Neurologia

VIDEO

PDTA sulla malattia di Parkinson, dati step II dell'Indagine Conoscitiva dell'Accademia LIMPE DISMOV


Progetto Rete Clinica Integrata della malattia di Parkinson, esperienza del Policlinico Tor Vergata


Importanza dell'infermiere nella cura del paziente con malattia di Parkinson


Percorso diagnostico terapeutico assistenziale Parkison nella regione Piemonte


Malattia di Parkinson, esperienza fiorentina nella gestione integrata a competenze neurochirurgiche


PDTA e reti regionali Parkinson, a che punto siamo?


Parkinson, l'inizio della malattia non è sempre uguale


Confederazione Parkinson Italia, la visione e gli obiettivi della nuova presidenza


Centro Parkinson della Neurologia di Parma, percorso e punti di forza e di miglioramento


Parkinson, il percorso diagnostico terapeutico assistenziale sociale della regione Toscana


Malattia di Parkinson, il modello regionale pugliese


Parkinson e disturbi del movimento, 20 anni di esperienza del Centro della Fondazione Mondino


Smart technologies per il benessere psico-fisico delle persone con SM, tema del premio Merck in neurologia


Premio Merck in neurologia. obiettivo: migliorare il benessere psico-fisico delle persone con SM


Premio Merck a "MS+U", app per prevenire i rischi da aumento di temperatura corporea nelle persone con SM


Premio Merck al device "MIND4MS". in caso di tensione emotiva stimola le persone con sm alla tecnica del 'mindfulness"


L'impegno di Merck verso le persone con SM oltre i confini della ricerca farmacologica


Encefalopatie da prioni: una grande sfida terapeutica. La storia di Carlo


Come si gestisce l’amiloidosi in Sicilia? Un rapporto documenta i progressi clinici e organizzativi


3 cose da sapere sulla malattia di Parkinson


Ci sono delle differenze uomo-donna anche nelle malattie neurologiche?


Sclerosi multipla, azione selettiva dell'anticorpo monoclonale ocrelizumab


ARTICOLI

L'herpesvirus ha un ruolo nello sviluppo e nella progressione dell'Alzheimer?

L'herpesvirus umano (HHV) può svolgere un ruolo nello sviluppo e nella progressione della malattia di Alzheimer (AD). Lo suggerisce un nuovo studio - potenzialmente rivoluzionario - pubblicato online su “Neuron”, in cui i ricercatori hanno analizzato[...]

Emicrania cronica ed episodica, nuovi dati confermano la validità di erenumab. Congresso dell’American Headache Society

I risultati di due studi di estensione in aperto condotti con erenumab in pazienti con emicrania cronica ed episodica saranno presentati al 60° meeting scientifico annuale della American Headache Society, a San Francisco.

Effetto dei cannabinoidi nella spasticità post-ictus: al via primo studio randomizzato in doppio cieco

Dopo una lunga fase preparatoria per ottenere tutte le autorizzazioni necessarie, presso l'Unità Operativa Complessa di "Riabilitazione e Rieducazione Funzionale" dell'Ospedale Policlinico San Martino di Genova ha recentemente iniziato un importante[...]

“Gomma cancella mostro”, il progetto contro le paure dei bambini con epilessia

Con un disegno si possono esprimere sensazioni, situazioni di vita, difficoltà e desideri. Quando ad esprimersi è un bambino il disegno diventa un modo per capire il suo stato d'animo e le sue paure specialmente quando c'è di mezzo anche una malattia[...]

Linee guida aggiornate AAN/AES sui nuovi farmaci antiepilettici dopo l'esplosione di registrazioni

Per l'epilessia di nuova insorgenza non ci sono ancora prove abbastanza forti per l'American Academy of Neurology (AAN) e l'American Epilepsy Society (AES) per raccomandare farmaci antiepilettici di terza generazione (AED) nelle loro nuove linee guid[...]

Parkinson, MoAb mirato all'alfa-sinucleina aggregata sicuro in fase Ib. Al via la fase II

Un agente biologico sperimentale è apparso sicuro e ben tollerato e ha portato a marcate riduzioni di alfa-sinucleina nel siero ei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD). È il risultato di uno studio clinico di fase Ib, pubblicato online su “[...]

Disturbo da incubi nell'adulto, dagli USA un position paper sui trattamenti raccomandati

Varie opzioni di trattamento – di tipo sia medico sia non farmacologico - possono essere efficaci per trattare il disturbo da incubi nell'adulto, secondo un Position Paper dell'American Academy of Sleep Medicine (AASM) pubblicato online sul “Journal [...]

Al via il più grande finanziamento mondiale per la ricerca sull’autismo

Il più grande finanziamento per la ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo è stato assegnato dall'Innovative Medicines Initiative a un consorzio internazionale guidato dall'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (Io[...]

SMA, miglioramenti clinici della funzione motoria con risdiplam, modificatore dello splicing di SMN2

Presentati a Dallas (USA) nel corso del 22° meeting annuale dei ricercatori SMA (atrofia muscolare spinale), i dati clinici ad interim aggiornati della Parte 1 dello studio FIREFISH condotto con risdiplam (RG7916). I risultati hanno dimostrato che - [...]

Amisulpride, prove di efficacia nella “psicosi simile alla schizofrenia a insorgenza molto tardiva” (VLOSLP)

L'antipsicotico atipico amisulpride sembra efficace nel ridurre i sintomi della psicosi in pazienti con psicosi simile alla schizofrenia a insorgenza molto tardiva (VLOSLP). Lo suggerisce una nuova ricerca pubblicata online su “Lancet Psychiatry”.

Emorragia intracerebrale in pazienti sotto antiaggreganti. È sicuro riavviare la terapia alla dimissione?

Il riavvio della terapia antiaggregante in pazienti con emorragia intracerebrale (ICH) da lieve a moderata non è associato a esiti funzionali peggiori. Lo suggerisce un'analisi retrospettiva i cui risultati sono stati pubblicati online su “Neurology”[...]

Narcolessia e OSA, senza intoppi lo sviluppo di solriamfetolo per il trattamento della sonnolenza eccessiva

Il trattamento quotidiano con solriamfetolo, farmaco che promuove la veglia, nello studio TONES 5 ha ridotto la sonnolenza eccessiva (ES) in pazienti con narcolessia o apnea ostruttiva del sonno (OSA) fino a 1 anno. I risultati dello studio di fase 3[...]

Diagnosi e trattamento del lieve decadimento cognitivo modificabili con PET amiloide di routine

Le scansioni di tomografia ad emissione di positroni (PET) dell'amiloide, inserite come parte integrante di una routine di esami diagnostici, possono modificare la diagnosi e il trattamento in pazienti con lieve decadimento cognitivo (MCI), secondo u[...]

Cefalea a grappolo cronica, framezumab non centra l'end point in Fase III

Battuta d'arresto per Teva che ha reso noto di aver interrotto uno studio in cui veniva valutato il framezumab, un nuovo anti CGRP, in pazienti con cefalea a grappolo cronica. L'azienda invece proseguirà la parte di studio relativa alle forme episodi[...]

Sclerosi multipla, per ocrelizumab conferme a lungo termine in entrambe le forme di malattia

Nuove conferme per ocrelizumab saranno presentate al 4° Congresso della European Academy of Neurology (EAN) dal 16 giugno al 19 giugno a Lisbona, in Portogallo. I dati sull'efficacia e sulla sicurezza a lungo termine sono coerenti con il profilo risc[...]

Emicrania, atogepant supera studio chiave ed entra in fase III. Sarà il primo anti CGRP orale

Una terapia orale con atogepant, un farmaco sperimentale di Allergan, si è dimostrata efficace nel ridurre i giorni di emicrania se somministrata a scopo preventivo. Questi dati, provenienti da uno studio di Fase 2b/3, aprono un percorso che consenti[...]

Alzheimer, Eli Lilly e AstraZeneca interrompono gli studi su lanabecestat, un inibitore di BACE

Pare siano già oltre 100 i principi attivi che hanno fallito in studi clinici condotti sulla malattia di Alzheimer. A questo elenco adesso si aggiunge anche lanabecestat, un farmaco sviluppato da Eli Lilly e AstraZeneca che oggi hanno comunicato che [...]

Prevenzione di ictus ricorrente dopo primo evento criptogenico, rivaroxaban non superiore ad ASA

In uno studio presentato a Götenborg (Svezia) durante la 4th European Stroke Organisation Conference (ESOC) e pubblicato contestualmente sul “New England Journal of Medicine”, rivaroxaban – inibitore diretto del fattore Xa, non si è dimostrato superi[...]

SM, rapidi e robusti miglioramenti alla RM con lo switch da IFN-beta-1a a ocrelizumab

In un'estensione in aperto dei trial OPERA I e II, i pazienti con sclerosi multipla (SM) recidivante che sono passati da interferone beta (IFN-beta)-1a a ocrelizumab hanno mostrato un rapido miglioramento in termini di ridotta attività della malattia[...]

Sclerosi multipla, i benefici di alemtuzumab si mantengono fino a 7 anni

Gli effetti benefici del trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente con alemtuzumab si mantengono fino a 7 anni, con significative riduzioni dell'atrofia cerebrale anche tra coloro che non hanno ricevuto alcun trattamento aggiunt[...]