Neurologia

VIDEO

Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


Sclerosi multipla, a Verona nuovo test identifica molecole "maligne" per cure più mirate


Sclerosi multipla: dalla diagnosi alla personalizzazione della terapia


A fianco del coraggio, premio letterario per uomini che sostengono donne con sclerosi multipla


Sclerosi multipla: nuova possibilità di cura con cladribina, farmaco per la terapia di induzione


Fatica cronica in corso di sclerosi multipla: nuove possibilità di cura con acido alfa lipoico


In arrivo una nuova classe di farmaci contro l'emicrania cronica


Malattie neurologiche rare: finalmente ci sono delle risposte


Società Italiana di Neurologia: un bilancio di due anni di presidenza


La cura dell'ictus in Italia: attività dell'Osservatorio Ictus


Società italiana di Neurologia: uno sguardo al futuro


Sclerosi multipla: attività infermieristiche per la gestione del daclizumab


Malattia di Parkinson: nuove possibilità di cura con opicapone


Atrofia muscolare spinale: caratteristiche cliniche, diagnosi, novità terapeutiche


Atrofia muscolare spinale: meccanismo d'azione, efficacia e sicurezza di nusinersen


Sclerosi multipla: due approcci terapeutici a confronto: terapia scalare e terapia di induzione


Sclerosi multipla, come agisce la cladribina e quando potrebbe servire?


Il paziente deve essere al centro della cura della sclerosi multipla


Sclerosi multipla, Premio Merck a due progetti per la qualità di vita dei malati


Nuove sfide LICE, la parola al presidente Oriano Mecarelli


Fase post critica in epilessia, cosa sappiamo


Epilessia, come vengono gestite le crisi al pronto soccorso


ARTICOLI

Farmaci più esercizio fisico: efficacia sinergica in caso di Alzheimer e decadimento cognitivo lieve

I trattamenti farmacologici hanno un impatto piccolo ma significativo sul funzionamento cognitivo nella malattia di Alzheimer (AD) mentre l'esercizio fisico ha le potenzialità per migliorare la cognizione sia nell’AD che nel decadimento cognitivo lie[...]

Prevenzione dell'ictus da fibrillazione atriale: il paziente guida la scelta tra NOAC e Watchman

Secondo uno studio pubblicato online sull'International Journal of Cardiology, nella profilassi dell'ictus ischemico in pazienti con fibrillazione atriale (AF) la terapia con nuovi anticoagulanti orali (NOAC) è risultata superiore al warfarin sotto m[...]

Da clopidogrel prevenzione ictale anche per effetti antinfiammatori indipendenti dalle piastrine

Uno studio - effettuato presso l’Università di Buffalo e pubblicato online sul Journal of Stroke & Cerebrovascular Diseases - relativo agli effetti antinfiammatori dei principali farmaci antipiastrinici impiegati nella prevenzione dell’ictus ischemic[...]

Sclerosi multipla, in Toscana prevalenza più alta delle cifre note basandosi su dati amministrativi

Attraverso un nuovo algoritmo appositamente sviluppato, basato su dati amministrativi e in grado di identificare con precisione i pazienti affetti da sclerosi multipla (SM), un gruppo di ricercatori italiani ha focalizzato la propria attenzione sulla[...]

Nella politerapia dell'epilessia perampanel agisce meglio come add-on a 1 solo farmaco che a 3

I pazienti che ricevono un minor numero di farmaci antiepilettici (AED) concomitanti all'avvio di un trattamento con perampanel, o quelli che ricevono un trattamento concomitante con AED non CYP3A4-induttori, mostrano una risposta migliore con peramp[...]

Con gabapentin ridotta distonia grave dell’infanzia e qualità di vita migliorata. Ricerca londinese

Secondo una ricerca britannica – pubblicata online sull’European Journal of Paediatric Neurology – il gabapentin può ridurre in modo significativo la gravità della distonia, migliorando lo svolgimento delle attività quotidiane e la qualità di vita (Q[...]

Giornata del Parkinson: la Sin punta alla diagnosi precoce e alla terapia personalizzata

Il 28 di novembre si celebra la Giornata della Malattia di Parkinson, patologia che colpisce più di 5 milioni di persone al mondo, di cui oltre 220.000 solo in Italia, e che si manifesta intorno ai 60 anni di età. La Società Italiana di Neurologia co[...]

Parkinson: la Gondola (stimolazione automatica meccanica periferica) efficace sui sintomi motori degli stadi avanzati. Studio italiano

L'impatto della malattia di Parkinson, patologia in crescita che interessa solo in Italia quasi 250mila pazienti, è gravato dall'evidenza che alcuni sintomi motori – soprattutto nelle fasi intermedia ed avanzata della malattia – non hanno adeguata ri[...]

Sclerosi multipla, rivolta USA: «Terapia ottimale scelta solo da clinici e pieno accesso ai farmaci»

Un nuovo Position Statement del Consortium of Multiple Sclerosis Centers (CMSC) statunitense conclude che dovrebbero essere i medici prescrittori i soli a decidere il miglior trattamento per ogni singolo paziente affetto da sclerosi multipla (SM).

Destrometorfano + chinidina per il controllo dell'agitazione nell'Alzheimer, fase II convincente

In uno studio clinico randomizzato preliminare di fase 2 della durata di 10 settimane condotto su pazienti con probabile malattia di Alzheimer (AD) – pubblicato su JAMA - la combinazione destrometorfano-chinidina ha dimostrato un'efficacia clinicame[...]

Estriolo add-on a glatiramer: meno recidive in donne con sclerosi multipla per studio di fase 2

Secondo i risultati di uno studio apparso online su Lancet Neurology, in donne affette da sclerosi multipla (SM) la somministrazione di estriolo per os in combinazione a quella di glatiramer acetato ha determinato una riduzione dei tassi di recidiva [...]

Dopo trombolisi per ictus outcome migliori nelle donne verso la mezza età e negli uomini over80

Gli uomini e le donne hanno differenti prognosi dopo il trattamento endovenoso con attivatore tissutale del plasminogeno (IV rtPA) per il trattamento dell’ictus ischemico acuto. Tale differenza dipende da vari fattori ma soprattutto dall’età: le donn[...]

Alteplase per ictus in soggetti scoagulati: più rischio di emorragie ma migliori outcome funzionali

Tra i pazienti colpiti da ictus ischemico acuto trattati con attivatore tissutale del plasminogeno (tPA o alteplase) per via endovenosa, quanti ricevono una terapia antiaggregante prima dell'ictus mostrano un rischio più elevato di emorragia intracra[...]

Natalizumab, monitorare forme neurotrope di JVC in cellule mononucleate del sangue periferico

Nei pazienti con sclerosi multipla (SM) in terapia con natalizumab, il riscontro della variante neurotropa nel sangue durante il trattamento potrebbe essere fondamentale nella prevenzione dello sviluppo di una severa leucoencefalopatia multifocale pr[...]

Sclerosi multipla e neuromielite ottica, risposte diverse a terapia pulsata con metilprednisolone

La terapia pulsata per via endovenosa con metilprednisolone (IVMP) è efficace nel trattamento della sclerosi multipla (SM) nel primo, secondo e terzo ciclo di somministrazione, e nella neuromielite ottica (NMO) al primo ciclo. Inoltre, l’IVMP è più e[...]

Crisi epilettiche parziali, lacosamide add-on a monoterapia efficace nella pratica “real world”

I risultati di uno studio uscito online su Epilepsia suggeriscono che l'uso di lacosamide, in aggiunta a un farmaco antiepilettico (AED) concomitante, è efficace nel migliorare il controllo delle crisi e risulta ben tollerata in pazienti con epilessi[...]

Anti-LINGO 1: efficaci sulla neurite ottica, speranza di protezione precoce dalla sclerosi multipla

L'anticorpo monoclonale sperimentale BIIB033 – diretto contro LINGO-1, una glicoproteina di membrana specifica del sistema nervoso centrale con attività di soppressione della differenziazione degli oligodendrociti e della mielinizzazione - sembra non[...]

Dal dimetilfumarato un freno alla sclerosi multipla anche riducendo i linfociti T di memoria

È riportata online sul Multiple Sclerosis Journal la scoperta di un nuovo tipo di meccanismo d'azione del dimetilfumarato (DMF), farmaco indicato nel trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante remittente.

Nonostante le linee guida trombolisi con alteplase effettuabile nei pazienti in terapia con NOAC

Con il crescente uso dei nuovi anticoagulanti orali (NOAC), la somministrazione endovenosa di attivatore tissutale del plasminogeno (IV-tPA) nei pazienti con ictus ischemico acuto (AIS) può essere un dilemma a causa del maggiore rischio di trasformaz[...]

Sclerosi multipla, alemtuzumab efficace a lungo termine su recidive con scarsi effetti collaterali

Apparso online sul Multiple Sclerosis Journal, uno studio di follow-up su un gruppo altamente selezionato di pazienti con sclerosi multipla (SM) con scarsi indicatori prognostici, trattati con alemtuzumab nella pratica clinica di routine, ha conferma[...]