Ulcera da stress gastrointestinale, pantoprazolo sicuro quanto il placebo. Studio sul NEJM

I pazienti in trattamento con pantoprazolo per sanguinamento gastrointestinale da ulcera peptica hanno la stessa probabilitÓ di andare incontro a decesso e a eventi clinicamente importanti rispetto a pazienti che hanno assunto il placebo. E' quanto mostrato da uno studio pubblicato sulla rivista The New England Journal of Medicine.

I pazienti in trattamento con pantoprazolo per sanguinamento gastrointestinale da ulcera peptica hanno la stessa probabilità di andare incontro a decesso e a eventi clinicamente importanti rispetto a pazienti che hanno assunto il placebo. E’ quanto mostrato da uno studio pubblicato sulla rivista The New England Journal of Medicine.

La profilassi per l'ulcera da stress gastrointestinale viene spesso somministrata ai pazienti nell'unità di terapia intensiva (ICU), ma i suoi rischi e benefici non sono chiari.

Gli inbitori della pompa protonica sono farmaci molto utilizzati; agiscono inibendo la produzione di acido cloridrico da parte dello stomaco. L’inibizione dell'enzima gastrico H+/K+-ATPasi implica un minore rilascio degli ioni idrogeno e quindi una maggiore acidità dello stomaco.

Diversi lavori, come uno recente pubblicato su BMJ nel 2017 e una review del 2016 pubblicata sulla rivista Canadian Medical Association Journal mettono in guardia sull’eccessivo utilizzo che sarebbe collegato a osteoporosi, nefrite, demenza e anche morte prematura.

In questo studio europeo, multicentrico, a gruppi paralleli, in cieco, i ricercatori hanno assegnato casualmente adulti che erano stati ricoverati in ICU per una condizione acuta (cioè un'ammissione non pianificata) e che erano a rischio di sanguinamento gastrointestinale a ricevere 40 mg di pantoprazolo per via endovenosa (un inibitore della pompa protonica) o placebo durante la permanenza in terapia intensiva. L'esito primario era il decesso 90 giorni dopo la randomizzazione.

Sono stati arruolati un totale di 3298 pazienti; 1645 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo pantoprazolo e 1653 al gruppo placebo.
I dati sull'esito primario erano disponibili per 3282 pazienti (99,5%). A 90 giorni, 510 pazienti (31,1%) nel gruppo pantoprazolo e 499 (30,4%) nel gruppo placebo erano deceduti (rischio relativo, 1,02, intervallo di confidenza al 95% [CI], 0,91-1,13, p=0,76).

Durante la permanenza in terapia intensiva, si è verificato almeno un evento clinicamente importante (un composito di sanguinamento gastrointestinale clinicamente importante, polmonite, infezione da Clostridium difficile o ischemia miocardica) nel 21,9% dei pazienti assegnati a pantoprazolo e nel 22,6% di quelli assegnati a placebo (relativo rischio, 0,96, IC 95%, da 0,83 a 1,11).

I ricercatori hanno evidenziato che la mortalità a 90 giorni, le percentuali di sopravvivenza senza l'uso di supporto vitale, e il numero di pazienti con eventi clinicamente importanti, eventi avversi infettivi o gravi reazioni avverse erano simili tra i pazienti trattati con pantoprazolo e quelli che avevano ricevuto il placebo.

Una percentuale inferiore di pazienti nel gruppo pantoprazolo rispetto al placebo aveva sanguinamenti gastrointestinali clinicamente importanti in terapia intensiva (2.5% con pantoprazolo vs 4.2% del placebo).

Questi risultati sono simili a quelli ottenuti in a recente meta-analisi di rete, in cui non state osservate significative differenze nei tassi di decesso o complicazioni infettive tra i pazienti che avevano ricevuto il placebo o nessuna profilassi e quelli in trattamento con inibitori della pompa protonica.

In conclusione, tra i pazienti adulti in terapia intensiva che erano a rischio di sanguinamento gastrointestinale, la mortalità a 90 giorni e il numero di eventi clinicamente importanti erano simili in quelli che assumevano pantoprazolo rispetto a quelli assegnati al placebo.

Krag M et al., Pantoprazole in Patients at Risk for Gastrointestinal Bleeding in the ICU. N Engl J Med. 2018 Oct 24. doi: 10.1056/NEJMoa1714919.
leggi

Benmassaoud A. et al., Potential harms of proton pump inhibitor therapy: rare adverse effects of commonly used drugs. CMAJ. 2016 Jun 14;188(9):657-62. doi: 10.1503/cmaj.150570. Epub 2015 Nov 23.
leggi

Xie Y et al., Risk of death among users of Proton Pump Inhibitors: a longitudinal observational cohort studyof United States veterans. BMJ Open. 2017 Jul 4;7(6):e015735. doi: 10.1136/bmjopen-2016-015735.
leggi

Alhazzani W et al., Efficacy and safety of stress ulcer prophylaxis in critically ill patients: a network meta-analysis of randomized trials. Intensive Care Med. 2018 Jan;44(1):1-11. doi: 10.1007/s00134-017-5005-8. Epub 2017 Dec 4.
leggi