Uso di oppioidi, attenzione al rischio di iposensibilitÓ rettale

Gastroenterologia

Il recente uso di oppioidi Ŕ un fattore di rischio indipendente per l'iposensibilitÓ rettale e la disfunzione nella defecazione nei pazienti con costipazione cronica indotta da questi farmaci. E' quanto mostrano i risultati di uno studio presentati all'American College of Gastroenterology Annual Meeting.

Il recente uso di oppioidi è un fattore di rischio indipendente per l'iposensibilità rettale e la disfunzione nella defecazione nei pazienti con costipazione cronica indotta da questi farmaci. E’ quanto mostrano i risultati di uno studio presentati all'American College of Gastroenterology Annual Meeting.

Walter W. Chan, direttore del Center for Gastrointestinal Motility presso il Brigham and Women 's Hospital, ha affermato che la costipazione indotta da oppioidi (OIC) è uno degli effetti collaterali gastrointestinali più comuni dell'uso di oppioidi, che colpisce circa l'80% dei pazienti.

"Le attuali linee guida per il trattamento e la gestione dell'OIC si concentrano principalmente sul transito nel colon", ha affermato nella sua presentazione. "Ciò che è attualmente sconosciuto è se l'uso di oppiacei può anche portare a disfunzione nella defecazione che può portare a difficoltà nell'escrezione delle feci".

I ricercatori hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo su 317 adulti sottoposti a manometria anorettale ad alta risoluzione (HRAM) presso un centro di assistenza terziaria per costipazione cronica e hanno rivisto le caratteristiche cliniche e i risultati dei pazienti.

I ricercatori hanno definito l'iposensibilità rettale aumentando il volume della sensazione rettale per la prima sensazione, l'impulso e la massima tolleranza. Hanno definito la disfunzione da defecazione come rilassamento dello sfintere anale compromesso (aumento <20% dalla pressione di riposo) durante una manovra di deformazione con o senza spinta debole, che hanno definito l’inadeguata pressione di contrazione rettale (<40 mmHg aumentato dal basale). Infine, hanno definito l'espulsione del palloncino “di successo” come l'evacuazione di un palloncino da 50 ml entro 2 minuti.

Rispetto agli individui che non avevano usato oppioidi nel breve periodo, i pazienti con un recente uso di oppioidi avevano un volume aumentato per la prima sensazione rettale (61,5 ml contro 70,4 ml; p=0,043), sensazione di stimolo (104,5 ml contro 120,4 ml; p=0,04) e tolleranza massima (149,6 contro 170,2 ml; p=0,0083).

I pazienti con recente uso di oppioidi hanno anche mostrato un aumentato rischio di disfunzione da defecazione (63,4% vs. 44,9%; p=0,029).

Dopo aver controllato diversi confondenti, tra cui la storia della sindrome dell'intestino irritabile e il recente uso di oppiacei ma non un uso distante, Chan e colleghi hanno scoperto che il recente uso di oppiacei era ancora associato in modo indipendente con un aumento del volume per la sensazione di stimolo, la tolleranza massima e un rischio più elevato di disfunzione da defecazione.

"I pazienti con uso recente di oppiacei possono avere una fisiologia anorettale diversa rispetto a quelli che non li hanno usati nell’immediato periodo", ha sottolineato Chan. “Quando ci troviamo a gestire una costipazione indotta da oppioidi, dovremmo pensare a qualcosa di più del solo tempo di transito lento”

Lodhia N, et al. Abstract 66. American College of Gastroenterology Annual Meeting; 25-30 ottobre 2019; Sant 'Antonio.