Neurologia

VIDEO

Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


Sclerosi multipla, a Verona nuovo test identifica molecole "maligne" per cure più mirate


Sclerosi multipla: dalla diagnosi alla personalizzazione della terapia


A fianco del coraggio, premio letterario per uomini che sostengono donne con sclerosi multipla


Sclerosi multipla: nuova possibilità di cura con cladribina, farmaco per la terapia di induzione


Fatica cronica in corso di sclerosi multipla: nuove possibilità di cura con acido alfa lipoico


In arrivo una nuova classe di farmaci contro l'emicrania cronica


Malattie neurologiche rare: finalmente ci sono delle risposte


Società Italiana di Neurologia: un bilancio di due anni di presidenza


La cura dell'ictus in Italia: attività dell'Osservatorio Ictus


Società italiana di Neurologia: uno sguardo al futuro


Sclerosi multipla: attività infermieristiche per la gestione del daclizumab


Malattia di Parkinson: nuove possibilità di cura con opicapone


Atrofia muscolare spinale: caratteristiche cliniche, diagnosi, novità terapeutiche


Atrofia muscolare spinale: meccanismo d'azione, efficacia e sicurezza di nusinersen


Sclerosi multipla: due approcci terapeutici a confronto: terapia scalare e terapia di induzione


Sclerosi multipla, come agisce la cladribina e quando potrebbe servire?


Il paziente deve essere al centro della cura della sclerosi multipla


Sclerosi multipla, Premio Merck a due progetti per la qualità di vita dei malati


Nuove sfide LICE, la parola al presidente Oriano Mecarelli


Fase post critica in epilessia, cosa sappiamo


Epilessia, come vengono gestite le crisi al pronto soccorso


ARTICOLI

Contraccezione nelle donne con SM. I criteri clinici per guidare la paziente a una scelta sicura

Una review, pubblicata sul “Multiple Sclerosis Journal”, riassume i contenuti dell'US MEC 2016, ossia le prime raccomandazioni americane evidence-based sulla sicurezza contraccettiva nella donna affetta da sclerosi multipla (SM) e le amplia sulle bas[...]

Parkinson avanzato. Levodopa-carbidopa liquida, opzione se controindicati dispositivi invasivi

Nei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD) in fase avanzata il trattamento LCAS (somministrazione per os di una soluzione di levodopa, carbidopa e acido ascorbico) può costituire un'opzione terapeutica senza necessità di dispositivi di erogaz[...]

SM, disabilità e declino cognitivo correlati ad anomalie di connettività funzionale tra reti cerebrali

Pubblicato sul “Multiple Sclerosis Journal”, uno studio - condotto mediante risonanza magnetica funzionale (fRM) all'Istituto Scientifico San Raffaele-Università Vita-Salute di Milano – ha chiarito nuovi meccanismi che determinano la storia clinica d[...]

H.pylori, possibile causa sia di apnee ostruttive del sonno sia di ictus correlati a fibrillazione atriale

In una “Lettera all'editore” pubblicata online su “Sleep Medicine”, un team di studiosi dell'Università di Salonicco rivede le problematiche multidisciplinari che caratterizzano la sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS), giungendo a ipotizz[...]

Associazione significativa tra livelli di PM 2,5 e rischio di ictus ischemico. Allarme ribadito da Hong Kong

In uno studio pubblicato online su “Neurology” e condotto a Hong Kong si è intesa valutare l'associazione dell'esposizione residenziale a lungo termine al particolato fine, cioè con diametro aerodinamico inferiore a 2,5 micron (PM 2,5) con l'incidenz[...]

Neuropatia periferica indotta da chemioterapici migliora con il Neurofeedback

Il Neurofeedback, tecnica di allenamento funzionale del cervello utilizzata con successo in una varietà di campi terapeutici, riduce in modo significativo il dolore della neuropatia periferica indotta dalla chemioterapia, rispetto ad una cura usuale.[...]

Indice di massa corporea in gravidanza e rischio di paralisi cerebrale nel bambino, una nuova associazione

Durante le prime fasi della gravidanza, essere in sovrappeso o obese è associato ad un maggior rischio di dare alla luce un bambino con paralisi cerebrale. È quanto emerge da uno studio pubblicato recentemente su JAMA in cui gli autori specificano ch[...]

L’apnea ostruttiva del sonno nei bambini ne condiziona lo sviluppo cerebrale

I bambini con apnea ostruttiva del sonno mostrano ampie riduzioni del volume della materia grigia a livello delle aree coinvolte nel controllo delle funzioni cognitive e dell’umore, anche se tali perdite sembrano essere apparentemente indipendenti da[...]

Declino cognitivo, svaniscono le speranze poste sugli antiossidanti

Neanche la supplementazione di antiossidanti previene la demenza. È quanto riferito in uno studio pubblicato su JAMA Neurology in cui gli autori sostengono si tratti del primo studio che valuta a lungo termine l'associazione tra l’utilizzo del supple[...]

Bumetanide nell’autismo, buoni i risultati in fase II

Il trattamento con il bumetanide migliora i sintomi principali dei disturbi dello spettro autistico, tra cui i deficit sociali e i comportamenti stereotipati. Sono i risultati di uno studio multicentrico di fase II b recentemente pubblicato su Transl[...]

Sclerosi multipla, rimossa dalla scheda tecnica di glatiramer acetato la controindicazione all’uso in gravidanza

Teva Pharmaceutical ha annunciato di aver ricevuto esito positivo alla rimozione della controindicazione in caso di gravidanza per glatiramer acetato 40 mg/ml. L’uso del farmaco è stato originariamente approvato mediante una procedura decentralizzata[...]

Dal primo evento di demielinizzazione alla SM la disabilità è contenibile migliorando il BMI e il profilo lipidico

In pazienti con prima diagnosi di demielinizzazione del sistema nervoso centrale, livelli più elevati di adiposità, di non-HDL e un più alto rapporto colesterolo totale (TC)/HDL sono stati prospetticamente associati a un più alto tasso di progression[...]

Sclerosi multipla, analisi post hoc conferma l'efficacia del dimetilfumarato in termini di NEDA

Pubblicata online sull'European Journal of Neurology, un'analisi integrata degli studi di fase III DEFINE e CONFIRM condotti con dimetilfumarato (DMF) in pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente (RRSM) ha dimostrato che, risp[...]

Autismo e infezione da virus herpes simplex durante la gravidanza

La presenza di livelli elevati di anticorpi materni contro l'herpes simplex virus di tipo 2 (Hsv-2) durante la gravidanza è stata associata a un aumentato rischio di disturbi dello spettro autistico (Autism Spectrum Disorders, Asd) soprattutto nei fi[...]

Beta-amiloide cerebrale nell'epilessia a esordio giovanile e predisposizione all'Alzheimer, forti indizi

Secondo uno studio apparso online su “JAMA Neurology”, soggetti adulti con epilessia a esordio infantile, in particolare se portatori dell'allele epsilon-4 (e4) dell'apolipoproteina E (APOE), hanno un aumentato carico di amiloide cerebrale più avanti[...]

Malattie autoimmuni e rischio demenza, un link allarmante ma ancora da esplorare

I pazienti affetti da vari tipi di malattie autoimmuni presentano un rischio aumentato di demenza. Sono le preoccupanti conclusioni di uno studio retrospettivo, pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health, in cui i ricercatori hanno oss[...]

Parte da Firenze la nuova battaglia contro l'Alzheimer

A Firenze il 17° Congresso Nazionale dell'Associazione Italiana Psicogeriatria AIP. Dal 1 al 3 Settembre l'Alzheimer Fest a Varese

Sclerosi multipla, dall'HALT-MS in fase II remissioni a 5 anni post-trapianto autologo di cellule ematopoietiche

La terapia immunosoppressiva ad alte dosi (HDIT) seguita da trapianto di cellule ematopoietiche autologhe (HCT) senza terapia di mantenimento risulta efficace per indurre remissioni sostenute a lungo termine di pazienti con sclerosi multipla (SM) rec[...]

Epilessia a esordio parziale refrattaria, risultati positivi in fase 2 per ganaxolone in add-on

In uno studio di fase 2, i cui risultati sono stati pubblicati online su “Epilepsia”, ganaxolone alla dose di 1.500 mg/die come terapia add-on in soggetti adulti con epilessia a esordio parziale (POS) non controllata, ha ridotto la frequenza degli at[...]

SM trattata con natalizumab, pazienti e neurologi a confronto su percezioni di benefici e rischi

Nel trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante remittente (RRSM) con natalizumab (NAT) - anche se i pazienti e i medici sembrano avere una percezione realistica del rischio di leucoencefalite multifocale progressiva (PML) - la conoscenza de[...]