Neurologia

VIDEO

Come si gestisce l’amiloidosi in Sicilia? Un rapporto documenta i progressi clinici e organizzativi


3 cose da sapere sulla malattia di Parkinson


Ci sono delle differenze uomo-donna anche nelle malattie neurologiche?


Sclerosi multipla, azione selettiva dell'anticorpo monoclonale ocrelizumab


Atrofia muscolare spinale, novità sul trattamento


Malattie neurologiche, importanza del digital per medico e paziente


Sclerosi multipla, cosa chiedono i pazienti per una migliore qualità di vita?


Diagnosi di malattia di Alzheimer, come comunicarla a pazienti e familiari?


Alzheimer, cosa abbiamo imparato dai recenti fallimenti della ricerca?


Neuromielite ottica, cos'è e come si differenzia dalla sclerosi multipla


Sclerosi multipla, ok all'uso dell'interferone beta 1a sottocute in gravidanza e allattamento


Le novità della 50esimo edizione del congresso dei neurologi italiani


Neuromielite ottica, novità dalla ricerca


Neuromielite ottica, chi è e come agisce satralizumab


Sinucleina, ruolo diagnostico nella malattia di Parkinson


Invecchiamento cerebrale fisiologico e declino cognitivo, come si differenziano?


Neuromielite ottica, ruolo centrale dell'interleuchina 6


Disordini del ritmo circadiano, quale impatto a livello neurologico?


Le cose da sapere sull’emicrania


Cosa sono e come agiscono i nuovi farmaci anti emicrania, gli anti CGRP


Conosciamo da vicino il fremanezumab, un nuovo farmaco antiemicrania


Conosciamo la depressione maggiore: cos'è, come si presenta, cause e conseguenze


ARTICOLI

Epilessia nell'adulto, funzioni cognitive e qualità di vita migliorate da metilfenidato

Il metilfenidato (MPH) – farmaco psicostimolante indicato nei bambini con disturbo di attenzione e iperattività (ADHD) - può essere un'opzione efficace e sicura per migliorare le funzioni cognitive e la qualità di vita in soggetti adulti affetti da e[...]

SM, speranze di rimielinizzazione da un MoAb diretto a un retrovirus umano endogeno

Un'analisi post hoc dello studio CHANGE-MS di fase 2, i cui risultati sono stati presentati a Parigi nel corso del “7th ECTRIMS-ACTRIMS 2017”, ha suggerito che un anticorpo monoclonale, noto come GnbAC1, diretto contro una proteina di un retrovirus u[...]

Apnee ostruttive del sonno, veglia diurna migliorata da solriamfetolo, NDRI in fase 3

Solriamfetolo migliora sensibilmente lo stato di veglia nei pazienti con apnee ostruttive del sonno che soffrono di sonnolenza eccessiva, Secondo i risultati da uno studio di fase 3 – presentati a Toronto, nel corso di CHEST 2017, il meeting annuale [...]

Sclerosi multipla: al via lo studio di fase II AFFINITY per opicinumab, primo rimielinizzate sperimentale

In occasione dell'ECTRIMS di Parigi è stato annunciato l'avvio dello studio clinico di Fase II AFFINITY che valuterà la molecola sperimentale opicinumab come terapia aggiuntiva nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) recidivante. Lo studio AFF[...]

Sclerosi multipla, nei bambini fingolimod riduce le ricadute dell'82% verso interferone

Annunciati a Parigi dove è si sta concludendo il congresso europeo sulla sclerosi multipla (ECRIMS) i risultati completi dello studio di fase III PARADIGMS, volto a valutare la sicurezza e l'efficacia di fingolimod rispetto a interferone beta-1a in b[...]

SM, valido monitoraggio del trattamento con DMF dalla conta assoluta dei linfociti

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) in trattamento con dimetilfumarato (DMF), la riduzione dei valori della conta assoluta dei linfociti (ALC) a 3 e 6 mesi dopo l'inizio della terapia sembrano essere associati a miglioramenti clinici e rad[...]

Il rischio di ictus non aumenta con un abbassamento intensivo della pressione sistolica

L'abbassamento intensivo della pressione arteriosa sistolica (SBP) a livelli inferiori a 120 mmHg non aumenta il rischio di ictus, anche con una bassa pressione arteriosa media (MAP). Lo dimostra una nuova ricerca presentata a San Diego (USA), nel co[...]

Huntington, test salivare rivela marker di malattia prima dell'esordio. Potenziali usi clinici importanti

Una nuova ricerca ha dimostrato che un semplice test sulla saliva in grado di rilevare la huntingtina (Htt), proteina che svolge un ruolo chiave nella malattia di Huntington, può costituire un marker precoce dell'insorgenza e della progressione del d[...]

Sclerosi multipla recidivante, ozanimod convince nello studio SUNBEAM in fase III

Sono stati presentati ieri a Parigi, nel corso del “MSParis2017 – 7th Joint ECTRIMS – ACTRIMS Meeting” i risultati dettagliati del trial di fase III SUNBEAM che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di ozanimod, un nuovo modulatore orale selettivo d[...]

SM: rallentamento dell'atrofia della materia grigia corticale con teriflunomide associato a ritardo nella conversione a malattia clinicamente definita

Il rallentamento dell'atrofia cerebrale (perdita di volume della materia grigia corticale) ottenuto con teriflunomide si associa a un ritardo nella conversione a sclerosi multipla clinicamente definita.

Sclerosi multipla, ocrelizumab riduce la progressione di malattia

Al VII Congresso Congiunto dei Comitati Europeo e Americano per la Terapia e la Ricerca sulla Sclerosi Multipla (ECTRIMS-ACTRIMS) in corso a Parigi, sono stati annunciati nuovi risultati su ocrelizumab, che mostrano l'avanzamento delle conoscenze med[...]

Sclerosi multipla nei bambini, conferme per fingolimod

Durante il 7° congresso congiunto degli European e Americas Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS-ACTRIMS) in corso a Parigi sono stati presentati per la prima volta i dati completi dello studio registrativo di fase III [...]

Sclerosi multipla: bilancio positivo del trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche. L'esperienza italiana

Il trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche (aHSCT) induce una remissione prolungata di malattia nei pazienti con sclerosi multipla aggressiva. Lo conferma uno studio osservazionale italiano recentemente presentato al XLVIII congresso n[...]

Ictus, infusione di idarucizumab pre-trombolisi e clot retrieval. Primi casi dalla Nuova Zelanda

In una lettera pubblicata sul “Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry”, un gruppo di neurologi neozelandesi descrive la propria esperienza relativa a un intervento finora effettuato in rarissimi casi: il recupero del coagulo (clot retrieva[...]

Ictus in pazienti con demenza, sì alla trombolisi endovenosa senza timori di emorragia cerebrale

I pazienti affetti da demenza, se sono colpiti da un ictus ischemico acuto (AIS) e vengono trattati mediante trombolisi endovenosa (IVT) utilizzando potenti farmaci trombolitici, non corrono alcun rischio superiore di emorragia intracerebrale sintoma[...]

Terapia ormonale in postmenopausa sicura per il cuore delle donne con emicrania

L'emicrania è frequente tra le donne, ma a causa di vari rischi per la salute può essere difficile da trattare in età più avanzata. Inoltre, mentre la terapia ormonale (HT) è efficace nell'alleviare molti sintomi della menopausa, un suo impiego sicur[...]

Patogenesi dell'Alzheimer, trovata una nuova tessera del puzzle

Ricercatori della McGill University di Montréal (Canada) hanno scoperto un meccanismo cellulare che può contribuire all'interruzione delle comunicazioni tra i neuroni nella malattia di Alzheimer (AD). Il loro studio, pubblicato su “Nature Communicati[...]

Sindrome di Dravet, esenzione e due farmaci in arrivo

La sindrome di Dravet è stata inserita nell'elenco delle malattie rare esentabili: oggi ha un suo codice di esenzione, RF0061. A darne notizia è l'Osservatorio Malattie Rare, che ha recentemente pubblicato una Guida alle nuove esenzioni per malattie [...]

Gianluigi Mancardi nuovo presidente della Società Italiana di Neurologia

Il professor Gianluigi Mancardi, Direttore della Clinica Neurologica dell'Università di Genova, è il nuovo Presidente della Società Italiana di Neurologia. Guiderà la SIN fino al 2019, prendendo il posto del Professor Leandro Provinciali, Direttore d[...]

Multivitaminici in gravidanza allontanano i rischi autismo con disabilità intellettiva

Durante la gravidanza, la supplementazione multivitaminica materna, con aggiunta di ferro e/o acido folico, è associata a un rischio ridotto del 31% dei disturbi dello spettro autistico con disabilità intellettiva nei bambini. Sono le conclusioni di [...]