L'Associazione Americana per lo Studio delle Malattie del Fegato (AASLD), insieme ad altre società, hanno aggiornato le linee guida per il trattamento dell’infezione virale da epatite C (HCV), compreso l'uso di farmaci antivirali ad azione diretta. Tale aggiornamento è stato pubblicato online il 25 giugno su Hepatology.
Secondo le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, la prevalenza globale di infezione cronica da HCV si sta avvicinando ai 150 milioni. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti hanno riferito una prevalenza di 2,7 milioni, con 30.000 nuovi casi acuti nel 2013. Le conseguenze per la salute dovute all’ HCV includono complicanze della cirrosi o epatocarcinoma.
"La buona notizia è che l'HCV è ormai sul punto di essere una malattia curabile per milioni di americani, in molti dei quali non è diagnosticata," ha dichiarato il co-chair del pannello il dr. Gary Davis, presidente della MedLogician Consulting: "La nuova linea guida online è una risorsa facile da usare per i professionisti che trattano pazienti con HCV attraverso i nuovi farmaci antivirali".
Il pannello di scrittura ha incluso 26 specialisti in epatologia e malattie infettive, così come un rappresentante dei pazienti, che si sono occupati di  test per l’HCV e il collegamento per la cura, la terapia iniziale dell'infezione da HCV nei pazienti naive al trattamento, il ritrattamento per pazienti refrattari ad una precedente terapia, e dati per popolazioni speciali di pazienti.
Secondo i nuovi dati disponibili presentati all’Internazionale Liver Congress 2015 (congresso dell’EASL , l’Associazione Europea per lo Studio del Fegato), il pannello aggiorna sezioni su quando e in chi iniziare la terapia, il trattamento iniziale, ritrattamento, l’infezione acuta da HCV, e le popolazioni speciali (coinfezione HIV/HCV, cirrosi scompensata e insufficienza renale).
"La guida è un documento che verrà continuamente aggiornato con consigli evidence-based su come utilizzare al meglio la nuova generazione di antivirali ad azione diretta e di altre opzioni di trattamento", ha detto la dr.ssa Keith Lindor, presidente eletto dell’ Associazione Americana per lo Studio delle Malattie del Fegato: "Il nostro ruolo come associazioni di ricercatori e medici è quello di fornire informazioni chiave nel formato appropriato per i pazienti e coloro che si occupano di loro."

Alcuni degli aggiornamenti specifici sono i seguenti:
Tutti i pazienti con infezione cronica da HCV devono essere trattati con l'eccezione di quelli con breve speranza di vita a causa di condizioni di comorbidità.
Sulla base delle risorse disponibili, ai pazienti ad alto rischio di complicanze epatiche dovrebbe essere data la massima priorità per il trattamento immediato.
Pazienti naive al trattamento con HCV di genotipo 1a o infezione 1b dovrebbero ricevere al giorno sofosbuvir  (400 mg) più simeprevir (150 mg) per 12 settimane (senza cirrosi) o 24 settimane (cirrosi senza Q80K polimorfismo), con o senza ribavirina in base al peso (da 1000 mg [ 75 kg]).
Pazienti naive al trattamento con infezione HCV di genotipo 3 dovrebbero ricevere al giorno sofosbuvir (400 mg) e in base al peso ribavirina più peginterferone settimanale per 12 settimane o, in alternativa, sofosbuvir giornaliero e in base al peso ribavirina per 24 settimane, se sono l'interferone-ammissibili.
Pazienti naive al trattamento con infezione HCV di genotipo 5 o 6 dovrebbero ricevere una combinazione a dose fissa giornaliera di ledipasvir (90 mg) / sofosbuvir (400 mg) per 12 settimane o, in alternativa, sofosbuvir giornaliera e in base al peso ribavirina più peginterferone settimanale per 12 settimane. Non è raccomandato peginterferone e ribavirina con o senza simeprevir per 24 a 48 settimane.
I pazienti con infezione HCV di genotipo 1a o 1b senza cirrosi ma con fallimento di un precedente trattamento con peginterferone e ribavirina deve ricevere al giorno sofosbuvir (400 mg) più simeprevir (150 mg) per 12 settimane.
Le società che collaborano con l'Associazione Americana per lo Studio delle Malattie del Fegato nell’aggiornamento di queste linee guida sono Infectious Diseases Society of America and the International Antiviral Society-USA.
Emilia Vaccaro
Hepatitis C guidance: AASLD-IDSA recommendations for testing, managing and treating adults infected with hepatitis C virus 
Authors On behalf of the Hepatitis C Guidance Panel 
leggi