Neurologia

VIDEO

Huntington giovanile, per conoscere meglio la malattia un nuovo progetto del CNR


Malattia di Huntington: cos’è, come si presenta, quali sono le cause e le conseguenze


Prime speranze per trovare una cura della malattia di Huntington


Sclerosi multipla: cosa è, come funziona e come va somministrata la cladribina, nuovo farmaco orale


Sclerosi multipla, come la cladribina migliora la qualità di vita dei malati


Sclerosi multipla, la ricerca di Merck sulla cladribina e nuovi servizi per i pazienti


Un Manifesto contro la depressione perchè sia curata presto e meglio


Come si cura la depressione, farmaci di oggi e farmaci in arrivo


Depressione: come si presenta, chi colpisce e come riconoscerla in tempo


La giornata internazionale dell'epilessia 2019: obiettivi e attività


Epilessia, i bisogni dei pazienti al centro dell'indagine EPINEEDS


Forum Risk Management in Sanità, i temi dell’edizione 2018


Parkinson, cosa chiedono i pazienti


Modello di PDTA Parkinson, best practice della regione Piemonte


Ruolo dei PDTA all'interno dei distretti sanitari, focus sulla malattia di Parkinson


Nuovo sistema nazionale linee guida società scientifiche, cosa prevede?


Governance clinica adeguata per la gestione dei pazienti con Parkinson


PDTA Parkinson, gli sviluppi dal Forum Risk Management in Sanità 2018


Malattia di Parkinson, i risultati del laboratorio Forum sul PDTA


Piano nazionale cronicità, facciamo il punto sulla malattia di Parkinson


Qual è la strategia migliore per la cura della sclerosi multipla all'esordio? Dati del registro italiano


Premio Merck in neurologia: la tecnologia digitale al servizio del paziente con sclerosi multipla


ARTICOLI

Parkinson, il microbiota può interferire con la disponibilità di levo-dopa. Scoperta olandese

In uno studio pubblicato il 18 gennaio sulla rivista Nature Communications, gli scienziati dell'Università di Groningen, situata nel nord dei Paesi Bassi, hanno dimostrato che i batteri intestinali possono metabolizzare la levodopa in dopamina. Poich[...]

SM secondariamente progressiva, rituximab opzione in evidenza nel frenare la disabilità

La progressione della disabilità tra i pazienti con sclerosi multipla secondaria progressiva (SPMS) trattati con l'anticorpo monoclonale anti-CD20 rituximab differisce da quella dei pazienti mai trattati con questo farmaco? È la domanda chiave al qua[...]

Nuovo position paper dell'American Headache Society su prevenzione e trattamento dell'emicrania

Con i recenti progressi nei nuovi farmaci e nella tecnologia dei dispositivi per il trattamento dell'emicrania, l'American Headache Society (AHS) ha rilasciato – pubblicata su “Headache” - una dichiarazione di consenso sulle strategie sia preventive [...]

Spray a base di cannabinoidi si dimostra efficace contro la spasticità nelle malattie del motoneurone

Nabiximols, uno spray orale a base di cannabinoidi approvato al di fuori dagli Stati Uniti per vari sintomi della sclerosi multipla (SM), mostra benefici nel migliorare la spasticità e il dolore nella malattia del motoneurone quando somministrato com[...]

Preeclampsia legata a rischio di ictus a lungo termine, il trattamento con ASA può aiutare la prevenzione

Andare incontro a una preeclampsia o ad altre forme di ipertensione durante la gravidanza pone le donne ad aumentato rischio di ictus, che può essere attenuato dall'uso a lungo termine di acido acetilsalicilico (ASA), secondo un nuovo studio pubblica[...]

Proteina precursore dell'amiloide, legame a recettore modulatore della trasmissione sinaptica. Nuovi scenari per l'AD

Un team di scienziati del VIB-KU Leuven Center for Brain & Disease Research (Belgio) ha scoperto che un percursore proteico della beta-amiloide (di cui sono costituite le placche rinvenute nel cervello dei pazienti affetti da malattia di Alzheimer [A[...]

Girovita troppo abbondante? Si rischia la materia grigia

Avere un eccesso di tessuto adiposo a livello dei fianchi e del girovita potrebbe rappresentare un fattore di rischio per l'atrofia cerebrale, in particolare della materia grigia, costituita dai corpi dei neuroni. Sono i risultati di uno studio appen[...]

Cervello ringiovanito di 9 anni con soli 6 sei mesi di esercizio fisico aerobico

Negli adulti con alterazioni cognitive senza demenza e con fattori di rischio cardiovascolari, sei mesi di esercizio fisico aerobico hanno migliorato in misura significativa le capacità cognitive, paragonabili a quelle di un cervello 9 anni più giova[...]

Maggior rischio di morte nei bambini trattati con antipsicotici ad alto dosaggio

Nei bambini e nei giovani tra i 5 e i 24 anni di età, l'uso off-label di antipsicotici a dosi superiori a clorpromazina 50 mg comporta un rischio di morte inattesa 3,5 volte superiore rispetto ai coetanei che non assumono questi farmaci. Lo evidenzia[...]

Malattie del motoneurone, farmaco cannabinoide contrasta i sintomi di spasticità. Studio italiano su The Lancet

Uno studio multicentrico pubblicato su Lancet Neurology mostra per la prima volta l'efficacia di un farmaco cannabinoide nel ridurre la spasticità e altri sintomi correlati nei pazienti con malattie del motoneurone. La terapia utilizzata per lo studi[...]

Ictus, in Italia quasi un milione di invalidi. 100mila nuovi casi ogni anno

Con oltre 100mila nuovi casi l'anno, l'ictus cerebrale costa 16 miliardi al SSN e 5 miliardi alle famiglie ogni anno. Eppure quasi il 50% degli eventi cerebrovascolari si potrebbero evitare grazie a stili di vita più salutari ed un maggiore controllo[...]

Galcanezumab, MoAb anti-CGRP, sicuro ed efficace in fase 3 nella prevenzione dell'emicrania cronica

Galcanezumab - anticorpo monoclonale umanizzato che si lega selettivamente al peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP) - appare efficace, sicuro e ben tollerato per il trattamento preventivo dell'emicrania cronica (CM, chronic migraine). È [...]

Baclofene intratecale per spasticità correlata a SM efficace a lungo termine, 20 anni di esperienza a Londra

Il baclofene somministrato per via intratecale (ITB) è un trattamento a lungo termine efficace e sicuro per la gestione della spasticità correlata alla SM refrattaria. Il dato emerge dall'esperienza ventennale d'impiego di un centro terziario londine[...]

Alzheimer, dalla Johns Hopkins un nuovo tracciante PET per imaging in vivo dei grovigli tau

I ricercatori della Johns Hopkins Medicine hanno identificato in studi di imaging in vivo su cervelli umani nuovi traccianti radioattivi beta-emittenti che legano e rendono visibili i grovigli tau, proteina associata a numerose malattie neurodegenera[...]

Giovani donne con epilessia, la maggior parte sono fertili e in grado di portare a termine una gravidanza

La grande maggioranza delle donne affette da epilessia è in grado di rimanere incinta, con relativamente pochi problemi. Lo dimostra una nuova ricerca presentata a New Orleans, nel corso del 72 ° Annual Meeting 2018 dell'American Epilepsy Society (AE[...]

Emicrania acuta, lasmiditan sicuro ed efficace in fase 3 nei pazienti con disturbi CV che controindicano i triptani

Un recente studio di fase 3, pubblicato online su “Neurology”, ha verificato che lasmiditan alla dose di 100 e 200 mg è efficace e ben tollerato nel trattamento dell'emicrania acuta in pazienti con un alto livello di fattori di rischio cardiovascolar[...]

SM, tassi di interruzione di TRF e DMF a confronto in un ampio studio multicentrico real-world svolto in Italia

Pubblicato online sul “Journal of Neurology”, uno studio real-world condotto su una grande coorte multicentrica italiana ha posto a confronto per 24 mesi - in pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante remittente (RRSM) trattati ex novo con te[...]

SM, dal MoAb GnbAC1 anti-proteina retrovirale endogena umana incoraggianti dati finali di fase 2

Alcuni riscontri interessanti per il trattamento della sclerosi multipla (SM) sono emersi dai risultati finali dello studio CHANGE-MS di fase 2, condotto con l'anticorpo monoclonale sperimentale GnbAC1 diretto a una proteina retrovirale umana che si [...]

Disturbi sessuali e sclerosi multipla, cosa fare? Se ne parla in un convegno a Napoli

Oltre 118mila le persone che in Italia vivono con la sclerosi multipla (SM), 3400 diagnosi in più dello scorso anno (Dati Aism). La SM è una malattia cronica che può portare a disabilità; viene diagnosticata nella maggior parte dei casi tra i 20 e i [...]

SM, cladribina sopprime la risposta umorale intratecale. Fattore aggiuntivo che spiega la lunga durata d'azione

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) recidivante remittente (RRSM), il trattamento con cladribina porta a una soppressione duratura, fino a 10 anni, della risposta umorale intratecale. Tale soppressione potrebbe essere un meccanismo aggiunt[...]