Vino rosso, un consumo moderato migliora la diversitÓ microbica intestinale

Gastroenterologia

Il consumo moderato di vino rosso ha contribuito a promuovere una migliore diversitÓ all'interno del microbioma intestinale, il che potrebbe contribuire ai numerosi benefici per la salute. E' quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato su Gastroenterology.

Il consumo moderato di vino rosso ha contribuito a promuovere una migliore diversità all'interno del microbioma intestinale, il che potrebbe contribuire ai numerosi benefici per la salute. E’ quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato su Gastroenterology.

Negli ultimi anni sono stati pubblicati diversi studi che hanno valutato l’effetto del consumo di alcol sulla salute e che hanno evidenziato come molto dipenda dal quantitativo ingerito, per cui un consumo eccessivo porta a risultati negativi per il nostro organismo ma se le quantità sono moderate gli effetti maggiori sono benefici soprattutto per la salute metabolica.

Questi effetti sono principalmente attribuiti al ricco e vario contenuto di polifenoli del vino rosso che hanno proprietà antimicrobiche che possono influire positivamente sul microbiota intestinale (GM), come dimostrato da studi su animali e studi clinici.

Sorprendentemente, le conseguenze del consumo di vino rosso rispetto ad altri tipi di bevande alcoliche sul GM rimane scarsamente esplorato negli studi epidemiologici.
Per tale motivo gli autori hanno mirato a valutare e confrontare l'effetto di varie bevande alcoliche sul GM e i conseguenti risultati sulla salute in grandi coorti di popolazione.

I ricercatori hanno utilizzato il sequenziamento dell'rRNA 16S per esplorare l'impatto del vino rosso, nonché di altre bevande alcoliche come birra, sidro, vino bianco e alcolici, sul microbioma intestinale in numerosi grandi gruppi di popolazione.

Il consumo di alcol è stato calcolato da questionari sulla frequenza del cibo (QFQ) considerando il numero medio di bicchieri (=2 unità di alcol) che veniva bevuto mensilmente.

Il campione di popolazione era composto da 916 donne (TwinsUK) ed è stato utilizzato un modello adattato per età, BMI, indice di consumo di salute, istruzione e struttura familiare. Il consumo di alcol è stato determinato utilizzando questionari sulla frequenza alimentare che riportavano il numero medio di bicchieri consumati mensilmente.

L’utilizzo di una coorte di gemelli consente il controllo della genetica dell'ospite, dell'esposizione ambientale della prima infanzia e dello status socioeconomico che sono importanti fattori di confondimento sia del consumo di vino rosso che della composizione geneticamente modificata.

Nella coppia, il gemello che bevevano vino rosso con una frequenza doppia rispetto al fratello, mostrava una diversità α significativamente più elevata.

I ricercatori hanno scoperto che il consumo di vino rosso era associato in modo dipendente dalla frequenza con una maggiore diversità alfa nel microbioma intestinale. Tuttavia, anche i consumi rari hanno avuto un impatto.

"Mentre conosciamo da tempo i benefici inspiegabili del vino rosso sulla salute del cuore, questo studio dimostra che un consumo moderato di vino rosso è associato a una maggiore diversità e ad un microbiota intestinale più sano che spiega in parte i suoi effetti benefici a lungo dibattuti sulla salute", ha commentato in un comunicato Caroline I. Le Roy, del King's College di Londra.

Sebbene il vino bianco avesse un'associazione "suggestiva positiva" con la diversità alfa (quindi nella numerosità delle specie), era molto meno di quello che i ricercatori hanno osservato nel vino rosso.
Non sono state trovate associazioni con altre bevande alcoliche. I ricercatori hanno anche osservato l'associazione tra la diversità del vino rosso e quella del microbioma in altre due coorti con sede nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno anche osservato un'associazione diretta tra vino rosso e insulina nel sangue e HDL.
Le Roy e i colleghi ritengono che i benefici per la salute del vino rosso potrebbero essere attribuiti alla sua alta concentrazione di polifenoli, che può alimentare i microbi nell'intestino. All’interno del vino bianco i polifenoli sono 6-7 volte meno concentrati del vino rosso.

"Sebbene abbiamo osservato un'associazione tra il consumo di vino rosso e la diversità del microbiota intestinale, bere vino rosso raramente, come una volta ogni due settimane, sembra essere sufficiente per osservare un effetto", ha detto Le Roy nel comunicato.

“Se oggi devi scegliere una bevanda alcolica, il vino rosso è quello da scegliere in quanto sembra esercitare, potenzialmente, un effetto benefico sull’organismo in se e sui microbi intestinali, che a sua volta possono anche aiutare a diminuire il rischio di malattie cardiache. Tuttavia, si consiglia comunque di consumare alcolici con moderazione. "

Le Roy CI et al., Red Wine Consumption Associated With Increased Gut Microbiota α-diversity in 3 IndependentCohorts. Gastroenterology. 2019 Aug 23. pii: S0016-5085(19)41244-4. doi: 10.1053/j.gastro.2019.08.024.

leggi