Neurologia

VIDEO

Alzheimer: arriva la chat bot, un assistente virtuale per aiutare i malati in fase iniziale


Sindrome del tunnel carpale: di cosa si tratta e quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: il dolore ha due cause


Malattie rare: il progetto della Regione Abruzzo per l'amiloidosi da transtiretina


Amiloidosi da transtiretina: un nuovo percorso di cura nella Regione Abruzzo


Cannabis nel paziente con epilessia, cosa sappiamo e quando può essere usata


Epilessia e patente, cosa dice il decreto del 2010 e quali le criticità da affrontare


Congresso LICE, i temi caldi della 41esima edizione


Asse intestino-cervello, quali implicazioni nel paziente epilettico?


Adolescenza ed epilessia, quali i problemi e come affrontarli


Disturbi della sfera sessuale nelle persone con epilessia


Epilessia e patente, incongruenze nel modulo compilato dallo specialista


Classificazione forme epilettiche, quali i cambiamenti apportati lo scorso anno


Tumori cerebrali ed epilessia, cosa sappiamo? Indicazioni dal gruppo di studio LICE


Epilessia e patente, criticità della legge e richieste dei pazienti


Nasce LICE young, obiettivi e iniziative


Gomma cancella mostro, il progetto contro le paure dei bambini con epilessia


Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


Parkinson Alliance for Better Life Solutions, alleanza multidisciplinare per i malati di Parkinson


Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


ARTICOLI

Trial ORATORIO: con ocrelizumab per la 1a volta risultati positivi nella SM primariamente progressiva

Dopo l'annuncio di ieri pomeriggio al meeting ECTRIMS (European Committee for the Treatment and Study of Multiple Sclerosis) dei notevoli risultati ottenuti con ocrelizumab negli studi cardine di fase II denominati OPERA I e OPERA II condotti in pazi[...]

AISM “notizie incoraggianti per ocrelizumab nelle forme progressive di SM. Servono però conferme nel tempo”

«Quella che arriva da ECTRIMS è una notizia incoraggiante, perché apre una nuova prospettiva di trattamento anche per le persone con SM progressiva. Ogni passo avanti nella ricerca, in particolare quella che sperimenta l'utilizzo di nuovi farmaci anc[...]

SM, ocrelizumab: risultati positivi sia nelle forme recidivanti sia nelle forme primariamente progressive

Era senza dubbio la novità più attesa dell'intero ECTRIMS (European Committee on Treatment and Reasearch in Multiple Sclerosis) in corso a Barcellona. Proprio oggi sono stati annunciati i positivi risultati ottenuti da ocrelizumab in 3 studi pivotali[...]

Sclerosi multipla, effetto del trattamento con alemtuzumab mantenuto a cinque anni

Nuovi dati positivi emergono dallo studio di estensione a cinque anni che ha valutato alemtuzumab in pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante remittente (SMRR) sono stati presentati oggi al 31° Congresso ECTRIMS, (European Committee for Tre[...]

Sclerosi multipla, nel 2020 la spesa mondale per i farmaci salirà a $20 mld

Il valore complessivo del mercato delle terapie anti sclerosi multipla salirà lentamente da $17,2 mld nel 2014 a circa $ 20 miliardi entro il 2024, a un tasso di crescita annuo composto (CAGR) dell'1,5%, secondo la ricerca della società di consulenza[...]

Sclerosi multipla, daclizumab meglio di interferone Beta-1a, dati sul NEJM

In occasione del congresso dell'ECTRIMS in corso a Barcellona, sul NEJM sono stati pubblicati i dati completi dello studio DECIDE e al congresso europeo sono stati presentate nuove analisi post hoc del trial. Il farmaco è sviluppato congiuntamente da[...]

Epilessia, conferme in fase III per lacosamide in monoterapia

La belga UCB ha annunciato oggi i risultati positivi di uno studio di non inferiorità di fase 3 disegnato per confrontare l'efficacia e la sicurezza di lacosamide verso la carbamazepina-CR (compresse a rilascio controllato) come monoterapia nei pazie[...]

Sclerosi multipla, teriflunomide determina un rallentamento dell'atrofia cerebrale

Nuovi dati rilevati attraverso la risonanza magnetica per immagini (RMN) emersi dallo studio di fase III TEMSO (TEriflunomide Multiple Sclerosis Oral) mostrano come teriflunomide, rispetto a placebo, abbia rallentato significativamente per oltre due [...]

Vaccinazioni, nessun rischio per chi soffre di epilessia

In seguito al nuovo allarme lanciato dal Ministero della Salute sul preoccupante calo delle vaccinazioni in Italia, la Lega italiana contro l'epilessia (LICE) sottolinea che non esistono controindicazioni alle vaccinazioni e, anzi, è raccomandabile v[...]

Non solo SLA: riluzolo candidato a curare le atassie cerebellari ereditarie. Trial italiano sostenuto da AIFA

I risultati di una ricerca italiana - sostenuta dall'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e pubblicata su Lancet Neurology - avvalorano l'idea che riluzolo (farmaco attualmente indicato per il trattamento della sclerosi laterale amiotrofica [SLA]) pos[...]

Sclerosi multipla: pubblicato il più grande studio di genetica finora condotto in Italia

E' frutto della collaborazione di 30 centri, ha analizzato il profilo genetico di circa 9.500 persone, confrontando la popolazione continentale e sarda. Co-finanziato da AISM e la sua fondazione, è stato pubblicato su Multiple Sclerosis Journal.

Per la prima volta in Italia un'alleanza per la ricerca sulle malattie neuromuscolari

Fondazione Telethon, Associazione Italiana di Miologia (AIM) e Associazione Italiana per lo studio del Sistema Nervoso Periferico (ASNP) hanno stretto un accordo dando vita a un nuovo gruppo denominato “Alleanza Neuromuscolare” con l'obiettivo di pro[...]

Evoluzione di una tossina botulinica: risultati promettenti nell'emiparesi con spasticità degli arti superiori

Nei pazienti paretici con spasticità di un arto superiore l'iniezione di abobotulinumtoxinA alle dosi di 500 o 1.000 U nei muscoli dell'estremità interessata determina una riduzione del tono e un beneficio clinico dell'emiparesi. Lo dimostrano i risu[...]

SM, bassi livelli di 25-idrossivitamina D, ma non della frazione biodisponibile, sono un fattore di rischio

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM), livelli ridotti di 25-idrossivitamina D3 [25(OH)D3] presenti già nelle fasi precoci di malattia e nei soggetti fortemente compromessi indica che i bassi livelli della vitamina costituiscono più un fatto[...]

NOAC, nei pazienti asiatici (sensibili ai VKA) sono altrettanto efficaci e sicuri, se non addirittura migliori

Nei pazienti con fibrillazione atriale (AF) non valvolare (NVAF), l’impiego a dose standard dei nuovi anticoagulanti orali (NOAC) per la prevenzione dell’ictus ischemico risulta più efficace e più sicuro nelle popolazioni asiatiche rispetto a quelle [...]

Dal Giappone conferme positive di sicurezza per desmoteplase nella trombolisi tardiva post-ictale

Secondo uno studio svolto in Giappone e pubblicato su Stroke, la somministrazione di desmoteplase in pazienti con ictus ischemico acuto da 3 a 9 ore dopo l'insorgenza dei sintomi ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole ed è risultato ben tolle[...]

SLA, delude la terapia con l'anticorpo sperimentale ozanezumab

Nonostante gli sforzi della ricerca mondiale, purtroppo non si vede ancora la luce nella cura della SLA. Al meeting annuale della American Neurological Association sono appena stati presentati i risultati negativi di uno studio di Fase II che ha val[...]

Sclerosi multipla, ocrelizumab efficace nella forma primariamente progressiva

Oggi Roche ha annunciato i risultati positivi da uno studio pivotal di fase III che ha valutato il farmaco sperimentale ocrelizumab in persone con sclerosi multipla primaria progressiva (SMPP). Lo studio (chiamato ORATORIO) ha raggiunto il suo endpoi[...]

SM, confermata ridotta funzione ventricolare sinistra ma senza conseguenze. Cautela negli scompensati

Uno studio italiano pubblicato online sul Multiple Sclerosis Journal conferma che nei pazienti con sclerosi multipla (SM) il trattamento con fingolimod riduce significativamente la funzione sistolica ventricolare sinistra (LV). Questo effetto, viene [...]

SM, contraccettivi orali ad alto dosaggio di estrogeni aumentano l’effetto antinfiammatorio dell’IFN-beta

Uno studio italiano – pubblicato su Neurology: Neuroimmunology & Neuroinflammation - fornisce la prova di classe II che nelle donne con sclerosi multipla recidivante remittente (RRSM9, l’interferone beta (IFN-beta) associato a etinilestradiolo e deso[...]