Infettivologia Congresso CROI 2021

Dolutegravir/lamivudina a dose fissa, soppressione virologica mantenuta fino a 96 settimane e non inferiore a regimi a 3 farmaci. #CROI2021

Nel trattamento dell'HIV, il passaggio da regimi a tre farmaci a base di tenofovir alafenamide (TAF) a un trattamento con una combinazione a due farmaci di dolutegravir e lamivudina (DTG/3TC) è efficace nel mantenere la soppressione virologica fino a 96 settimane indipendentemente dal regime basale, dalle caratteristiche del paziente o della malattia e tale efficacia non risulta inferiore ai pazienti che hanno continuato il regime a base di TAF. È quanto evidenziano ulteriori risultati dello studio TANGO presentati al recente CROI2021 (Conference on Retroviruses and Opportunistic Infectiuos) in cui viene confermata anche un'ottima sicurezza.

Nel trattamento dell’HIV, il passaggio da regimi a tre farmaci a base di tenofovir alafenamide (TAF) a un trattamento con una combinazione a due farmaci di dolutegravir e lamivudina (DTG/3TC) è efficace nel mantenere la soppressione virologica fino a 96 settimane indipendentemente dal regime basale, dalle caratteristiche del paziente o della malattia e tale efficacia non risulta inferiore ai pazienti che hanno continuato il regime a base di TAF. È quanto evidenziano ulteriori risultati dello studio TANGO presentati al recente CROI2021 (Conference on Retroviruses and Opportunistic Infectiuos) in cui viene confermata anche un’ottima sicurezza.

Il regime antivirale a due farmaci a base dolutegravir/lamivudina in un'unica compressa giornaliera è disponibile in Italia dallo scorso giugno per il trattamento dell'infezione HIV-1 in adulti e adolescenti di età superiore ai 12 anni con peso corporeo di almeno 40 Kg, con nessuna resistenza nota o sospetta alla classe degli inibitori dell'integrasi, o a lamivudina.

Il regime a 2 farmaci (2DR) formato da dolutegravir/lamivudina (DTG/3TC) riduce il numero di agenti antiretrovirali assunti da individui trattati per infezione da HIV-1, rispetto ai regimi 3DR tradizionali.
Studi precedenti hanno mostrato che DTG/3TC non è inferiore a DTG+TDF/FTC in pazienti adulti infetti con HIV-1 e naïve alla ART (GEMINI) fino alla settimana 144 e in pazienti precedentemente trattati con ART, virologicamente soppressi che passano da un regime a 3/4DR (TANGO) basato su TAF alla settimana 96.

TANGO è un trial di non inferiorità, di fase III, randomizzato, in aperto, multicentrico tuttora in corso che valuta l'efficacia e la sicurezza del passaggio alla combinazione a dose fissa DTG/3TC assunto una volta al giorno negli adulti con infezione da HIV-1 che sono virologicamente soppressi con un regime a base di TAF a 3 o 4 farmaci.

Nell'analisi primaria della settimana 48 e nell'analisi della settimana 96 di TANGO, il passaggio a DTG/3TC FDC (fixed dose combination) è stato non inferiore al proseguire un regime a base di TAF in adulti già trattati con ART e soppressi virologicamente. Questo era l’endpoint primario dello studio che è stato quindi soddisfatto.

Durante il CROI2021 sono stati presentati dati derivanti da un endpoint secondario chiave della settimana 96 dallo studio TANGO e precisamente i tassi di soppressione virologica (istantanea) fino alla settimana 96 in base ai dati demografici, la classe di appartenenza del terzo agente al basale e caratteristiche della malattia.

La superiorità è stata dimostrata nell'analisi per protocol in cui 0 su 348 partecipanti nel gruppo DTG/3TC e 4/351 nel gruppo trattato con regime basato su TAF avevano HIV-1 RNA pari o superiore alle 50 copie/mL alla settimana 96 (differenza aggiustata, −1,1%; 95% CI, da −2,3% a −0,0%; p=0,044)

Nel gruppo DTG/3TC, non ci sono stati casi di fallimento virologico confermato fino alla settimana 96 mentre ci sono stati 3 casi nel gruppo col regime basato su TAF. I risultati evidenziano anche che non sono state osservate mutazioni di resistenza.
I due gruppi di trattamento erano confrontabili per età, sesso, etnia.
La popolazione è stata stratificata al basale anche secondo della terza classe di farmaci utilizzati e tra tutti gli inibitori delle integrasi erano i farmaci maggiormente usati al basale. Inoltre, molti partecipanti avevano una conta di CD4 al basale più alta di 350 cell/mm3.

Le percentuali di soppressione virologica erano confrontabili tra i gruppi di trattamento e anche gli eventi avversi sia alla settimana 48 che alla settimana 96.

Gli autori concludono che il passaggio a DTG/3TC FDC non risulta inferiore, fino alla settimana 96 alla continuazione di un regime 3DR basato su TAF nel mantenimento della soppressione virologica in pazienti adulti con infezione da HIV-1 già trattati in precedenza con ART. L'efficacia per sottogruppi si è mostrata coerente con risultati complessivi dello studio alla settimana 96, dimostrando che il passaggio da regimi a base di TAF a un trattamento con DTG/3TC è efficace nel mantenere la soppressione virologica indipendentemente del regime basale, delle caratteristiche del paziente o della malattia.

Benson P. et al., Switching to DTG/3TC FDC is non inferior to TBR for 96 weeks. TANGO SUBGROUP ANALYSES. CROI2021 6-10 Marzo.


SEZIONE DOWNLOAD