Neurologia

VIDEO

Premio Merck in neurologia: la tecnologia digitale al servizio del paziente con sclerosi multipla


Cos'è la narcolessia, come si manifesta, che problemi causa ai pazienti


Come si fa la diagnosi di Alzheimer: dai sintomi agli esami di diagnostica per immagini


Sclerosi multipla: perché usare prima i farmaci più efficaci. L' esempio di alemtuzumab


Parkinson, cosa dice la letteratura scientifica sul farmaco opicapone


Parkinson, esperienza nella vita reale con opicapone


Parkinson, quali sono le ultime scoperte sulle cause della malattia?


Sclerosi multipla primariamente progressiva: cosa sappiamo su efficacia e sicurezza di ocrelizumab


Quali sono i primi sintomi della malattia di Parkinson?


Malattia di Parkinson perchè va trattata il più precocemente possibile


Crisi psicogene: cosa sono e in cosa differiscono da quelle epilettiche


Sclerosi multipla: cosa sappiamo sul trapianto di staminali


Sclerosi multipla, ruolo cruciale dei linfociti B nella patogenesi della malattia


Sclerosi multipla, prime esperienze nella pratica clinica quotidiana con ocrelizumab


Cosa sappiamo sulla efficacia e sicurezza a lungo termine di teriflunomide e alemtuzumab


Un confronto diretto tra farmaci orali per la cura della sclerosi multipla. Studio italiano


Sclerosi multipla, esperienza clinica con ocrelizumab nelle forme recidivanti remittenti


Amiloidiosi da transtiretina, malattia neurologica poco conosciuta e sottodiagnosticata


Come sta cambiando la cura delle malattie neurologiche rare: 3 esempi concreti


Sclerosi multipla, conferme a 8 anni di sicurezza ed efficacia di alemtuzumab


Come si diagnostica l’amiloidosi da transtiretina


Cosa è la malattia di Charcot-Marie-Tooth?


ARTICOLI

Alzheimer, farmaco sperimentale di Lundbeck delude in Fase III

La danese Lundbeck ha reso noto che idalopirdine, farmaco sperimentale antagonista del recettore 5-HT6 conosciuto anche con il nome in codice Lu AE58054, non è riuscito a raggiungere gli endpoint primari e secondari nel primo dei tre studi di Fase I[...]

Sclerosi multipla, trapianto di staminali blocca la malattia per anni

Il trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche, un trattamento sperimentato da più di 20 anni nei pazienti con sclerosi multipla severa o refrattaria ai trattamenti, potrebbe avere un successo a lungo termine nella terapia di questi indivi[...]

Sclerosi multipla, ozanimod mantiene l'efficacia a 96 settimane

Alla 32a edizione del Congresso dell'European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS) sono stati presentati i dati relativi alla fase di estensione della durata di 96 settimane dello studio di fase II RADIANCE condotto in[...]

Sclerosi multipla secondariamente progressiva, promette bene siponimod in Fase III

Al 32° Congresso dell’European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS), tenutosi a Londra sono stati annunciati i risultati positivi provenienti dallo studio di Fase III EXPAND, i quali dimostrano che BAF312 (siponimod) u[...]

Meno giorni con emicrania cronica grazie a nuovo anticorpo monoclonale

Presentati al 5° European Headache and Migraine Trust International Congress (EHMTIC) a Glasgow, in Scozia.Novartis una serie di dettagliati risultati di Fase II, secondo i quali l’anticorpo monoclonale interamente umanizzato AMG 334 (erenumab) ha di[...]

Sclerosi multipla, effetti di alemtuzumab mantenuti a sei anni

Sanofi e Sanofi Genzyme, sua divisione specializzata in malattie rare, sclerosi multipla, oncologia e immunologia, annunciano nuovi dati positivi a sei anni nello studio clinico di estensione su alemtuzumab nei pazienti con sclerosi multipla recidiv[...]

Sclerosi multipla, 1000 pazienti in real life confermano efficacia di teriflunomide

Al 32° Congresso dello European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis sono stati annunciati nuovi dati positivi di pratica clinica quotidiana derivanti dallo studio di fase 4 Teri-PRO (Patient Reported Outcomes) condotto con te[...]

A volte ritornano. Tutto fa pensare a un finale positivo per cladribina

La cladribina è tornata. Il farmaco, che sembrava essere la prima terapia orale per sclerosi multipla e che poi è stato battuto sul tempo da fingolimod a causa della decisione delle autorità regolatorie di richiedere ulteriori dati per la sua approva[...]

Sclerosi multipla, all’ECTRIMS conferme a 10 anni dell’attività di fingolimod

Presentati al 32° Congresso dell’European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS) nuovi dati dello studio ACROSS, che ha valutato gli esiti sulla disabilità a 10 anni in persone con recidivante remittente (SMRR) trattati [...]

Congresso ECTRIMS, per daclizumab nuove conferme di lunga assenza di malattia (NEDA)

Una nuova analisi post-hoc dello studio registrativo DECIDE dimostra che un numero significativamente maggiore di persone trattate con daclizumab ha riportato l’assenza di evidenze di attività di malattia (NEDA) rispetto ai pazienti trattati con inte[...]

Sclerosi multipla progressiva, maxi finanziamento al San Raffaele per creare network internazionale

Gianvito Martino. a capo dell'Unità di Neuroimmunologia e dal 2008 la Divisione di Neuroscienze dell'IRCCS Ospedale San Raffaele ha ottenuto un finanziamento pari a 4,2 milioni di euro per coordinare un progetto di ricerca (BRAVEinMS) che coinvolge l[...]

Sclerosi multipla: meglio colpire subito con farmaci potenti. Lo dimostra studio con cladribina

Al 32° Congresso dell'European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS) in corso a Londra sono stati presentati nuovi dati sulla cladribina, una “small molecule” di sintesi orale, in fase di sperimentazione per il trattame[...]

Sclerosi multipla, per dimetilfumarato le conferme arrivano dalla real life

Nuove evidenze real world e provenienti dalla pratica clinica dimostrano che dimetilfumarato ha garantito un’efficacia elevata e duratura in pazienti di nuova diagnosi e in pazienti precedentemente trattati affetti da sclerosi multipla recidivante r[...]

Sclerosi multipla, dall'ECTRIMS conferme per ocrelizumab nella recidivante remittente e primariamente progressiva.

Nessuna evidenza di attività di malattia (NEDA) per oltre il 75% delle persone con sclerosi multipla recidivante remittente (SMRR) trattate con ocrelizumab, rispetto a interferone beta-1a . Nessuna evidenza di progressione (NEP) per oltre il 47% dell[...]

Sclerosi multipla, al congresso ECTRIMS 2016 Merck presenterà nuovi dati su sicurezza ed efficacia a lungo termine di cladribina compresse

La tedesca Merck annuncia che nel corso del 32° Congresso dell'European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS) che si terrà a Londra dal 14 al 17 settembre, ha in programma importanti simposi e più di 30 presentazioni di[...]

Amiselimod, nuovo modulatore orale del recettore S1P1, efficace sulla SM e sicuro per il cuore

In pazienti affetti da sclerosi multipla (SM), amiselimod, nuovo modulatore selettivo orale del recettore della sfingosina 1-fosfato (S1P1), al dosaggio di 0,2 mg e 0,4 mg ha ridotto significativamente il numero totale di lesioni pesate in T1 captant[...]

Esposizione prenatale ad antiepilettici e QI nell’infanzia: più sicuri levetiracetam e topiramato

L’assunzione in monoterapia da parte di donne con epilessia in gravidanza di farmaci antiepilettici tra i più recenti (AED) – quali levetiracetam e topiramato - non risulta associata a ridotte abilità cognitive della prole nel corso della media infan[...]

Sclerosi multipla, identificate citochine predittive di risposta clinica al glatiramer acetato

Anche se sono necessari ulteriori studi di validazione, una ricerca condotta presso l’Università dello Utah ha permesso di identificare biomarcatori predittivi di risposta clinica al trattamento con glatiramer acetato (GA) nella terapia della scleros[...]

Alzheimer, aducanumab efficace nella rimozione delle placche amiloidi. Si accende la speranza di una cura

Pubblicati sulla rivista Nature i promettenti risultati dello studio clinico di fase 1b PRIME riguardante l'anticorpo monoclonale aducanumab che viene studiati per la cura di pazienti affetti da morbo di Alzheimer dell'Alzheimer. Il rapporto ha dimos[...]

Sclerosi multipla secondariamente progressiva, bene la fase III per siponimod

Il modulatore selettivo del recettore della sfingosina-1-fosfato (S1P) da somministrarsi una volta al giorno per via orale, siponimod, ha raggiunto l'endpoint principale dello studio di fase III EXPANDED riducendo il rischio di progressione della dis[...]