Uso di PPI e sviluppo di demenza, smentito il collegamento

Gastroenterologia

Da diverso tempo ci si interroga sul collegamento tra l'utilizzo di inibitori della pompa protonica e l'insorgenza di malattie neurodegenerative. Una nuova meta-analisi dell'UniversitÓ del Tennenssee ha evidenziato che non c'Ŕ un'associazione clinicamente significativa tra la terapia a breve termine con inibitori della pompa protonica e un aumento del rischio di demenza. Lo studio Ŕ stato pubblicato sull'American Journal of Gastroenterology.

Da diverso tempo ci si interroga sul collegamento tra l’utilizzo di inibitori della pompa protonica e l’insorgenza di malattie neurodegenerative. Una nuova meta-analisi dell’Università del Tennenssee ha evidenziato che non c’è un’associazione clinicamente significativa tra la terapia a breve termine con inibitori della pompa protonica e un aumento del rischio di demenza. Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology.

Colin W. Howden, professore di medicina di Hyman e capo della divisione di gastroenterologia presso il Centro di scienza della salute dell'Università del Tennessee, e colleghi hanno evidenziato nel lavoro che gli inibitori della pompa protonica sono stati collegati in passato a eventi avversi, tra cui la demenza. Tuttavia, gli studi che hanno esplorato questi rischi hanno restituito risultati contrastanti.

"Gli inibitori della pompa protonica sono ampiamente utilizzati ma, negli ultimi anni, sono stati collegati a una vasta gamma di possibili reazioni avverse. Le prime notizie di un legame tra PPI e demenza hanno ricevuto molta attenzione da parte dei media e hanno causato molta ansia tra i pazienti, i loro familiari e il personale sanitario. Studi successivi - e di migliore qualità - non hanno trovato un'associazione tra uso di PPI e demenza, ma, purtroppo, questi non hanno attirato l'attenzione dei media. " ha precisato Howden.

Per valutare ulteriormente questa proposta di associazione, Howden e colleghi hanno cercato nella letteratura studi che esplorassero il potenziale legame tra PPI e demenza. Hanno determinato rapporti di rischio aggregati e probabilità per studi che riportavano risultati di sintesi.

Hanno identificato 11 studi osservazionali che si adattano ai loro criteri. Gli studi comprendevano 642.949 individui, 158.954 dei quali hanno usato PPI. La durata media dello studio variava da 5 a 10 anni.

Tra gli studi che sintetizzavano dati come la FC aggiustata, la FC aggregata per tutte le cause di demenza era pari a 1,1 (IC 95%, 0,88-1,37) e 1,06 solo per la demenza di Alzheimer (IC 95%, 0,72-1,25).

Per gli studi che hanno utilizzato un OR aggiustato, l'OR riunito per tutte le cause di demenza era 1,03 (IC 95%, 0,84-1,25) e 0,96 solo per la demenza di Alzheimer (IC 95%, 0,82-1,11).

Howden ha sottolineato che i risultati non supportano l'associazione proposta tra PIP e aumento del rischio di demenza.

"I pazienti che sono in trattamento con PPI per un motivo valido non dovrebbero fermarlo a causa delle preoccupazioni sul rischio di demenza", ha detto Howden. “Ai pazienti anziani non dovrebbe essere negato il trattamento con PPI se hanno un'indicazione valida per questo. I pazienti che sono in cura per PPI per ragioni poco chiare dovrebbero discutere con i loro medici della loro continua necessità. Se non ne hanno un bisogno continuo, il trattamento andrebbe interrotto, ma non per motivi di sicurezza residua. "

Khan MA et al., No Association Linking ShortTerm Proton Pump Inhibitor Use to Dementia: Systematic Review and Meta-analysis of Observational Studies. Am J Gastroenterol. 2020 Jan 2. doi: 10.14309/ajg.0000000000000500.

leggi