Neurologia

VIDEO

Sindrome del tunnel carpale: di cosa si tratta e quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: il dolore ha due cause


Sindrome del tunnel carpale: quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: come si può curare?


Nuove possibilità di cura per la sindrome del tunnel carpale


Malattie rare: il progetto della Regione Abruzzo per l'amiloidosi da transtiretina


Amiloidosi da transtiretina: un nuovo percorso di cura nella Regione Abruzzo


Cannabis nel paziente con epilessia, cosa sappiamo e quando può essere usata


Epilessia e patente, cosa dice il decreto del 2010 e quali le criticità da affrontare


Congresso LICE, i temi caldi della 41esima edizione


Asse intestino-cervello, quali implicazioni nel paziente epilettico?


Adolescenza ed epilessia, quali i problemi e come affrontarli


Disturbi della sfera sessuale nelle persone con epilessia


Epilessia e patente, incongruenze nel modulo compilato dallo specialista


Classificazione forme epilettiche, quali i cambiamenti apportati lo scorso anno


Tumori cerebrali ed epilessia, cosa sappiamo? Indicazioni dal gruppo di studio LICE


Epilessia e patente, criticità della legge e richieste dei pazienti


Nasce LICE young, obiettivi e iniziative


Gomma cancella mostro, il progetto contro le paure dei bambini con epilessia


Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


ARTICOLI

Sclerosi multipla, rivolta USA: «Terapia ottimale scelta solo da clinici e pieno accesso ai farmaci»

Un nuovo Position Statement del Consortium of Multiple Sclerosis Centers (CMSC) statunitense conclude che dovrebbero essere i medici prescrittori i soli a decidere il miglior trattamento per ogni singolo paziente affetto da sclerosi multipla (SM).

Destrometorfano + chinidina per il controllo dell'agitazione nell'Alzheimer, fase II convincente

In uno studio clinico randomizzato preliminare di fase 2 della durata di 10 settimane condotto su pazienti con probabile malattia di Alzheimer (AD) – pubblicato su JAMA - la combinazione destrometorfano-chinidina ha dimostrato un'efficacia clinicame[...]

Estriolo add-on a glatiramer: meno recidive in donne con sclerosi multipla per studio di fase 2

Secondo i risultati di uno studio apparso online su Lancet Neurology, in donne affette da sclerosi multipla (SM) la somministrazione di estriolo per os in combinazione a quella di glatiramer acetato ha determinato una riduzione dei tassi di recidiva [...]

Dopo trombolisi per ictus outcome migliori nelle donne verso la mezza età e negli uomini over80

Gli uomini e le donne hanno differenti prognosi dopo il trattamento endovenoso con attivatore tissutale del plasminogeno (IV rtPA) per il trattamento dell’ictus ischemico acuto. Tale differenza dipende da vari fattori ma soprattutto dall’età: le donn[...]

Alteplase per ictus in soggetti scoagulati: più rischio di emorragie ma migliori outcome funzionali

Tra i pazienti colpiti da ictus ischemico acuto trattati con attivatore tissutale del plasminogeno (tPA o alteplase) per via endovenosa, quanti ricevono una terapia antiaggregante prima dell'ictus mostrano un rischio più elevato di emorragia intracra[...]

Natalizumab, monitorare forme neurotrope di JVC in cellule mononucleate del sangue periferico

Nei pazienti con sclerosi multipla (SM) in terapia con natalizumab, il riscontro della variante neurotropa nel sangue durante il trattamento potrebbe essere fondamentale nella prevenzione dello sviluppo di una severa leucoencefalopatia multifocale pr[...]

Sclerosi multipla e neuromielite ottica, risposte diverse a terapia pulsata con metilprednisolone

La terapia pulsata per via endovenosa con metilprednisolone (IVMP) è efficace nel trattamento della sclerosi multipla (SM) nel primo, secondo e terzo ciclo di somministrazione, e nella neuromielite ottica (NMO) al primo ciclo. Inoltre, l’IVMP è più e[...]

Crisi epilettiche parziali, lacosamide add-on a monoterapia efficace nella pratica “real world”

I risultati di uno studio uscito online su Epilepsia suggeriscono che l'uso di lacosamide, in aggiunta a un farmaco antiepilettico (AED) concomitante, è efficace nel migliorare il controllo delle crisi e risulta ben tollerata in pazienti con epilessi[...]

Anti-LINGO 1: efficaci sulla neurite ottica, speranza di protezione precoce dalla sclerosi multipla

L'anticorpo monoclonale sperimentale BIIB033 – diretto contro LINGO-1, una glicoproteina di membrana specifica del sistema nervoso centrale con attività di soppressione della differenziazione degli oligodendrociti e della mielinizzazione - sembra non[...]

Dal dimetilfumarato un freno alla sclerosi multipla anche riducendo i linfociti T di memoria

È riportata online sul Multiple Sclerosis Journal la scoperta di un nuovo tipo di meccanismo d'azione del dimetilfumarato (DMF), farmaco indicato nel trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante remittente.

Nonostante le linee guida trombolisi con alteplase effettuabile nei pazienti in terapia con NOAC

Con il crescente uso dei nuovi anticoagulanti orali (NOAC), la somministrazione endovenosa di attivatore tissutale del plasminogeno (IV-tPA) nei pazienti con ictus ischemico acuto (AIS) può essere un dilemma a causa del maggiore rischio di trasformaz[...]

Sclerosi multipla, alemtuzumab efficace a lungo termine su recidive con scarsi effetti collaterali

Apparso online sul Multiple Sclerosis Journal, uno studio di follow-up su un gruppo altamente selezionato di pazienti con sclerosi multipla (SM) con scarsi indicatori prognostici, trattati con alemtuzumab nella pratica clinica di routine, ha conferma[...]

Malattia di De Vivo, con trieptanoina drammatica riduzione dei disturbi motori parossistici

In pazienti con sindrome da deficit di trasportatore di glucosio di tipo 1 (GLUT1) – o malattia di De Vivo - intolleranti alla dieta chetogenica, il trattamento con trieptanoina ha determinato un miglioramento clinico del 90% delle manifestazioni par[...]

Discinesie tardive, farmaco di Teva riceve lo status Fda di terapia fortemente innovativa

Importante riconoscimento al farmaco sperimentale di Teva noto per ora con la sigla SD-809 e studiato per i disturbi ipercinetici del movimento, una condizione patologica che negli Stati Uniti colpisce circa 500mila persone. L'Fda ha concesso a ques[...]

Natalizumab nella sclerosi multipla, algoritmo di gestione in sicurezza da un consensus paper

È stato messo a punto un consensus paper – pubblicato online sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry -per la stratificazione e il monitoraggio del rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva (PML) associata a trattamento con nat[...]

Metanalisi da Oxford, nell'ictus trombectomia endovascolare superiore a trombolisi endovenosa

Da una revisione sistematica con metanalisi, i cui risultati sono stati pubblicati online sull'International Journal of Stroke, emerge una chiara evidenza che, nel trattamento dell'ictus ischemico acuto, si ottiene un miglioramento in termini di indi[...]

Interazioni tra farmaci da conoscere per evitarle nel paziente con malattia di Alzheimer: review italiana

La malattia di Alzheimer (AD) colpisce tipicamente pazienti in età avanzata, spesso affetti da comorbilità, e l'uso concomitante di più farmaci – oltre a quelli specifici per la patologia neurologica - è frequente. Una revisione italiana affronta il [...]

Anche sopra gli 80 anni la trombolisi per via endovenosa per ictus ischemico acuto è sicura ed efficace

La trombolisi per via endovenosa (IVT) per il trattamento dell'ictus ischemico acuto è efficace anche per i pazienti compresi in una fascia di età compresa tra 80 e 89 anni. Lo dimostrano i dati del registro dell'ictus del Baden-Württemberg, testimon[...]

Associazione tra demenza e fibrillazione atriale anche senza ictus. Nuovo ruolo per gli anticoagulanti

Secondo uno studio apparso online su JAMA Neurology, la fibrillazione atriale (AF) è associata a un aumentato rischio di demenza, indipendentemente dallo sviluppo clinico di un ictus.

Crisi parziali refrattarie, nuovi dettagli su efficacia di brivaracetam add-on tollerato anche a dosi elevate

È stato pubblicato online su Epilepsia l’ultimo studio di fase III con brivaracetam (BRV) – parte integrante del file registrativo in fase di presentazione all’Fda e all’Ema - che dimostra come il trattamento aggiuntivo con BRV alla dose di 100 o 200[...]