Neurologia

VIDEO

Sindrome del tunnel carpale: di cosa si tratta e quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: il dolore ha due cause


Sindrome del tunnel carpale: quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: come si può curare?


Nuove possibilità di cura per la sindrome del tunnel carpale


Malattie rare: il progetto della Regione Abruzzo per l'amiloidosi da transtiretina


Amiloidosi da transtiretina: un nuovo percorso di cura nella Regione Abruzzo


Cannabis nel paziente con epilessia, cosa sappiamo e quando può essere usata


Epilessia e patente, cosa dice il decreto del 2010 e quali le criticità da affrontare


Congresso LICE, i temi caldi della 41esima edizione


Asse intestino-cervello, quali implicazioni nel paziente epilettico?


Adolescenza ed epilessia, quali i problemi e come affrontarli


Disturbi della sfera sessuale nelle persone con epilessia


Epilessia e patente, incongruenze nel modulo compilato dallo specialista


Classificazione forme epilettiche, quali i cambiamenti apportati lo scorso anno


Tumori cerebrali ed epilessia, cosa sappiamo? Indicazioni dal gruppo di studio LICE


Epilessia e patente, criticità della legge e richieste dei pazienti


Nasce LICE young, obiettivi e iniziative


Gomma cancella mostro, il progetto contro le paure dei bambini con epilessia


Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


ARTICOLI

Parkinson, MoAb mirato all'alfa-sinucleina aggregata sicuro in fase Ib. Al via la fase II

Un agente biologico sperimentale è apparso sicuro e ben tollerato e ha portato a marcate riduzioni di alfa-sinucleina nel siero ei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD). È il risultato di uno studio clinico di fase Ib, pubblicato online su “[...]

Disturbo da incubi nell'adulto, dagli USA un position paper sui trattamenti raccomandati

Varie opzioni di trattamento – di tipo sia medico sia non farmacologico - possono essere efficaci per trattare il disturbo da incubi nell'adulto, secondo un Position Paper dell'American Academy of Sleep Medicine (AASM) pubblicato online sul “Journal [...]

Al via il più grande finanziamento mondiale per la ricerca sull’autismo

Il più grande finanziamento per la ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo è stato assegnato dall'Innovative Medicines Initiative a un consorzio internazionale guidato dall'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (Io[...]

SMA, miglioramenti clinici della funzione motoria con risdiplam, modificatore dello splicing di SMN2

Presentati a Dallas (USA) nel corso del 22° meeting annuale dei ricercatori SMA (atrofia muscolare spinale), i dati clinici ad interim aggiornati della Parte 1 dello studio FIREFISH condotto con risdiplam (RG7916). I risultati hanno dimostrato che - [...]

Amisulpride, prove di efficacia nella “psicosi simile alla schizofrenia a insorgenza molto tardiva” (VLOSLP)

L'antipsicotico atipico amisulpride sembra efficace nel ridurre i sintomi della psicosi in pazienti con psicosi simile alla schizofrenia a insorgenza molto tardiva (VLOSLP). Lo suggerisce una nuova ricerca pubblicata online su “Lancet Psychiatry”.

Emorragia intracerebrale in pazienti sotto antiaggreganti. È sicuro riavviare la terapia alla dimissione?

Il riavvio della terapia antiaggregante in pazienti con emorragia intracerebrale (ICH) da lieve a moderata non è associato a esiti funzionali peggiori. Lo suggerisce un'analisi retrospettiva i cui risultati sono stati pubblicati online su “Neurology”[...]

Narcolessia e OSA, senza intoppi lo sviluppo di solriamfetolo per il trattamento della sonnolenza eccessiva

Il trattamento quotidiano con solriamfetolo, farmaco che promuove la veglia, nello studio TONES 5 ha ridotto la sonnolenza eccessiva (ES) in pazienti con narcolessia o apnea ostruttiva del sonno (OSA) fino a 1 anno. I risultati dello studio di fase 3[...]

Diagnosi e trattamento del lieve decadimento cognitivo modificabili con PET amiloide di routine

Le scansioni di tomografia ad emissione di positroni (PET) dell'amiloide, inserite come parte integrante di una routine di esami diagnostici, possono modificare la diagnosi e il trattamento in pazienti con lieve decadimento cognitivo (MCI), secondo u[...]

Cefalea a grappolo cronica, framezumab non centra l'end point in Fase III

Battuta d'arresto per Teva che ha reso noto di aver interrotto uno studio in cui veniva valutato il framezumab, un nuovo anti CGRP, in pazienti con cefalea a grappolo cronica. L'azienda invece proseguirà la parte di studio relativa alle forme episodi[...]

Sclerosi multipla, per ocrelizumab conferme a lungo termine in entrambe le forme di malattia

Nuove conferme per ocrelizumab saranno presentate al 4° Congresso della European Academy of Neurology (EAN) dal 16 giugno al 19 giugno a Lisbona, in Portogallo. I dati sull'efficacia e sulla sicurezza a lungo termine sono coerenti con il profilo risc[...]

Emicrania, atogepant supera studio chiave ed entra in fase III. Sarà il primo anti CGRP orale

Una terapia orale con atogepant, un farmaco sperimentale di Allergan, si è dimostrata efficace nel ridurre i giorni di emicrania se somministrata a scopo preventivo. Questi dati, provenienti da uno studio di Fase 2b/3, aprono un percorso che consenti[...]

Alzheimer, Eli Lilly e AstraZeneca interrompono gli studi su lanabecestat, un inibitore di BACE

Pare siano già oltre 100 i principi attivi che hanno fallito in studi clinici condotti sulla malattia di Alzheimer. A questo elenco adesso si aggiunge anche lanabecestat, un farmaco sviluppato da Eli Lilly e AstraZeneca che oggi hanno comunicato che [...]

Prevenzione di ictus ricorrente dopo primo evento criptogenico, rivaroxaban non superiore ad ASA

In uno studio presentato a Götenborg (Svezia) durante la 4th European Stroke Organisation Conference (ESOC) e pubblicato contestualmente sul “New England Journal of Medicine”, rivaroxaban – inibitore diretto del fattore Xa, non si è dimostrato superi[...]

SM, rapidi e robusti miglioramenti alla RM con lo switch da IFN-beta-1a a ocrelizumab

In un'estensione in aperto dei trial OPERA I e II, i pazienti con sclerosi multipla (SM) recidivante che sono passati da interferone beta (IFN-beta)-1a a ocrelizumab hanno mostrato un rapido miglioramento in termini di ridotta attività della malattia[...]

Sclerosi multipla, i benefici di alemtuzumab si mantengono fino a 7 anni

Gli effetti benefici del trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente con alemtuzumab si mantengono fino a 7 anni, con significative riduzioni dell'atrofia cerebrale anche tra coloro che non hanno ricevuto alcun trattamento aggiunt[...]

Parkinson, una possibile protezione dai farmaci che sopprimono il sistema immunitario?

I pazienti che assumono farmaci immunosoppressori hanno minore probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson (PD). Lo sostiene uno studio della Washington University School of Medicine di St. Louis, pubblicati online sugli “Annals of Clinical an[...]

Il sì degli epilettologi alla cannabis terapeutica, ma con cautela

C’è grande fermento nella comunità scientifica e tra i pazienti che convivono ogni giorno con l’epilessia, grazie a nuovi studi sulla cannabis terapeutica e ai risultati positivi derivanti dai recenti studi controllati internazionali riguardo l’effic[...]

LICE: verso le Linee guida sulla terapia farmacologica dell’epilessia tumorale

I tumori cerebrali rappresentano una causa comune di epilessia: circa il 5% di tutte le epilessie hanno una origine tumorale e le crisi epilettiche sono una frequente manifestazione di tumore cerebrale. Il tema dell’utilizzo dei farmaci nella gestio[...]

La gestione dell’epilessia nella pratica clinica riflette i bisogni dei pazienti?

I bisogni del paziente epilettico possono non coincidere con quelli del medico e il loro soddisfacimento è possibile solo attraverso una comunicazione adeguata. E’ questa l’ipotesi che dà il via allo studio italiano EPINEEDS condotto dall’IRCCS Istit[...]

SLA: ottenuti motoneuroni dal sangue, importante passo avanti della ricerca italiana

Assieme alla ricerca genetica sulla SLA, si aggiunge ora la possibilità di studiare in laboratorio i motoneuroni dei soggetti malati confrontadoli con quelli delle persone sane. È con questo nuovo strumento che si potrà avanzare nella ricerca per por[...]