Infettivologia

Hiv, remissione a lungo termine senza antiretrovirali in altri due pazienti. In totale sono cinque

Un uomo che detiene una sorta di record nella convivenza con l'Hiv Ŕ ora uno dei pochi individui al mondo ad aver raggiunto la remissione dall'infezione e da una leucemia acuta dopo il trapianto di cellule staminali del sangue con una mutazione che conferisce resistenza all'Hiv, hanno riportato i ricercatori all'International AIDS Conference (IAC) 2022.

Un uomo che detiene una sorta di record nella convivenza con l'Hiv è ora uno dei pochi individui al mondo ad aver raggiunto la remissione dall’infezione e da una leucemia acuta dopo il trapianto di cellule staminali del sangue con una mutazione che conferisce resistenza all’Hiv, hanno riportato i ricercatori all’International AIDS Conference (IAC) 2022.

Il cosiddetto "paziente della città della speranza (City of Hope)" è un uomo di 66 anni a cui è stata diagnosticata per la prima volta nel 1988 una malattia che definisce l'AIDS e successivamente una leucemia acuta nel 2019, secondo quanto riportato al congresso dalla relatrice Jana Dickter, specialista in malattie infettive al City of Hope Medical Center di Duarte, in California.

Ha affermato che quando il trattamento per la leucemia ha richiesto il trapianto di cellule staminali, i medici hanno cercato un donatore che possedesse la mutazione omozigote delta-32 sul gene CCR5 resistente all'Hiv. Il paziente è stato sottoposto a trapianto di cellule staminali del sangue 3,5 anni fa e ha interrotto la terapia antiretrovirale per 17 mesi, senza evidenze di replicazione del virus dell'Hiv nell’organismo, e con la leucemia acuta in completa remissione.

«L'esperienza di questo paziente è unica rispetto ai tre precedenti soggetti che sono stati trattati con trapianti di cellule staminali per i rispettivi tumori del sangue e che hanno poi ottenuto la remissione dall'Hiv» ha aggiunto. «All'età di 63 anni era la persona più anziana che si è sottoposta con successo a un trapianto di cellule staminali con infezione da Hiv e leucemia e che è riuscita a ottenere la remissione da entrambe le condizioni. Inoltre ha convissuto con l'Hiv più a lungo di qualsiasi persona, oltre 31 anni, prima del trapianto».

Un altro caso: la paziente di Barcellona
Questo paziente non è l'unico che non si è trattato per anni senza che l'Hiv si ripresentasse. Durante una conferenza stampa Nuria Climent, ricercatrice presso la J.M. Miro Hospital Clinic dell'Università di Barcellona, ​​ha descritto la sua "paziente di Barcellona", una donna di 59 anni con Hiv acquisito sessualmente che ha partecipato a una piccola sperimentazione clinica in cui sono state testate diverse terapie immunomodulanti per tenere sotto controllo il virus.

«Anche se la terapia antiretrovirale è efficace nel sopprimere la replicazione virale, l'Hiv persiste nei reservoir e rimbalza una volta interrotto il trattamento» ha fatto presente Climent. «Tuttavia un piccolo numero di pazienti è in grado di mantenere la carica virale al di sotto dei limiti di rilevabilità senza terapia antiretrovirale e rappresenta un modello realistico di cura funzionale dell'HIV».

La paziente di Barcellona ha mantenuto il controllo della carica virale dopo aver sospeso la terapia per oltre 15 anni. Il suo sistema immunitario, che avrebbe dovuto essere suscettibile all'invasione dell'Hiv, ha mostrato una resistenza naturale al virus. L’infezione non è stata completamente debellata, quindi non può essere considerata guarita in senso stretto, ma sembra essere in remissione prolungata senza antiretrovirali, una condizione chiamata "cura funzionale".

Le persone con un'infezione molto precoce hanno un serbatoio virale più piccolo, che migliora le loro prospettive per una cura funzionale. Al basale, la sua carica virale era di circa 70mila e aveva ancora un numero elevato di cellule CD4 (circa 800). Al momento della sua infezione precoce, i ricercatori sono stati in grado di coltivare il virus dal suo sangue.

Osservando più da vicino le risposte immunitarie della donna, i ricercatori hanno scoperto che le cellule natural killer e le cellule T killer CD8 hanno svolto un ruolo chiave nel controllo dell'Hiv. La coltura di cellule T CD4 con cellule NK e cellule T CD8 ha comportato un'inibizione del 93% della replicazione virale.

Climent ha suggerito che l'analisi di queste cellule immunitarie potrebbe rivelare informazioni che potrebbero essere utilizzate in trattamenti futuri. «Le strategie in grado di espandere queste cellule potrebbero aiutare a raggiungere una cura funzionale dell'Hiv» ha affermato.

Una speranza per le persone che vivono con l’Hiv
«Una cura rimane il Santo Graal della ricerca sull'HIV. Abbiamo già visto alcuni casi di remissione e i due appena presentati forniscono una speranza per le persone che vivono con l'Hiv e un'ispirazione per la comunità scientifica» ha commentato Sharon Lewin, presidente dell’International AIDS Society e professore di medicina presso l'Università di Melbourne in Australia. «Il paziente di City of Hope è il più anziano e quello che ha convissuto con l'Hiv più a lungo prima del suo ultimo trattamento. Inoltre stiamo assistendo a un progresso nella grande sfida di trovare un biomarcatore per il serbatoio dell'Hiv, uno sviluppo davvero entusiasmante».

Nel commentare il suo paziente di City of Hope, Dickter ha detto di aver beneficiato delle circostanze relative al trapianto di cellule staminali. Infatti le cellule del donatore contenevano la mutazione CCR5 delta-32 e il ricevente è stato sottoposto a un regime chemioterapico meno intensivo, sviluppato per i pazienti in età più avanzata, in modo da facilitare l’accettazione delle cellule staminali allogeniche per il trattamento dei tumori del sangue.

«Questa esperienza fa sperare che alcuni soggetti potrebbero non aver bisogno di una chemioterapia intensiva per ricevere il trapianto di cellule staminali mirato alla remissione dell’Hiv e della leucemia» ha osservato. «Questo è importante perché, con i progressi del trattamento, le persone con Hiv tendono a vivere più a lungo».

Con questi due nuovi pazienti, in totale sono almeno 5 le persone nel mondo che hanno ottenuto una remissione a lungo termine dell'Hiv. Gli altri sono il paziente di Berlino, il paziente di Londra e il paziente del Brasile.

Il paziente di Berlino è deceduto dopo una recidiva di leucemia. Non aveva più l’Hiv ormai da circa 15 anni. Il paziente di Londra è libero dall’infezione da circa 4 anni, da quando ha interrotto gli antiretrovirali, e sta ancora bene. Il paziente brasiliano è stato in remissione per più di 15 mesi prima che la sua carica virale aumentasse nuovamente nell'estate del 2020.

Bibliografia

Climent N et al. Exceptional post-treatment control associated with strong NK and ϒɗ cytotoxic T-cells. AIDS 2022.

Dickter J et al. The "City of Hope" patient: prolonged HIV-1 remission without antiretrovirals after allogeneic hematopoietic stem cell transplantation of CCR5-Δ32/Δ32 donor cells for acute myelogenous leukemia. AIDS 2022.