Neurologia

VIDEO

Sindrome del tunnel carpale: di cosa si tratta e quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: il dolore ha due cause


Malattie rare: il progetto della Regione Abruzzo per l'amiloidosi da transtiretina


Amiloidosi da transtiretina: un nuovo percorso di cura nella Regione Abruzzo


Cannabis nel paziente con epilessia, cosa sappiamo e quando può essere usata


Epilessia e patente, cosa dice il decreto del 2010 e quali le criticità da affrontare


Congresso LICE, i temi caldi della 41esima edizione


Asse intestino-cervello, quali implicazioni nel paziente epilettico?


Adolescenza ed epilessia, quali i problemi e come affrontarli


Disturbi della sfera sessuale nelle persone con epilessia


Epilessia e patente, incongruenze nel modulo compilato dallo specialista


Classificazione forme epilettiche, quali i cambiamenti apportati lo scorso anno


Tumori cerebrali ed epilessia, cosa sappiamo? Indicazioni dal gruppo di studio LICE


Epilessia e patente, criticità della legge e richieste dei pazienti


Nasce LICE young, obiettivi e iniziative


Gomma cancella mostro, il progetto contro le paure dei bambini con epilessia


Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


Parkinson Alliance for Better Life Solutions, alleanza multidisciplinare per i malati di Parkinson


Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


Sclerosi multipla, a Verona nuovo test identifica molecole "maligne" per cure più mirate


ARTICOLI

Sclerosi multipla, ocrelizumab centra gli end point in fase III

Roche oggi ha annunciato i risultati positivi di due studi pivotal nei quali il medicinale sperimentale ocrelizumab è stato valutato rispetto a interferone beta-1a in persone con sclerosi multipla recidivante, la forma più comune della malattia. Nei [...]

Sindrome MELAS, un case report rivela l'efficacia terapeutica della L-arginina ad alte dosi

In pazienti affetti da sindrome MELAS, la L-arginina ad alte dosi sembra essere in grado di invertire i deficit neurologici e le lesioni neuroradiologiche in modo rapido e consistente. Lo segnala un case-report pubblicato online su Neurology.

SM, daclizumab superiore a IFN-beta-1a anche nei pazienti con elevata attività di malattia

Il farmaco daclizumab high yield process (DAC HYP) in monosomministrazione mensile sottocutanea si è dimostrato superiore all'iniezione somministrata una volta alla settimana di interferone-beta-1a (IFN-beta-1a), con un profilo di sicurezza simile, i[...]

Epilessia: ogni anni in Italia si operano solo 200 epilettici

I malati di epilessia hanno difficoltà familiari, scolastiche, sociali, affettive e lavorative ma spesso, dopo l'intervento chirurgico, possono tornare a vivere una vita normale. Purtroppo, a fronte di risultati molto buoni, la chirurgia dell'epiless[...]

Epilessia, dal congresso europeo nuove conferme per eslicarbazepina

La somministrazione monogiornaliera di eslicarbazepina acetato, in aggiunta alla monoterapia antiepilettica negli adulti, ha dimostrato essere ben tollerata e con tassi di ritenzione significativi (tasso di pazienti che non abbandonano la terapia) e [...]

Epilessia, perampanel migliora controllo crisi nell'epilessia generalizzata idiopatica

Nuovi dati su perampanel in somministrazione monogiornaliera sono stati presentati a Berlino in occasione del primo congresso della European Academy of Neurology (EAN). Un'analisi per sottogruppi ha valutato gli effetti della somministrazione aggiunt[...]

“1 hour more” un libro sulla qualità di vita dei pazienti con Parkinson

Cosa faresti se avessi 1 ora di tempo in più al giorno? Con questa semplice domanda si esprime il vero valore del tempo per i malati di Parkinson. “1 Hour More” è un progetto nato con lo scopo di aumentare la consapevolezza sulla Malattia di Parkinso[...]

Sclerosi tuberosa complessa ed epilessia, ancora molte recidive. In studio gli inibitori di mTOR

Dai dati di uno studio pubblicato online su Epilepsia emerge che, nonostante il 77% dei bambini affetti da epilessia dovuta a sclerosi tuberosa complessa (TSC) - in cura in un ospedale olandese in un periodo di oltre 20 anni - avesse raggiunto la rem[...]

Neuroborrelliosi acuta di Lyme, review sistematica sottolinea l’urgenza di più impegno in ricerca

Pubblicata online sull’European Journal of Neurology, una revisione sistematica dei dati disponibili sul trattamento farmacologico della neuroborrelliosi acuta di Lyme, condotta come base per raccomandazioni cliniche evidence-based, è giunta alla con[...]

Depressione nel Parkinson. SSRI e interventi comportamentali approcci migliori per review USA

Gli studi relativi ai diversi trattamenti della depressione nei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD) hanno risultati divergenti e impediscono di rilasciare raccomandazioni terapeutiche precise.

Fampridina-SR nella SM, effetti positivi su vari parametri del cammino, fatigue e qualità di vita

Sono molteplici i sintomi indotti dalla sclerosi multipla (SM), oltre alla riduzione della velocità del cammino, che possono essere migliorati attraverso il trattamento con fampridina a lento rilascio (fampridina-SR). Lo dimostra uno studio francese [...]

Da un anticorpo diretto al GM-CSF speranze per un approccio terapeutico innovativo della SM

È stato condotto uno studio multicentrico internazionale di fase 1b – i cui risultati sono stati pubblicati online su Neurology: Neuroimmunology and Neuroinflammation - per determinare la sicurezza, la farmacocinetica (PK) e l'immunogenicità dell’ant[...]

Nella pratica clinica quotidiana conferme per levetiracetam ev, candidato nello stato epilettico

In un ampio studio osservazionale multicentrico tedesco basato sulla pratica quotidiana - di prossima pubblicazione su Seizure - l'utilizzo di levetiracetam per via endovenosa (LEV-iv) ha dimostrato risposta e tollerabilità notevolmente positive in p[...]

Vasto studio caso-controllo: l’uso di statine non aumenta il rischio di emorragia intracranica

In uno studio caso-controllo svedese pubblicato online sull’International Journal of Stroke, la terapia con statine è risultata associata a un ridotto rischio di emorragia intracerebrale (ICH) incidente. Secondo gli autori sono però necessari ulterio[...]

NMOSD, outcome a confronto con azatioprina, MMF o rituximab come terapia iniziale

Pubblicata online sul Multiple Sclerosis Journal, una ricerca coreana condotta su pazienti con disturbo dello spettro della neuromielite ottica (NMOSD) dimostra che le riduzioni del rischio di ricaduta e recidiva grave è differente tra i pazienti che[...]

Il futuro della neurologia italiana protagonista della 4° giornata dello specializzando in neurologia

“Vogliamo coniugare la ricerca clinica di base con la moderna medicina translazionale: questo nuovo approccio è in grado di trasferire in modo rapido nuove conoscenze della scienza di base a quella biomedica in modo da generare applicazioni diagnosti[...]

Epilessia, una smentita da Taiwan: l’impiego di topiramato non risulta aumentare il rischio di urolitiasi

Il topiramato, farmaco antiepilettico (AED), può non aumentare il rischio di calcolosi urinaria. In particolare la durata e la dose totale del farmaco non risultano associati al rischio di urolitiasi. È quanto ha assodato un gruppo di studiosi di Tai[...]

“Coiling” per aneurisma non rotto con HTPR: tromboembolie ridotte da mix antiaggregante modificato

Una preparazione antiaggregante modificata per i pazienti con iperreattività piastrinica in corso di trattamento (HTPR), rispetto alla preparazione antipiastrinica standard, riduce il tasso di eventi tromboembolici nel trattamento endovascolare trami[...]

Promettenti successi nello stato epilettico refrattario con clobazam per os add-on

Secondo i risultati di un articolo “epub ahead of print” su Epilepsia, clobazam per os risulta ben tollerato ed efficace nel trattamento dello stato epilettico refrattario (RSE). Nonostante sia disponibile solo in formulazione orale, le sue proprietà[...]

SM, fingolimod andrebbe iniziato dopo 8-12 settimane dal termine di natalizumab

Uno studio pubblicato online su Neurology dimostra che, nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente (RRSM) che effettuano uno “switch” da natalizumab a fingolimod, periodi più brevi di washout (WO) di natalizumab sono associati a[...]