Gastroenterologia

Ustekinumab, efficace nella malattia di Crohn perianale refrattaria

Un recente articolo pubblicato sull'American Journal of Gastroenterology ha evidenziato che ustekinumab pu˛ essere un trattamento terapeutico efficace nella malattia di Crohn perianale refrattaria.

Un recente articolo pubblicato sull'American Journal of Gastroenterology ha evidenziato che ustekinumab può essere un trattamento terapeutico efficace nella malattia di Crohn perianale refrattaria.

Per i pazienti con malattia di Crohn (CD) con lesioni perianali, in caso di mancata risposta agli anti-TNF, sono necessarie nuove opzioni terapeutiche  In questo studio gli autori  del GETAID BioLAP Study Group hanno mirato a valutare l'efficacia di ustekinumab nel CD perianale (pCD) e nei predittori di successo clinico in una coorte multicentrica nella vita reale.

"Questo ampio studio multicentrico aggiunge prove sostanziali alla crescente letteratura sull'efficacia di ustekinumab nella malattia di Crohn refrattaria", ha precisato Constance Chapuis-Biron, del dipartimento di gastroenterologia dell'Ospedale universitario di Besançon, Università Bourgogne Franche-Comté a Besançon, Francia.

Chapuis-Biron e colleghi hanno condotto uno studio retrospettivo multicentrico su 207 pazienti con CD perianale (pCD) attiva o inattiva che avevano ricevuto ustekinumab.

Nei pazienti con pCD attivo all'inizio del trattamento, il successo di ustekinumab è stato definito dal successo clinico a 6 mesi valutato dal giudizio del medico senza ulteriore trattamento medico o chirurgico per pCD. Sono state eseguite analisi di regressione logistica univariata e multivariata per identificare i predittori di successo. Nei pazienti con pCD inattivo all'inizio di ustekinumab, la sopravvivenza libera da recidiva di pCD è stata calcolata utilizzando il metodo Kaplan-Meier.

L’età media dei pazienti era 37.7 anni, la durata media della CD era di 14,3 anni e il numero medio di precedenti interventi chirurgici perianali era di 2,8. I ricercatori hanno riferito che 205 pazienti (99%) erano stati precedentemente esposti ad almeno un anti-TNF e 58 pazienti (28%) a vedolizumab.

Il tempo mediano di follow-up è stato di 48 settimane; 56/207 (27%) pazienti hanno interrotto la terapia dopo un tempo mediano di 43 settimane.

Cinquantasette dei 148 pazienti con CD perianale attiva hanno raggiunto il successo, secondo i ricercatori. Ventinove degli 88 pazienti con setoni all'inizio hanno avuto successo nella rimozione. L'assenza di ottimizzazione era correlata al successo del trattamento (OR=2,74; 95% CI, 0,96-7,82).

Nell' analisi multivariata, il numero di precedenti agenti anti-TNF (≥3) era significativo al limite (p=0,056, odds ratio 0,4; intervallo di confidenza al 95%: 0,15–1,08). Nei pazienti con pCD inattivo all'inizio, la probabilità di sopravvivenza libera da recidiva era dell'86,2% e del 75,1% rispettivamente alle settimane 26 e 52.
Ustekinumab appare come una potenziale opzione terapeutica efficace nel CD refrattario perianale ma vanno eseguiti comunque ulteriori studi prospettici.

Biron C. et al., Ustekinumab for Perianal Crohn's Disease: The BioLAP Multicenter Study From the GETAID. The American Journal of Gastroenterology: November 2020 - Volume 115 - Issue 11 - p 1812-1820

leggi