Neurologia

VIDEO

Huntington giovanile, per conoscere meglio la malattia un nuovo progetto del CNR


Malattia di Huntington: cos’è, come si presenta, quali sono le cause e le conseguenze


Prime speranze per trovare una cura della malattia di Huntington


Sclerosi multipla: cosa è, come funziona e come va somministrata la cladribina, nuovo farmaco orale


Sclerosi multipla, come la cladribina migliora la qualità di vita dei malati


Sclerosi multipla, la ricerca di Merck sulla cladribina e nuovi servizi per i pazienti


Un Manifesto contro la depressione perchè sia curata presto e meglio


Come si cura la depressione, farmaci di oggi e farmaci in arrivo


Depressione: come si presenta, chi colpisce e come riconoscerla in tempo


La giornata internazionale dell'epilessia 2019: obiettivi e attività


Epilessia, i bisogni dei pazienti al centro dell'indagine EPINEEDS


Forum Risk Management in Sanità, i temi dell’edizione 2018


Parkinson, cosa chiedono i pazienti


Modello di PDTA Parkinson, best practice della regione Piemonte


Ruolo dei PDTA all'interno dei distretti sanitari, focus sulla malattia di Parkinson


Nuovo sistema nazionale linee guida società scientifiche, cosa prevede?


Governance clinica adeguata per la gestione dei pazienti con Parkinson


PDTA Parkinson, gli sviluppi dal Forum Risk Management in Sanità 2018


Malattia di Parkinson, i risultati del laboratorio Forum sul PDTA


Piano nazionale cronicità, facciamo il punto sulla malattia di Parkinson


Qual è la strategia migliore per la cura della sclerosi multipla all'esordio? Dati del registro italiano


Premio Merck in neurologia: la tecnologia digitale al servizio del paziente con sclerosi multipla


ARTICOLI

Epilessia nella donna, concentrazioni sieriche di lamotrigina ridotte dall'ormonoterapia sostitutiva

La terapia ormonale sostitutiva (HRT) con estrogeni può ridurre le concentrazioni sieriche di lamotrigina (LTG), farmaco antiepilettico. È quanto si evince da uno studio - condotto da un farmacologo clinico norvegese - i cui risultati sono stati pubb[...]

Alzheimer, studio italiano conferma utilità diagnostica di PET per l'amiloide

La PET per l'amiloide consente di valutare la quantità di proteina beta amiloide cerebrale. Tuttavia si tratta di un esame relativamente nuovo e, di conseguenza, ancora poco diffuso nella pratica clinica. Pertanto, attualmente, è difficile dire se e [...]

Sclerosi multipla, con cladribina nuove opzioni di cura con la doppia inibizione di linfociti T e B

Vecchi e nuovi target farmacologici per i farmaci contro la sclerosi multipla sono stati al centro di un interessante simposio svoltosi a Venezia durante il 47° congresso della Società Italiana di Neurologia conclusosi da poco a Venezia. Il Simposio,[...]

Allarme dei pediatri sull'epilessia piridossino-dipendente, i bambini vanno identificati e trattati subito

Dal 72^ congresso SIP (società italiana di pediatria) e SINP (società italiana neurologia pediatrica) arriva il monito ad indagare su crisi convulsive nei primi mesi di vita perché potrebbero indicare una malattia genetica sottostimata, dovuta a defi[...]

Emicrania cronica, positivi i dati di fase III di erenumab

Amgen e Novartis hanno reso noti i dati top line di uno studio di fase III del farmaco erenumab (AMG 334) che stanno sviluppando congiuntamente. In questo studio, i pazienti hanno sperimentato 3 giorni di emicrania cronica rispetto agli 8 giorni regi[...]

L’obesità aumenta il declino cognitivo attraverso l’infiammazione

Essere soggetti obesi e in sovrappeso aumenta significativamente il rischio di declino cognitivo; negli anziani questa associazione indiretta sembra avvenire mediante la via infiammatoria. Lo suggerisce una recente analisi di dati longitudinali pubbl[...]

Fatica cognitiva nella sclerosi multipla, segnali preliminari di riduzione con fampridina a lento rilascio

I risultati di un piccolo studio pilota, pubblicato on-line su “Multiple Sclerosis and Related Disorders”, pur non indicando che il trattamento con Fampridina in formulazione a lento rilascio (Fampridina-SR) risulti in un miglioramento statisticament[...]

Vitamina D e sclerosi multipla nei bambini, score genetico preannuncia le ricadute

Uno score di rischio genetico di identificazione del rischio di bassi livelli di vitamina D potrebbe aiutare a predire il rischio di recidive nei pazienti pediatrici affetti da sclerosi multipla. È quanto è emerso in occasione del meeting annuale del[...]

Riconosciuta l'emicrania ‘da fine ciclo'. Causata da lieve anemia, si tratta con integratori di ferro

Molte donne che soffrono di emicrania verso la fine del ciclo mestruale potrebbero essere trattate con integratori di ferro. Lo suggerisce uno studio pubblicato on-line su Headache nel quale si descrive un nuovo tipo di cefalea, denominata “emicrania[...]

SLA, rischio ridotto da una dieta ricca in frutta e verdura ad alto tenore di antiossidanti e caroteni

I responsabili della cura nutrizionale del paziente affetto da sclerosi laterale amiotrofica (SLA) dovrebbero promuovere l'assunzione di frutta e verdura, dal momento che sono ad alto contenuto di antiossidanti e caroteni, i quali sono risultati asso[...]

Biogen punta a un rapido lancio del nuovo farmaco anti atrofia muscolare spinale

Oggi le speranze di Biogen (e di tutta la comunità SMA) per una veloce commercializzazione di nusinersen, il primo trattamento per la cura dell'atrofia muscolare spinale, sono state considerevolmente rafforzate dai nuovi dati di uno studio di Fase 3 [...]

Sclerosi multipla, alemtuzumab supera l'interferone-beta-1a e riduce le disabilità preesistenti

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante remittente (RRMS) e inadeguata risposta (1 o più recidive) a precedenti terapie modificanti la malattia (DMTs), alemtuzumab offre maggiori benefici rispetto all'interferone-beta-1a per via sottocu[...]

Parkinson di recente insorgenza, statine sottoutilizzate nei pazienti con alto rischio vascolare

Le statine sono sottoutilizzate nei pazienti con malattia di Parkinson (PD) di recente insorgenza rispetto a quelli con malattia cardiovascolare (CVD) evidente e ciò rappresenta un'opportunità perduta di un trattamento preventivo. È la conclusione di[...]

Alzheimer, farmaco sperimentale di MSD riduce la placca amiloide in trial di Fase I

Merck & Co. (in Italia MSD) ha reso noto che i dati di studio di Fase I condotto con la terapia sperimentale verubecestat, precedentemente nota come MK-8931, sono stati pubblicati sulla rivista Science Translational Medicine. I risultati dimostrano c[...]

Epilessia, solo un bambino su tre risponde bene alle cure

Discriminati e con pochi amici, perché ancora oggi il pregiudizio nei confronti dell'epilessia è grande. I bambini e gli adolescenti italiani che devono affrontare il cosiddetto ‘piccolo e grande male' sopportano molte difficoltà a partire dalla tera[...]

Pazienti colpiti da ictus, nasce la Carta dei diritti per una cura migliore

L'ictus è una delle principali cause di mortalità e una delle principali cause di disabilità. Oltre 17 milioni di persone nel mondo sono colpiti da ictus ogni anno (200mila in Italia) e sei milioni sono le vite perse per questa patologia. Ogni due se[...]

Malattie neurologiche, la condizione più diffusa nel mondo occidentale

In Italia sono oltre 1.000.000 le persone affette da demenza, di cui 600.000 quelle colpite da Alzheimer, mentre circa 930.000 sono i pazienti con conseguenze invalidanti dell'Ictus, patologia che ogni anno fa registrare 120.000 nuovi casi. A Venezia[...]

Glatiramer acetato, farmaco di uso consolidato ma sul quale la ricerca clinica non si ferma mai

Al di là delle nuove terapie che si stanno sperimentando per contrastare la sclerosi multipla (SM), un farmaco di uso consolidato come glatiramer acetato (GA) rimane tuttora valido e attuale.

A Venezia il 47° congresso nazionale della Società Italiana di Neurologia

Fino al 25 ottobre il capoluogo veneto sarà animato da oltre 2.000 specialisti chiamati da tutta Italia per fare il punto sulle più recenti innovazioni in campo diagnostico e terapeutico nel trattamento delle principali malattie neurologiche - dalla [...]

Natalizumab per SM, neurofilamenti e proteine tau nel liquor possibili marcatori di risposta

I risultati di uno studio svedese, pubblicato online sull'European Journal of Neurology, suggeriscono che i livelli liquorali (CSF) di proteine neurofilamentose (NFL) e di proteine tau sono correlati con lo sviluppo di atrofia cerebrale e possono ess[...]