Neurologia

VIDEO

Huntington giovanile, per conoscere meglio la malattia un nuovo progetto del CNR


Malattia di Huntington: cos’è, come si presenta, quali sono le cause e le conseguenze


Prime speranze per trovare una cura della malattia di Huntington


Sclerosi multipla: cosa è, come funziona e come va somministrata la cladribina, nuovo farmaco orale


Sclerosi multipla, come la cladribina migliora la qualità di vita dei malati


Sclerosi multipla, la ricerca di Merck sulla cladribina e nuovi servizi per i pazienti


Un Manifesto contro la depressione perchè sia curata presto e meglio


Come si cura la depressione, farmaci di oggi e farmaci in arrivo


Depressione: come si presenta, chi colpisce e come riconoscerla in tempo


La giornata internazionale dell'epilessia 2019: obiettivi e attività


Epilessia, i bisogni dei pazienti al centro dell'indagine EPINEEDS


Forum Risk Management in Sanità, i temi dell’edizione 2018


Parkinson, cosa chiedono i pazienti


Modello di PDTA Parkinson, best practice della regione Piemonte


Ruolo dei PDTA all'interno dei distretti sanitari, focus sulla malattia di Parkinson


Nuovo sistema nazionale linee guida società scientifiche, cosa prevede?


Governance clinica adeguata per la gestione dei pazienti con Parkinson


PDTA Parkinson, gli sviluppi dal Forum Risk Management in Sanità 2018


Malattia di Parkinson, i risultati del laboratorio Forum sul PDTA


Piano nazionale cronicità, facciamo il punto sulla malattia di Parkinson


Qual è la strategia migliore per la cura della sclerosi multipla all'esordio? Dati del registro italiano


Premio Merck in neurologia: la tecnologia digitale al servizio del paziente con sclerosi multipla


ARTICOLI

Trombosi venosa cerebrale. Prime esperienze con rivaroxaban, pari benefici rispetto a VKA

Rivaroxaban, inibitore del fattore Xa, dimostra di determinare un beneficio clinico pari a quello di un antagonista della vitamina K (VKA) nel trattamento della trombosi delle vene e del seno venoso cerebrali (trombosi venosa cerebrale [CVT]). È il p[...]

Epilessia a esordio parziale: dal congresso europeo conferme per eslicarbazepina

I risultati di un'analisi ad interim dello studio non interventistico EPOS (Eslicarbazepine acetate in-Partial-Onset Seizure), presentato a Stoccolma (Svezia) nel corso del XXI Congresso Europeo di Epilettologia (ECE), dimostrano che eslicarbazepina [...]

Memantina per migliorare il recupero dall’ictus. Ipotesi promettente di medicina traslazionale

Una ricerca preclinica pubblicata su Stroke prospetta la possibilità di impiegare un farmaco utilizzato nel trattamento della demenza di Alzheimer (AD), quale la memantina, per potenziare il recupero dall’ictus.

SM recidivante remittente, teriflunomide riduce le recidive che portano a sequele o ricoveri

La teriflunomide, immunomodulatore orale in monosomministrazione giornaliera approvato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante remittente (RRSM), riduce il numero di recidive che portano a sequele o a ospedalizzazioni, con ricadute pos[...]

Epilessia catameniale, riacutizzazioni perimestruali ridotte da un catabolita del progesterone

L'allopregnanolone (AP), metabolita del progesterone e modulatore allosterico positivo della conduzione mediata dal recettore dell'acido gamma-aminobutirrico di tipo A (GABA-A), può agire come mediatore in favore della riduzione degli attacchi epilet[...]

Droxidopa efficace nel trattamento dell’ipotensione ortostatica neurogena

In pazienti con ipotensione ortostatica neurogena (nOH) droxidopa riduce i disturbi e l’impatto dei sintomi sulle attività quotidiane, con un incremento associato della pressione arteriosa (BP) sistolica in posizione eretta, e risulta generalmente be[...]

Cefalea a scuola, rendimento migliore con amitriptilina e terapia cognitivo-comportamentale

La combinazione di terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e amitriptilina migliora le prestazioni scolastiche e la qualità della vita degli adolescenti con emicrania cronica. Lo dimostrano i risultati di un’analisi presentata a Los Angeles, durante [...]

Studio italiano sull'epilessia catameniale conferma il ruolo preventivo svolto dai progestinici

Durante la gravidanza, le pazienti con epilessia catameniale (CE) mostrano un migliore controllo degli attacchi rispetto alle pazienti con epilessia non catameniale (NCE). Questo fenomeno sarebbe da attribuirsi all'assenza delle variazioni del ciclo [...]

Disordini autoimmuni o infiammatori del SNC in pediatria, outcomes favorevoli con rituximab

Un ampio studio retrospettivo multicentrico internazionale – pubblicato online su Neurology - offre un'evidenza di classe IV che in disturbi pediatrici autoimmuni o infiammatori del sistema nervoso centrale (SNC) l'impiego (off-label) di rituximab, m[...]

Pregabalin e levetiracetam come add-on in pazienti con crisi parziali: head-to-head in parità

Pregabalin non è inferiore, e ha una tollerabilità simile, a levetiracetam come terapia additiva per la riduzione della frequenza delle crisi nei pazienti con epilessia parziale. Lo dimostra un ampio studio i cui risultati sono stati presentati onlin[...]

Malattia di Parkinson, disturbi vescicali ridotti in modo significativo dalla rasagilina

In pazienti con malattia di Parkinson (PD) precoce di grado lieve, il trattamento con rasagilina (recente inibitore delle monoaminossidasi-B [MAO-B]) determina una significativa riduzione dei disturbi vescicali. Il risultato – emerso da uno studio it[...]

Associazioni di farmaci antiepilettici, meglio se con meccanismi d'azione differenti

Nei pazienti con crisi a esordio parziale, la combinazione di farmaci antiepilettici (AED) con differenti meccanismi d'azione (MOA) risulta più efficace delle strategie basate sull'uso di due molecole dirette allo stesso target terapeutico sotto il p[...]

Parkinson, nuovi ambulatori per gli ICP di Milano, centro di eccellenza mondiale

Il Parkinson ha da sempre riscosso l'interesse dei ricercatori e, grazie ad un continuo miglioramento dei trattamenti disponibili, è ormai gestibile con efficacia per 7-8 anni dall'esordio. Ma quali sono le condizioni dei pazienti affetti da questa m[...]

Sclerosi multipla, daclizumab superiore all'IFN-beta-1a

Il farmaco daclizumab high yield process (DAC HYP) in monosomministrazione mensile sottocutanea si è dimostrato superiore rispetto all'iniezione quotidiana di interferone-beta-1a (IFN-beta-1a) come potenziale trattamento per la sclerosi multipla reci[...]

Quasi triplicato il rischio di deficit di motricità grossolana da forte consumo di alcol in gravidanza

Secondo un articolo apparso online su Pediatrics, i bambini nati da donne che attuano un consumo di alcol da moderato a forte durante la gravidanza hanno una probabilità quasi tre volte maggiore di indurre nei figli deficit della motricità grossolana[...]

Alzheimer, combinazione inibitori della colinesterasi e memantina rivista da linee guida europee

Nei pazienti affetti da malattia di Alzheimer (AD) l’uso concomitante di inibitori della colinesterasi (ChEI) con memantina per il trattamento della forma da moderata a severa trovano una debole raccomandazione nelle nuove linee guida europee rilasci[...]

SM, fingolimod riduce la perdita di volume cerebrale secondo analisi italiana raggruppata di 2 trial

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente (RRSM) il trattamento con fingolimod per os ha dimostrato di poter ridurre i tassi annuali di riduzione del volume cerebrale (BVL) a livelli osservati in soggetti sani. È quanto risulta[...]

Malattia di Parkinson, dalla risonanza magnetica funzionale elementi predittivi di discinesia da levodopa

I meccanismi neurali sottostanti allo sviluppo di discinesia da levodopa nei pazienti con malattia di Parkinson (PD) sono tuttora poco conosciuti. Uno studio di risonanza magnetica funzionale effettuato in Danimarca ha cercato di dare una risposta at[...]

Malattia di Parkinson, donne meno vulnerabili ai sintomi non motori durante il trattamento

Da tempo è noto che anche nella malattia di Parkinson esistono differenze di genere. Lo conferma uno studio italiano – apparso online su Parkinsonism & Related Disorders – che evidenzia diversità tra pazienti di sesso maschile e femminile in riferime[...]

Losartan, promettente primo agente preventivo dell’epilessia post-traumatica

Una ricerca, condotta su modello animale e pubblicata online su Annals of Neurology, ha dimostrato che le lesioni vascolari cerebrali sono associate con l’attivazione della via di segnalazione albumino-mediata del TGF-beta (transforming growth factor[...]