Variazioni del microbiota intestinale, quanto incidono i primi mesi di vita?

Gastroenterologia

Cresce sempre di più l'interesse medico e farmaceutico verso il microbiota intestinale, questo insieme di batteri il cui equilibrio se perturbato incide negativamente su numerose funzioni dell'organismo. E' di pochi giorni fa la pubblicazione sulla rivista Science Translational Medicine del collegamento tra precoce esposizione agli antibiotici nei bambini, nascita attraverso taglio cesareo, alimentazione con latte artificiale con uno sviluppo disturbato del microbiota intestinale e una ridotta diversità microbica nei bambini.

Cresce sempre di più l’interesse medico e farmaceutico verso il microbiota intestinale, questo insieme di batteri il cui equilibrio se perturbato incide negativamente su numerose funzioni dell’organismo. E’ di pochi giorni fa la pubblicazione sulla rivista Science Translational Medicine del collegamento tra precoce esposizione agli antibiotici nei bambini, nascita attraverso taglio cesareo, alimentazione con latte artificiale con uno sviluppo disturbato del microbiota intestinale e una ridotta diversità microbica nei bambini.
Il "microbiota" intestinale, la comunità di microbi che abitano il tratto intestinale umano, subisce molti cambiamenti durante i primi 2 anni di vita. Bokulich et al. ora mostrano che questo modello di sviluppo è alterato nei bambini che nascono con taglio cesareo, allattati con latte artificiale, o trattati con antibiotici, rispetto a quei bambini nati per via vaginale, allattati al seno, o non esposti precocemente agli antibiotici.
Secondo quanto precisato dagli autori nello studio, del dipartimento di medicina e di microbiologia presso la New York University Langone Medical Center, l’importanza della loro scoperta è nell’assemblaggio del microbiota e nella maturazione dello stesso che sembra diversa nei bambini nati con taglio cesareo, alimentati subito artificialmente ed esposti precocemente agli antibiotici.
Per modellare lo sviluppo della flora batterica intestinale, e per determinare gli effetti delle modalità di nascita, nutrizione infantile ed esposizione agli antibiotici, il dott. Bokulich e colleghi hanno ottenuto campioni di feci da 43 bambini dalla nascita fino all'età di 2 anni e analizzati utilizzando il sequenziamento del microbioma. 
Sono stati anche raccolti campioni vaginali, rettali e fecali dalle madri prima e dopo la nascita del bambino.
I ricercatori hanno scoperto che l'esposizione agli antibiotici ha cambiato la direzione della diversità microbica durante i primi mesi di vita. Inoltre, i bambini che sono stati esposti agli antibiotici hanno mostrato ritardo di maturazione dello stesso microbiota, in particolare tra le età di 6 mesi a 1 anno, e anche mostrato differenze metagenomiche.
I neonati con taglio cesareo avevano una maggiore diversità filogenetica, ricchezza e uniformità al basale rispetto a quelli nati per via vaginale, ma questa differenza è diminuita significativamente nel primo mese di vita ed è rimasta relativamente bassa fino all'età di 2 anni.
Gli autori hanno sottolineato che nei nati con taglio cesareo, è presente un modello microbico anomalo oltre il primo compleanno, che è un tempo più lungo di quanto avessero previsto.
Infine, i ricercatori hanno scoperto che la diversità microbica, la composizione e la maturazione risultavano significativamente ridotti nei bambini che erano stati in primo luogo alimentati artificialmente con età compresa tra 1 e 2 anni.
In conclusione, lo studio non riporta dati relativi alla salute, perché non sono state valutate le conseguenze di questi cambiamenti ma i risultati sono coerenti con studi epidemiologici che indicano che queste esposizioni sono associate a un aumento del rischio di diabete di tipo 1, celiachia, allergie, e obesità. Studi futuri potranno determinare i cambiamenti del microbiota influenzano la salute di questi bambini.

EV
Bokulich NA et al. Antibiotics, birth mode, and diet shape microbiome maturation during early life. Sci Transl Med. 2016 Jun 15;8(343):343ra82. 
leggi