Sindrome da chilomicronemia familiare, volanesorsen riduce i trigliceridi del 77%. Studio sul NEJM

Gastroenterologia

Volanesorsen, un farmaco oligonucleotidico antisenso approvato da poco a livello europeo, ha ridotto i trigliceridi a meno di 750 mg/dL nel 77% dei pazienti con sindrome di chilomicronemia familiare. E' quanto emerge dallo studio APPROACH appena pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Volanesorsen, un farmaco oligonucleotidico antisenso approvato da poco a livello europeo, ha ridotto i trigliceridi a meno di 750 mg/dL nel 77% dei pazienti con sindrome di chilomicronemia familiare (FCS). E’ quanto emerge dallo studio APPROACH appena pubblicato sul New England Journal of Medicine.

"I risultati dello studio APPROACH indicano che nella maggior parte dei pazienti volanesorsen abbassa i livelli di trigliceridi al di sotto della soglia di rischio di pancreatite acuta indotta da trigliceridi" ha dichiarato il prof. Marcello Arca, responsabile dell'unità di lipidi e aterosclerosi dell'Ospedale Universitario Policlinico Umberto I. "La pancreatite acuta è una delle conseguenze più gravi della FCS, causando ricovero ospedaliero, perdita di lavoro o scuola, riduzione del tempo con la famiglia oltre al potenziale di danni permanenti agli organi o morte. volanesorsen è un trattamento promettente che potrebbe ridurre significativamente il carico di FCS per i pazienti e le loro famiglie".

I ricercatori hanno analizzato i dati di 66 pazienti (età media, 46 anni; 36 donne) con sindrome da chilomicronemia familiare. Al basale, dopo un periodo di rodaggio di 6 settimane per la stabilizzazione della dieta, i pazienti presentavano livelli di trigliceridi a digiuno di 750 mg/dL o superiori.

Una volta completato questo periodo di assestamento della dieta, i pazienti sono stati assegnati a una terapia con 300 mg a settimana di volanesorsen (n = 33) o placebo (n = 33). Il trattamento è stato somministrato per 52 settimane.

L'endpoint primario è stato il cambiamento dei livelli di trigliceridi a digiuno dal basale a 3 mesi.
I pazienti che ricevevano volanesorsen avevano una diminuzione dei livelli plasmatici medi di apolipoproteine C-III dal basale di 25,7 mg per decilitro, corrispondente a una diminuzione dell'84% a 3 mesi, mentre i pazienti che ricevevano placebo presentavano un aumento dei livelli plasmatici medi di apolipoproteine C-III dalla linea di base di 1,9 mg per decilitro, corrispondente a un aumento del 6,1% (P<0.001).

I pazienti che ricevevano volanesorsen avevano una diminuzione del 77% dei livelli medi di trigliceridi, corrispondente a una diminuzione media di 1712 mg per decilitro (19.3 mmol per litro) ( intervallo di confidenza del 95% [CI], da 1330 a 2094 mg per decilitro [da 15.0 a 23].6 mmol per litro]), mentre i pazienti che ricevevano placebo avevano un aumento del 18% dei livelli medi di trigliceridi, corrispondente ad un aumento di 92.0 mg per decilitro (1.0 mmol per litro) (95% CI, da -301.0 a 486 mg per decilitro [da -3.4 a 5.5 mmol per litro]) (P<0,001).

A 3 mesi, il 77% dei pazienti del gruppo volanesorsen, rispetto al 10% dei pazienti del gruppo placebo, aveva livelli di trigliceridi inferiori a 750 mg per decilitro (8,5 mmol per litro).

Un totale di 20 dei 33 pazienti che hanno ricevuto volanesen hanno avuto reazioni nel sito di iniezione, mentre nessuno dei pazienti che hanno ricevuto placebo ha avuto tali reazioni. Nessun paziente del gruppo placebo aveva conteggi piastrinici inferiori a 100.000 per microlitro, mentre 15 dei 33 pazienti del gruppo volanesorsen avevano tali livelli, tra cui 2 che avevano livelli inferiori a 25.000 per microlitro. Nessun paziente ha avuto conteggi piastrinici inferiori a 50.000 per microlitro dopo l'inizio del monitoraggio piastrinico avanzato.

"Questi dati mostrano che l'abbassamento dell'apolipoproteina C-III volanesen-mediato aumenta efficacemente la clearance delle lipoproteine ricche di trigliceridi in pazienti senza attività [lipasi lipoproteica]", scrive il primo autore del trial. "Poiché le terapie tradizionali che abbassano i trigliceridi come i fibrati, gli acidi grassi omega-3 e le statine dipendono dall'attività della lipasi [lipoproteina lipasi], dall'inibizione della produzione epatica di VLDL o da entrambi, esse sono largamente inefficaci nella sindrome familiare da chilomicronemia, come evidenziato dal fatto che la metà dei pazienti in questo studio riceveva uno o più di questi agenti al momento del loro reclutamento".

Volanesorsen è un farmaco oligonucleotidico antisenso studiato per ridurre la produzione della apolipoproteina CIII (o ApoC-III) che regola i trigliceridi plasmatici, sotto forma di una siringa preriempita monouso per iniezione sottocutanea in auto-somministrazione. E’ stato approvato in Europa lo scorso mese di maggio.

La sindrome da chilomicronemia familiare (FCS) è una malattia debilitante ultra-rara che può cambiare la vita di chi ne è affetto. È causata dalla compromissione della funzione dell'enzima lipoproteina lipasi (Lpl) ed è caratterizzata da una grave ipertrigliceridemia (>880 mg/dl o 10 mmol/l) e dal rischio di pancreatite acuta imprevedibile e potenzialmente fatale. Si stima che al mondo siano 3-5mila le persone che vivono con la malattia, 1000 delle quali solo in Europa.