel gruppo in doppio cieco e nei 308 pazienti trattati con placebo, gli eventi avversi correlati alle infezioni sono stati riscontrati rispettivamente nel 18,6% e nel 19,8% dei pazienti. L'incidenza di eventi avversi gravi (SAE) correlati all'infezione era bassa in entrambi i gruppi.

E’ indicato per il trattamento della diarrea dei viaggiatori (TD) causata da ceppi non invasivi di Escherichia coli in pazienti dai 12 anni in su, per la riduzione del rischio di encefalopatia epatica conclamata (HE) recidivante negli adulti e per il trattamento della IBS-D negli adulti.

In conclusione, come ha dichiarato Mark Pimentel, professore di Medicina e direttore del Medically Associated Science and Technology Program presso il Cedars-Sinai a Los Angeles. "Sono incoraggiato da questi risultati che ci aiutano a comprendere fino a che punto il Clostridium difficile (C. Diff) può verificarsi in parallelo alla terapia con rifaximina".

"Questi nuovi dati supportano ulteriormente la sicurezza di rifaximina e rinforzano l'ennesimo potenziale beneficio per i pazienti IBS-D sottoposti a questo trattamento” ha aggiunto Pimentel.

"Lack Of Development Of Opportunistic Infections, Including Candidiasis, In Patients With Diarrhea-Predominant Irritable Bowel Syndrome Receiving Repeat Treatment With Rifaximin." DDW2018 3-5 giugno Washington.