Neurologia

VIDEO

Sindrome del tunnel carpale: di cosa si tratta e quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: il dolore ha due cause


Sindrome del tunnel carpale: quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: come si può curare?


Nuove possibilità di cura per la sindrome del tunnel carpale


Malattie rare: il progetto della Regione Abruzzo per l'amiloidosi da transtiretina


Amiloidosi da transtiretina: un nuovo percorso di cura nella Regione Abruzzo


Cannabis nel paziente con epilessia, cosa sappiamo e quando può essere usata


Epilessia e patente, cosa dice il decreto del 2010 e quali le criticità da affrontare


Congresso LICE, i temi caldi della 41esima edizione


Asse intestino-cervello, quali implicazioni nel paziente epilettico?


Adolescenza ed epilessia, quali i problemi e come affrontarli


Disturbi della sfera sessuale nelle persone con epilessia


Epilessia e patente, incongruenze nel modulo compilato dallo specialista


Classificazione forme epilettiche, quali i cambiamenti apportati lo scorso anno


Tumori cerebrali ed epilessia, cosa sappiamo? Indicazioni dal gruppo di studio LICE


Epilessia e patente, criticità della legge e richieste dei pazienti


Nasce LICE young, obiettivi e iniziative


Gomma cancella mostro, il progetto contro le paure dei bambini con epilessia


Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


ARTICOLI

Disturbi del ritmo sonno-veglia nel Parkinson, efficace il sodio oxibato in fase 2a

Uno studio appena pubblicato su “JAMA Neurology” fornisce un'evidenza di classe I per l'efficacia del sodio oxibato nel trattamento della sonnolenza eccessiva diurna (EDS) e del disturbo del sonno notturno nei pazienti con malattia di Parkinson (PD).[...]

Sclerosi multipla, parola fine al metodo Zamboni. Studio su JAMA

L'intervento di angioplastica per curare la sclerosi multipla, noto come “metodo Zamboni”, sarebbe del tutto inutile, Dopo anni di dibattiti e polemiche che hanno contrapposto la scienza ufficiale con migliaia di pazienti e loro famigliari che invece[...]

Malattia di Pompe, benefici dell'ERT su funzioni muscolari e qualità di vita confermati a lungo termine

Uno studio, pubblicato online su “Neurology”, fornisce una prova di Classe IV che, per i pazienti affetti da malattia di Pompe, la terapia enzimatica sostitutiva (ERT) a lungo termine influenza positivamente la forza muscolare, la funzionalità polmon[...]

SM, dalle catene leggere del neurofilamento nel sangue test predittivo di risposta alla farmacoterapia

Un esame del sangue per monitorare l'effetto del trattamento dei farmaci nella sclerosi multipla (SM) sta facendo registrare buoni progressi, con i dati più recenti che mostrano la sua correlazione con le lesioni della SM, il numero delle recidive, l[...]

Gravidanza in donne con SM, glatiramer acetato opzione sicura per madri e progenie

L'uso di glatiramer acetato (GA) branded durante la gravidanza è relativamente sicuro per le donne con sclerosi multipla (SM) e la loro progenie. È quanto emerge da una nuova ricerca i cui risultati sono stati presentati a Parigi nel corso del recent[...]

NEJM pubblica i risultati finali dello studio di fase 3 su nusinersen per il trattamento della SMA

Sono stati pubblicati sul prestigioso New England Journal of Medicine (NEJM) risultati finali dello studio di fase 3 ENDEAR sulla terapia nusinersen per l’atrofia muscolare spinale (SMA). Nusinersen è il primo e l’unico farmaco al mondo approvato per[...]

SM progressiva: ibudilast, piccola molecola promettente in fase 2b

Ibudilast, farmaco a piccola molecola primo nella sua classe, è efficace e sicuro per il trattamento della sclerosi multipla (SM) progressiva. Sono i risultati ‘top-line' di nuove ricerche comunicate a Parigi, in una sessione ‘late-breaking news' nel[...]

Nuovi criteri diagnostici per identificare la sclerosi multipla prima e senza errori

Nel corso dell'ECTRIMS-ACTRIMS Meeting 2017 di Parigi, sono state proposte nuove revisioni ai criteri diagnostici di McDonald per la sclerosi multipla (SM) che dovrebbero consentire di diagnosticare la malattia più precocemente in molti pazienti.

SM, prime linee guide europee ECTRIMS/EAN sull'uso dei farmaci ‘disease-modifying'

Le prime vere linee guida sull'utilizzo di terapie che modificano la malattia (DMT) nella sclerosi multipla (SM) sono state rilasciate da una joint venture europea tra l'ECTRIMS (European Committee for Research and Treatment of Multiple Sclerosis) e [...]

SM recidivante-remittente. Più ombre che luci per laquinimod, studi sospesi per questa indicazione

Giunge purtroppo da Parigi – dove si è svolto di recente il “7th ECTRIMS-ACTRIMS 2017” – la conferma di cattive notizie per un futuro sviluppo di laquinimod 0,6 mg nel trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente (RRMS). Il farmaco, inf[...]

Epilessia nell'adulto, funzioni cognitive e qualità di vita migliorate da metilfenidato

Il metilfenidato (MPH) – farmaco psicostimolante indicato nei bambini con disturbo di attenzione e iperattività (ADHD) - può essere un'opzione efficace e sicura per migliorare le funzioni cognitive e la qualità di vita in soggetti adulti affetti da e[...]

SM, speranze di rimielinizzazione da un MoAb diretto a un retrovirus umano endogeno

Un'analisi post hoc dello studio CHANGE-MS di fase 2, i cui risultati sono stati presentati a Parigi nel corso del “7th ECTRIMS-ACTRIMS 2017”, ha suggerito che un anticorpo monoclonale, noto come GnbAC1, diretto contro una proteina di un retrovirus u[...]

Apnee ostruttive del sonno, veglia diurna migliorata da solriamfetolo, NDRI in fase 3

Solriamfetolo migliora sensibilmente lo stato di veglia nei pazienti con apnee ostruttive del sonno che soffrono di sonnolenza eccessiva, Secondo i risultati da uno studio di fase 3 – presentati a Toronto, nel corso di CHEST 2017, il meeting annuale [...]

Sclerosi multipla: al via lo studio di fase II AFFINITY per opicinumab, primo rimielinizzate sperimentale

In occasione dell'ECTRIMS di Parigi è stato annunciato l'avvio dello studio clinico di Fase II AFFINITY che valuterà la molecola sperimentale opicinumab come terapia aggiuntiva nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) recidivante. Lo studio AFF[...]

Sclerosi multipla, nei bambini fingolimod riduce le ricadute dell'82% verso interferone

Annunciati a Parigi dove è si sta concludendo il congresso europeo sulla sclerosi multipla (ECRIMS) i risultati completi dello studio di fase III PARADIGMS, volto a valutare la sicurezza e l'efficacia di fingolimod rispetto a interferone beta-1a in b[...]

SM, valido monitoraggio del trattamento con DMF dalla conta assoluta dei linfociti

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) in trattamento con dimetilfumarato (DMF), la riduzione dei valori della conta assoluta dei linfociti (ALC) a 3 e 6 mesi dopo l'inizio della terapia sembrano essere associati a miglioramenti clinici e rad[...]

Il rischio di ictus non aumenta con un abbassamento intensivo della pressione sistolica

L'abbassamento intensivo della pressione arteriosa sistolica (SBP) a livelli inferiori a 120 mmHg non aumenta il rischio di ictus, anche con una bassa pressione arteriosa media (MAP). Lo dimostra una nuova ricerca presentata a San Diego (USA), nel co[...]

Huntington, test salivare rivela marker di malattia prima dell'esordio. Potenziali usi clinici importanti

Una nuova ricerca ha dimostrato che un semplice test sulla saliva in grado di rilevare la huntingtina (Htt), proteina che svolge un ruolo chiave nella malattia di Huntington, può costituire un marker precoce dell'insorgenza e della progressione del d[...]

Sclerosi multipla recidivante, ozanimod convince nello studio SUNBEAM in fase III

Sono stati presentati ieri a Parigi, nel corso del “MSParis2017 – 7th Joint ECTRIMS – ACTRIMS Meeting” i risultati dettagliati del trial di fase III SUNBEAM che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di ozanimod, un nuovo modulatore orale selettivo d[...]

SM: rallentamento dell'atrofia della materia grigia corticale con teriflunomide associato a ritardo nella conversione a malattia clinicamente definita

Il rallentamento dell'atrofia cerebrale (perdita di volume della materia grigia corticale) ottenuto con teriflunomide si associa a un ritardo nella conversione a sclerosi multipla clinicamente definita.