Neurologia

VIDEO

Come si gestisce l’amiloidosi in Sicilia? Un rapporto documenta i progressi clinici e organizzativi


3 cose da sapere sulla malattia di Parkinson


Ci sono delle differenze uomo-donna anche nelle malattie neurologiche?


Sclerosi multipla, azione selettiva dell'anticorpo monoclonale ocrelizumab


Atrofia muscolare spinale, novità sul trattamento


Malattie neurologiche, importanza del digital per medico e paziente


Sclerosi multipla, cosa chiedono i pazienti per una migliore qualità di vita?


Diagnosi di malattia di Alzheimer, come comunicarla a pazienti e familiari?


Alzheimer, cosa abbiamo imparato dai recenti fallimenti della ricerca?


Neuromielite ottica, cos'è e come si differenzia dalla sclerosi multipla


Sclerosi multipla, ok all'uso dell'interferone beta 1a sottocute in gravidanza e allattamento


Le novità della 50esimo edizione del congresso dei neurologi italiani


Neuromielite ottica, novità dalla ricerca


Neuromielite ottica, chi è e come agisce satralizumab


Sinucleina, ruolo diagnostico nella malattia di Parkinson


Invecchiamento cerebrale fisiologico e declino cognitivo, come si differenziano?


Neuromielite ottica, ruolo centrale dell'interleuchina 6


Disordini del ritmo circadiano, quale impatto a livello neurologico?


Le cose da sapere sull’emicrania


Cosa sono e come agiscono i nuovi farmaci anti emicrania, gli anti CGRP


Conosciamo da vicino il fremanezumab, un nuovo farmaco antiemicrania


Conosciamo la depressione maggiore: cos'è, come si presenta, cause e conseguenze


ARTICOLI

Sclerosi multipla: il rischio aumenta in presenza di deficit vitamina D

I risultati di uno studio recentemente pubblicato online sulla rivista Plos Medicine (1) hanno confermato osservazioni già presenti in letteratura che suggerivano l'esistenza di un legame tra una condizione di deficit vitaminico D e l'incremento del [...]

Nasce il primo farmaco prodotto mediante stampante 3D: approvato Spritam (levetiracetam) dall'FDA

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il primo farmaco per os prodotto mediante stampa tridimensionale: si tratta di Spritam (levetiracetam). Lo ha annunciato l'azienda che lo ha messo a punto, Aprecia Pharmaceuticals.

Alzheimer, bene la fase II per farmaco sperimentale di Axovant che agisce sul recettore 5-HT6

In uno studio di fase IIb presentato in occasione dell'Alzheimer's Association International Conference (AAIC), il farmaco sperimentale conosciuto con la sigla RVT-101 ha migliorato significativamente le capacità cognitive e funzionali in pazienti co[...]

Epilessia post-ictale a insorgenza tardiva, meno rischi di recidive con acido valproico e nuovi AED

I pazienti affetti da epilessia post-ictale a insorgenza tardiva che fanno uso di acido valproico (VPA) e di nuovi farmaci antiepilettici (AED) hanno un migliore controllo delle crisi rispetto a quelli che utilizzano fenitoina (PHT), come evidenzia i[...]

Effetto protettivo delle statine sugli aneurismi non rotti non confermato a livello cerebrale

L’uso di statine da parte di pazienti con aneurisma cerebrale non rotto non risulta associato al rischio di emorragia subaracnoidea (SAH). Il dato – che deriva da uno studio osservazionale retrospettivo pubblicato online sull’International Journal of[...]

SM, stato clinico basale predittivo di risposta al metilprednisolone ad alte dosi dopo recidiva

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente (RRSM) lo stato clinico basale è predittivo della risposta al trattamento con metilprednisolone (MP) dopo una recidiva. Lo rende noto uno short report - pubblicato online sul Multiple S[...]

Ictus minore o TIA, ridotto rischio precoce di recidiva con clopidogrel+ASA si conferma a 1 anno

In pazienti colpiti da ictus minore o attacco ischemico transitorio (TIA) ad alto rischio il beneficio derivante da un trattamento precoce combinato con clopidogrel e acido acetilsalicilico (ASA) in termini di riduzione del rischio di ictus successiv[...]

Alzheimer, aducanumab funziona ma non convince del tutto

I nuovi dati presentati ieri a Washington alla conferenza mondiale sull' Alzheimer “sono parzialmente supportivi ma non totalmente convincenti”. Questa frase pronunciata nel corso di una intervista da Ronald Peterson, direttore del Mayo Clinic's A[...]

Alzheimer, ancora incerti i dati sull'efficacia di solanezumab

In occasione della Alzheimer's Association International Conference di Washington sono stati presentati i risultati di un'analisi di estensione degli studi di fase III EXPEDITION che hanno dimostrato un miglioramento superiore delle capacità cognitiv[...]

Alzheimer, mercoledì si saprà se solanezumab funziona

Verranno presentati mercoledì prossimo a Washington, in occasione della Alzheimer's Association International Conference, nuovi dati sull'anticorpo monoclonale solanezumab che aiuteranno a capire se il farmaco ha la capacità di arrestare la progressi[...]

Parkinson, primo documento internazionale di consenso sull’uso pratico clinico dell’apomorfina

Molte evidenze di letteratura supportano l’uso dell’apomorfina somministrata per via sottocutanea come terapia efficace per la malattia di Parkinson (PD). Però, finora, non sono mai state fornite ai clinici raccomandazioni per la pratica professional[...]

Parkinson, la PET dimostra che l’inibizione della mieloperossidasi è una strategia da perseguire

In pazienti con malattia di Parkinson (PD) il trattamento con AZD3241, inibitore della mieloperossidasi, enzima espresso dalla microglia e generatore di specie reattive dell’ossigeno responsabili di uno stato sostenuto di neuroinfiammazione, ha dimos[...]

Ictus ischemico, trattamento precoce: stent retriever consigliati da nuove linee guida AHA/ASA

A 2 anni di distanza dalla precedente edizione, l'American Heart Association (AHA) e l’American Stroke Association (ASA) aggiornano le linee guida sulla gestione precoce del paziente con ictus ischemico acuto, con specifico riferimento al trattamento[...]

Crisi parziali, titolazione e alte dosi di perampanel: rischio eventi psichiatrici e comportamentali

Secondo un’analisi post hoc di vari studi, pubblicata online su Epilepsia, sia i pazienti sia i caregiver dovrebbero essere informati relativamente al potenziale rischio di eventi psichiatrici e comportamentali con l’uso di perampanel nel trattamento[...]

Epilessia refrattaria, interazioni gestibili tra clobazam e cannabidiolo (in sperimentazione)

Secondo un articolo recentemente apparso online su Epilepsia, nei bambini affetti da epilessia refrattaria, il cannabidiolo (CBD) rappresenta un trattamento adiuvante sicuro ed efficace nei pazienti in trattamento con clobazam (CLB). Ciò nondimeno pe[...]

Ictus lieve, trombolisi con IV r-tPA: analisi post hoc conferma l’efficacia e giustifica nuovi trial

Evidenze da trial clinici randomizzati (RCT) sul rapporto rischio/beneficio della trombolisi nell’ictus lieve sono limitate. Questa analisi post hoc, volta a determinare l’efficacia dell’attivatore tissutale del plasminogeno ricombinante intravenoso [...]

PD, sintomi non motori: punteggio totale NNMS con patch di rotigotina non superiore al placebo

In pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD) trattati con cerotto a rilascio transdermico di rotigotina, il miglioramento dei sintomi non motori (NMS), misurato tramite il punteggio totale multi-dominio della NMS Scale (NNMS), non è risultato su[...]

Gli Usa scelgono Siena per uno studio sull'epilessia farmacoresistente

L'America sceglie Siena per uno studio innovativo sull'epilessia farmacoresistente. Una particolare ricerca condotta tra AOU Senese, Università di Siena e Università di Ferrara è stata infatti selezionata come unico lavoro sull'epilessia, che sarà pr[...]

SM: natalizumab induce modificazioni ematologiche, da riconoscere ma non motivo di allarme

Il trattamento cronico della sclerosi multipla (SM) con natalizumab (NTZ) si associa a modificazioni significative dell'emocromo, tra le quali la comparsa di precursori emopoietici che non sono presenti nel sangue periferico (PB) in condizioni normal[...]

Malattia di Parkinson, zonisamide migliora il “wearing-off” senza aumento di discinesie

Uno studio condotto in Giappone fornisce evidenze che confermano l’efficacia di zonisamide, al dosaggio di 50 mg/die, nella riduzione del tempo “off” nei pazienti con malattia di Parkinson (PD) che presentano il fenomeno del “wearing-off” (deterioram[...]