Neurologia

VIDEO

Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


Sclerosi multipla, a Verona nuovo test identifica molecole "maligne" per cure più mirate


Sclerosi multipla: dalla diagnosi alla personalizzazione della terapia


A fianco del coraggio, premio letterario per uomini che sostengono donne con sclerosi multipla


Sclerosi multipla: nuova possibilità di cura con cladribina, farmaco per la terapia di induzione


Fatica cronica in corso di sclerosi multipla: nuove possibilità di cura con acido alfa lipoico


In arrivo una nuova classe di farmaci contro l'emicrania cronica


Malattie neurologiche rare: finalmente ci sono delle risposte


Società Italiana di Neurologia: un bilancio di due anni di presidenza


La cura dell'ictus in Italia: attività dell'Osservatorio Ictus


Società italiana di Neurologia: uno sguardo al futuro


Sclerosi multipla: attività infermieristiche per la gestione del daclizumab


Malattia di Parkinson: nuove possibilità di cura con opicapone


Atrofia muscolare spinale: caratteristiche cliniche, diagnosi, novità terapeutiche


Atrofia muscolare spinale: meccanismo d'azione, efficacia e sicurezza di nusinersen


Sclerosi multipla: due approcci terapeutici a confronto: terapia scalare e terapia di induzione


Sclerosi multipla, come agisce la cladribina e quando potrebbe servire?


Il paziente deve essere al centro della cura della sclerosi multipla


Sclerosi multipla, Premio Merck a due progetti per la qualità di vita dei malati


Nuove sfide LICE, la parola al presidente Oriano Mecarelli


Fase post critica in epilessia, cosa sappiamo


Epilessia, come vengono gestite le crisi al pronto soccorso


ARTICOLI

Premio Merck in neurologia per informatizzazione processi gestionali della Sclerosi Multipla e PDTA digitali

Giunge alla seconda edizione Premio Merck in Neurologia, un'iniziativa patrocinata dalla Società Italiana di Neurologia (SIN), che quest'anno andrà a finanziare progetti che hanno come principale obiettivo la creazione o il miglioramento di un colleg[...]

Dimetilfumarato, alla barriera ematoencefalica doppio blocco per le cellule T

Uno studio – pubblicato online sul “Multiple Sclerosis Journal” – ha studiato gli effetti del dimetilfumarato (DMF), farmaco prescritto contro la sclerosi multipla recidivante-remittente (RRSM), e del monometilfumarato (MMF), suo metabolita in vivo, [...]

Transizione in menopausa, rischio aumentato di Alzheimer. Prime prove PET

Secondo una ricerca pubblicata su “PLoS One”, la menopausa è associata a cambiamenti del metabolismo cerebrale che possono aumentare il rischio di malattia di Alzheimer (AD). Rispetto alle donne in premenopausa, quelle in perimenopausa e in postmenop[...]

Napoli, al via il 48° congresso della Società Italiana di Neurologia. Nel 2021 Roma ospiterà il mondiale

Dal 14 al 17 Ottobre prossimi gli oltre 1500 neurologi di tutta Italia si riuniranno a Napoli per il 48° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia (SIN) in programma presso il Centro Congressi Mostra d’Oltremare. E proprio il Congresso[...]

SMA tipo 1, accesso ampliato a nusinersen. Diario di un'esperienza italiana di successo

È stata riportata online su “Neuromuscular Disorders” la descrizione di un'esperienza di successo condotta in Italia con il programma di accesso ampliato (EAP) basata sull'uso di nusinersen in neonati e bambini con atrofia muscolare spinale di tipo 1[...]

SM: virus di Epstein-Barr fattore di rischio, citomegalovirus protettivo

L'esposizione al virus di Epstein-Barr (EBV) sembra essere un passo necessario permissivo nello sviluppo della sclerosi multipla (SM). È quanto risulta dai risultati di una ricerca pubblicata su “Neurology” nella quale è stata studiata l'associazione[...]

SM, il trattamento con siponimod non influisce sull’efficacia delle vaccinazioni

Sono stati valutati gli effetti di siponimod, farmaco sperimentale in fase 3 per il trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente (RRSM) e in sviluppo per quello della SM secondariamente progressiva (SPSM), sulla risposta a vaccini [...]

Brexanolone, uno steroide neuroattivo contro lo stato epilettico super-refrattario

In una coorte di dimensioni limitate, il brexanolone ha dimostrato tollerabilità in pazienti affetti da stato epilettico super-refrattario (SRSE) di eziologie eterogenee e si è associato a un tasso elevato di svezzamento (weaning) di successo di agen[...]

SM, gli effetti indesiderati cardiaci di fingolimod sono reversibili

Fingolimod, farmaco usato per trattare la sclerosi multipla recidivante-remittente (RRSM), è noto per ridurre la modulazione autonomica dell'attività cardiaca e la sensibilità barocettiva, nonché attenuare le risposte cardio-vagali agli stimoli auton[...]

Masitinib in aggiunta a riluzolo rallenta la progressione della SLA

Masitinib, aggiunto alla terapia con riluzolo, ha rallentato il tasso di progressione della sclerosi laterale amiotrofica (SLA) in termini di deterioramento misurato alla scala funzionale di valutazione ALS (ALSFRS-R, ALS Functional Rating Scale-Revi[...]

Ennesimo fallimento nell'Alzheimer: nemmeno intepirdina supera la fase III

Deludono i risultati annunciati ieri su intepirdina, farmaco sperimentale per la malattia di Alzheimer che non è riuscito a superare il placebo in uno studio di fase III, MINDSET, su cui erano riposte molte aspettative da parte di clinici e pazienti.[...]

SM recidivante remittente, positivi risultati con amiselimod in fase 2 fino a due anni

In pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) recidivante –remittente (SMRR), amiselimod, un modulatore orale selettivo del recettore della sfingosina-1-fosfato 1, ha soppresso l'attività di malattia in modo dose dipendente senza bradiaritmia clinica[...]

Magnesiemia, se troppo bassa o troppo alta può aumentare il rischio di demenza

Livelli di magnesio sierico sia bassi sia elevati sono associati al rischio di demenza, suggerendo una relazione a forma di U (U-shaped). È quanto emerge da una nuova ricerca pubblicata online su “Neurology”.

Soluzione all'emicrania in prova preliminare, integrazione quotidiana di corpi chetonici

Prove preliminari indicano che un'integrazione alimentare quotidiana a base di chetoni può ridurre la frequenza degli eventi cefalalgici emicranici, senza dare effetti avversi. Si tratta dei risultati di uno studio presentato a Vancouver (Canada), ne[...]

Amiloidosi ereditaria da accumulo di transtiretina, nuove possibilità di cura con patisiran, primo farmaco che sfrutta la RNA interference

La terapia sperimentale a base di patisiran è risultata efficace e sicura in pazienti affetti da amiloidosi ereditaria da accumulo di transtiretina (hATTR) con polineuropatia. L'efficacia è stata mostrata dalla riduzione significativa della progressi[...]

Malattia di Parkinson, al Gemelli si parla di ottimizzazione della cura

Le nuove tecniche chirurgiche di controllo della malattia di Parkinson saranno al centro del convegno “La malattia di Parkinson al Policlinico Gemelli”. Nell'incontro che avrà luogo oggi pomeriggio presso il Policlinico Gemelli di Roma si discuterà d[...]

Scoperto meccanismo che spiega i sintomi della sindrome di Tourette

E' nota anche come sindrome della parolaccia. Parliamo della sindrome di Gilles de la Tourette o più semplicemente di Tourette dal nome del medico francese che per la prima volta l'ha descritta nel 1885. Ne hanno sofferto personaggi famosi come Mozar[...]

Sclerosi Multipla: alterata espressione dei geni coinvolti nella risposta antivirale e controllati dall’interferone

Negli ultimi vent’anni l’uso dell’interferone beta ricombinante nel trattamento della sclerosi multipla (SM) ha cambiato la qualità di vita di chi soffre di questa malattia. Il meccanismo d’azione di questa citochina – solitamente prodotta dal nostr[...]

Ictus ischemico acuto, tenecteplase non è superiore ad alteplase. Verdetto dalla Norvegia

Sono stati pubblicati online su “Lancet Neurology” i risultati dello studio di fase 3 “NOR-TEST” – condotto in 13 centri norvegesi - sulla gestione dell'ictus ischemico acuto. Tenecteplase non è risultato superiore ad alteplase come trombolitico ma h[...]

Antiasmatici beta-2-agonisti, nuova strategia in studio per trattare il Parkinson

Secondo una ricerca pubblicata su “Science”, il salbutamolo - agonista selettivo dei recettori beta-2-adrenergici (beta-2AR) comunemente usato per trattare l'asma - riduce il rischio per la malattia di Parkinson (PD) di circa un terzo. Peraltro il pr[...]