Infettivologia

Vaccino sperimentale contro la malaria mostra un'efficacia del 77%. Studio su Lancet

I risultati di uno studio di fase IIb pubblicati come preprint su The Lancet hanno dimostrato che il vaccino sperimentale R21 è risultato efficace fino al 77% nel prevenire la malaria nei bambini. Il vaccino è stato sviluppato nell'ambito di una collaborazione tra l'Istituto Jenner dell'Università di Oxford e il Serum Institute of India, e utilizza anche l'adiuvante Matrix-M di Novavax.

I risultati di uno studio di fase IIb pubblicati come preprint su The Lancet hanno dimostrato che il vaccino sperimentale R21 è risultato efficace fino al 77% nel prevenire la malaria nei bambini. Il vaccino è stato sviluppato nell'ambito di una collaborazione tra l'Istituto Jenner dell'Università di Oxford e il Serum Institute of India, e utilizza anche l'adiuvante Matrix-M di Novavax.

Lo studio ha randomizzato 450 partecipanti di età compresa tra 5 e 17 mesi in Burkina Faso per ricevere R21 con 25 mg o 50 mg di Matrix-M, o un vaccino antirabbico come controllo, con immunizzazioni date in tre dosi a intervalli di quattro settimane prima della stagione della malaria con una quarta dose un anno dopo. I risultati hanno mostrato che l'efficacia del vaccino era del 77% nel gruppo con la dose più alta di adiuvante e del 71% nel gruppo con la dose più bassa di adiuvante a un anno.

"Questi risultati significativi supportano le nostre grandi aspettative per il potenziale di questo vaccino, che includevano il raggiungimento dell'obiettivo stabilito dall'OMS per un vaccino contro la malaria con almeno il 75% di efficacia", ha osservato Adrian Hill, coautore dello studio. Una sperimentazione di fase III del vaccino è iniziata, con un arruolamento mirato di 4800 bambini.

La malaria uccide più di 400.000 persone all'anno, soprattutto bambini nell'Africa sub-sahariana. Nonostante molti vaccini siano stati sperimentati nel corso degli anni, nessuno ha raggiunto l'obiettivo richiesto per il successo.

Adrian Hill, direttore dell'Istituto Jenner e professore di vaccinologia all'Università di Oxford, e co-autore del documento, ha detto che crede che il vaccino possa essere il primo a raggiungere l'obiettivo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità di almeno il 75% di efficacia. Il vaccino contro la malaria più efficace fino ad oggi testato aveva mostrato solo il 55% di efficacia nelle prove sui bambini africani.

Le prove di questo vaccino contro la malaria sono iniziate nel 2019, molto prima della comparsa del coronavirus - e il team di Oxford ha sviluppato il suo vaccino Covid sulla forza della sua ricerca sulla malaria, ha detto il Prof Hill. Ha detto che un vaccino contro la malaria ha richiesto molto più tempo per essere realizzato perché ci sono migliaia di geni nella malaria rispetto a circa una dozzina nel coronavirus, e una risposta immunitaria molto alta è necessaria per combattere la malattia.

"Questa è una vera sfida tecnica", ha aggiunto. "La stragrande maggioranza dei vaccini non ha funzionato perché è molto difficile".
Tuttavia, il Prof Hill ha detto che i risultati della sperimentazione significano che il vaccino "ha il potenziale per avere un grande impatto sulla salute pubblica".

SEZIONE DOWNLOAD