Neurologia

VIDEO

Huntington giovanile, per conoscere meglio la malattia un nuovo progetto del CNR


Malattia di Huntington: cos’è, come si presenta, quali sono le cause e le conseguenze


Prime speranze per trovare una cura della malattia di Huntington


Sclerosi multipla: cosa è, come funziona e come va somministrata la cladribina, nuovo farmaco orale


Sclerosi multipla, come la cladribina migliora la qualità di vita dei malati


Sclerosi multipla, la ricerca di Merck sulla cladribina e nuovi servizi per i pazienti


Un Manifesto contro la depressione perchè sia curata presto e meglio


Come si cura la depressione, farmaci di oggi e farmaci in arrivo


Depressione: come si presenta, chi colpisce e come riconoscerla in tempo


La giornata internazionale dell'epilessia 2019: obiettivi e attività


Epilessia, i bisogni dei pazienti al centro dell'indagine EPINEEDS


Forum Risk Management in Sanità, i temi dell’edizione 2018


Parkinson, cosa chiedono i pazienti


Modello di PDTA Parkinson, best practice della regione Piemonte


Ruolo dei PDTA all'interno dei distretti sanitari, focus sulla malattia di Parkinson


Nuovo sistema nazionale linee guida società scientifiche, cosa prevede?


Governance clinica adeguata per la gestione dei pazienti con Parkinson


PDTA Parkinson, gli sviluppi dal Forum Risk Management in Sanità 2018


Malattia di Parkinson, i risultati del laboratorio Forum sul PDTA


Piano nazionale cronicità, facciamo il punto sulla malattia di Parkinson


Qual è la strategia migliore per la cura della sclerosi multipla all'esordio? Dati del registro italiano


Premio Merck in neurologia: la tecnologia digitale al servizio del paziente con sclerosi multipla


ARTICOLI

Trauma cranico lieve in pazienti scoagulati con prima TC normale: non servono 24 ore di osservazione

Nei pazienti con lieve lesione traumatica (mTBI) che assumono anticoagulanti orali (OAC) e mostrano un quadro TC normale si riscontra un basso rischio di deterioramento secondario entro 24 ore. Lo dimostra uno studio olandese, apparso online sull'Eur[...]

Trattamento con tPA ev sicuro anche in caso di pregressi infarti alla TC cranio

La visualizzazione di pregressi infarti in una TC cranio non è predittiva di un aumentato rischio di emorragia cerebrale sintomatica (sICH) e non dovrebbe essere considerata come motivo per evitare un trattamento sistematico con attivatore tissutale [...]

Sclerosi multipla, rischio di recidiva clinica e radiologica sospendendo natalizumab

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) in terapia con natalizumab, durante una sospensione di 24 settimane del trattamento, in alcuni casi si ha ripresa di attività di malattia clinica e radiologica (valutata mediante risonanza magnetica [RM][...]

Neuroborreliosi, doxiciclina per os efficace anche in caso di coinvolgimento del SNC

In pazienti affetti da neuroborreliosi (NBL) con sintomatologia a carico del sistema nervoso centrale (SNC) o a carico del sistema nervoso periferico (SNP) il trattamento con doxiciclina per via orale determina nel liquor (CSF) un simile decremento n[...]

Sclerosi multipla recidivante-remittente, conferme di efficacia e sicurezza per fingolimod

I risultati della multicentrica americana FREEDOMS II, condotta con fingolimod su pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante remittente (RRSM) - pubblicati online su Lancet Neurology - hanno permesso di incrementare le conoscenze sul profilo d[...]

Conferme di sicurezza ed efficacia a 1 anno per suvorexant nel trattamento dell'insonnia

Sono stati pubblicati online su Lancet Neurology i risultati di uno studio multicentrico internazionale di fase 3 che dimostrano come suvorexant, antagonista del recettore dell'orexina, già dimostratosi efficace nel trattamento dell'insonnia per un p[...]

Stato epilettico, mortalità ridotta negli anziani ricoverati in trattamento con statine

Uno studio condotto in Svizzera e pubblicato sull'European Journal of Medicine evidenzia, per la prima volta, come l'esposizione alle statine prima di un episodio di stato epilettico (SE) abbia una correlazione con l'outcome, suggerendo un possibile [...]

Malattia di Huntington, l'obiettivo è la neuroprotezione nei portatori presintomatici

La ricerca di un trattamento della malattia di Huntington (HD), nonostante trovi nella riduzione dell'espressione del gene mutato tramite piccoli RNA interferenti un approccio promettente, sta indirizzando i suoi sforzi verso altre tecniche mirate a [...]

Recettori metabotropici del glutammato, target per trattare la discinesia da L-dopa nel Parkinson

L'impiego di antagonisti dei recettori metabotropici del glutammato (mGluRs) di sottotipo 5 – presenti nel corpo striato - per il trattamento della discinesia indotta da levodopa (LID) nei pazienti con malattia di Parkinson (PD) ha ottenuto di recent[...]

Acetazolamide a basse dosi promettente nel trattamento dell'idrocefalo normoteso idiopatico

Acetazolamide (ACZ) a basse dosi può ridurre – all'esame RM - le iperintensità di segnale della sostanza bianca periventricolare (PVH) e migliorare la deambulazione nell'idrocefalo normoteso idiopatico (iNPH). Lo rilevano alcuni risultati preliminari[...]

Ictus ischemico, il tempo alla trombolisi è decisivo soprattutto nei casi di media gravità

L'impatto del tempo al trattamento (TaT) rispetto a un outcome favorevole varia considerevolmente in dipendenza della gravità di base dell'ictus ischemico acuto. Per gli eventi di grado moderato, la finestra temporale per un risultato favorevole si a[...]

Epilessia parziale, per i non responsivi a perampanel utile una dose maggiore se tollerata

L'aumento del dosaggio da 8 a 12 mg di perampanel, farmaco antiepilettico add-on per il trattamento delle crisi a esordio parziale, può produrre benefici aggiuntivi nel controllo delle convulsioni, quanto meno nei pazienti che tollerano il dosaggio p[...]

Neuromielite ottica, attività di malattia e dolore ridotti bloccando i recettori IL-6

Tocilizumab (TCZ), anticorpo monoclonale umanizzato diretto contro il recettore dell'interleuchina-6 (IL-6R), rappresenta una promettente opzione terapeutica per i pazienti affetti da neuromielite ottica (NMO). Lo dimostra uno studio giapponese, appa[...]

Levetiracetam in politerapia, livelli ematici da monitorare per migliore controllo delle crisi comiziali

Secondo una ricerca australiana pubblicata online su Seizure, la ridotta efficacia di levetiracetam (LEV) nei pazienti affetti da epilessia in politerapia può trovare spiegazione nell'inadeguatezza del range adottato(20-40 mg/L in questo studio) e ne[...]

SM secondaria progressiva, simvastatina ad alte dosi rallenta l'atrofia cerebrale

Nei pazienti con sclerosi multipla secondaria progressiva (SM) un trattamento con simvastatina ad alte dosi si evidenzia un significativo rallentamento del fenomeno dell'atrofia cerebrale. È quanto dimostrano i risultati dello studio di fase 2 MS-STA[...]

Emicrania cronica, prevenzione con cicli ripetuti di tossina botulinica: sicurezza confermata

Molteplici trattamenti con onabotulinumtoxinA (tossina botulinica, TB) in dosi da 75-260 U somministrate ogni 12 settimane, e fino a 5 cicli di trattamento, sono risultate sicure e ben tollerate ai fini della profilassi della cefalea in soggetti adul[...]

Antiepilettici, costante aumento delle prescrizioni in Europa anche per altre indicazioni

Un'analisi dei dati degli archivi elettronici sanitari di 5 Paesi europei (Spagna, Danimarca, Olanda, Regno Unito e Germania) ha permesso di confrontare il consumo di farmaci antiepilettici (AED) tra il 2001 e il 2009 in queste nazioni. I risultati, [...]

Sindrome di Lennox-Gastaut, clobazam a dosi stabili efficace long-term su crisi totali e drop attacks

In base ai risultati emersi dal più ampio e protratto trial sulla sindrome di Lennox-Gastaut (LGS), pubblicati online su Epilepsia, si dimostra che l'aggiunta di clobazam al regime terapeutico esistente determina una libertà dalle crisi costante e un[...]

Miastenia grave giovanile, elevata efficacia per plasmaferesi e immunoglobuline ev

Un'analisi condotta ad Harvard e pubblicata su JAMA Neurology dimostra che, nei pazienti affetti da miastenia grave (MG) giovanile, tanto la plasmaferesi (PLEX) quanto la somministrazione endovenosa di immunoglobuline (IVIG) hanno alti tassi di rispo[...]

Contraccettivi orali e rischio di stroke, counseling decisivo ai fini della prevenzione

Un'indagine condotta negli Stati Uniti, e i cui risultati sono stati pubblicati su Stroke, conferma che alcune condizioni mediche aumentano il rischio di ictus durante l'uso di contraccettivi orali (OC) e dimostrano sia l'importanza del counseling me[...]