Neurologia

VIDEO

Come si gestisce l’amiloidosi in Sicilia? Un rapporto documenta i progressi clinici e organizzativi


3 cose da sapere sulla malattia di Parkinson


Ci sono delle differenze uomo-donna anche nelle malattie neurologiche?


Sclerosi multipla, azione selettiva dell'anticorpo monoclonale ocrelizumab


Atrofia muscolare spinale, novità sul trattamento


Malattie neurologiche, importanza del digital per medico e paziente


Sclerosi multipla, cosa chiedono i pazienti per una migliore qualità di vita?


Diagnosi di malattia di Alzheimer, come comunicarla a pazienti e familiari?


Alzheimer, cosa abbiamo imparato dai recenti fallimenti della ricerca?


Neuromielite ottica, cos'è e come si differenzia dalla sclerosi multipla


Sclerosi multipla, ok all'uso dell'interferone beta 1a sottocute in gravidanza e allattamento


Le novità della 50esimo edizione del congresso dei neurologi italiani


Neuromielite ottica, novità dalla ricerca


Neuromielite ottica, chi è e come agisce satralizumab


Sinucleina, ruolo diagnostico nella malattia di Parkinson


Invecchiamento cerebrale fisiologico e declino cognitivo, come si differenziano?


Neuromielite ottica, ruolo centrale dell'interleuchina 6


Disordini del ritmo circadiano, quale impatto a livello neurologico?


Le cose da sapere sull’emicrania


Cosa sono e come agiscono i nuovi farmaci anti emicrania, gli anti CGRP


Conosciamo da vicino il fremanezumab, un nuovo farmaco antiemicrania


Conosciamo la depressione maggiore: cos'è, come si presenta, cause e conseguenze


ARTICOLI

Parkinson di recente insorgenza, statine sottoutilizzate nei pazienti con alto rischio vascolare

Le statine sono sottoutilizzate nei pazienti con malattia di Parkinson (PD) di recente insorgenza rispetto a quelli con malattia cardiovascolare (CVD) evidente e ciò rappresenta un'opportunità perduta di un trattamento preventivo. È la conclusione di[...]

Alzheimer, farmaco sperimentale di MSD riduce la placca amiloide in trial di Fase I

Merck & Co. (in Italia MSD) ha reso noto che i dati di studio di Fase I condotto con la terapia sperimentale verubecestat, precedentemente nota come MK-8931, sono stati pubblicati sulla rivista Science Translational Medicine. I risultati dimostrano c[...]

Epilessia, solo un bambino su tre risponde bene alle cure

Discriminati e con pochi amici, perché ancora oggi il pregiudizio nei confronti dell'epilessia è grande. I bambini e gli adolescenti italiani che devono affrontare il cosiddetto ‘piccolo e grande male' sopportano molte difficoltà a partire dalla tera[...]

Pazienti colpiti da ictus, nasce la Carta dei diritti per una cura migliore

L'ictus è una delle principali cause di mortalità e una delle principali cause di disabilità. Oltre 17 milioni di persone nel mondo sono colpiti da ictus ogni anno (200mila in Italia) e sei milioni sono le vite perse per questa patologia. Ogni due se[...]

Malattie neurologiche, la condizione più diffusa nel mondo occidentale

In Italia sono oltre 1.000.000 le persone affette da demenza, di cui 600.000 quelle colpite da Alzheimer, mentre circa 930.000 sono i pazienti con conseguenze invalidanti dell'Ictus, patologia che ogni anno fa registrare 120.000 nuovi casi. A Venezia[...]

Glatiramer acetato, farmaco di uso consolidato ma sul quale la ricerca clinica non si ferma mai

Al di là delle nuove terapie che si stanno sperimentando per contrastare la sclerosi multipla (SM), un farmaco di uso consolidato come glatiramer acetato (GA) rimane tuttora valido e attuale.

A Venezia il 47° congresso nazionale della Società Italiana di Neurologia

Fino al 25 ottobre il capoluogo veneto sarà animato da oltre 2.000 specialisti chiamati da tutta Italia per fare il punto sulle più recenti innovazioni in campo diagnostico e terapeutico nel trattamento delle principali malattie neurologiche - dalla [...]

Natalizumab per SM, neurofilamenti e proteine tau nel liquor possibili marcatori di risposta

I risultati di uno studio svedese, pubblicato online sull'European Journal of Neurology, suggeriscono che i livelli liquorali (CSF) di proteine neurofilamentose (NFL) e di proteine tau sono correlati con lo sviluppo di atrofia cerebrale e possono ess[...]

Parkinson, discinesia indotta da L-dopa ridotta da amantadina once-daily a lento rilascio

Nel trial di fase 3 EASE LID – i cui risultati sono stati esposti al 4th World Parkinson Congress a Portland (Oregon, USA) - una formulazione sperimentale di amantadina cloridrato a rilascio prolungato (ER) ha portato a una riduzione statisticamente [...]

Distrofia muscolare di Duchenne, in sviluppo in Italia givinostat, efficace su lesioni istologiche

Uno studio italiano – pubblicato su Neuromuscolar Disorders – ha dimostrato che il trattamento con givinostat per più di un anno ha contrastato in modo significativo la progressione della malattia istologica in ragazzi deambulanti affetti da distrofi[...]

Tossina botulinica A per distonia cervicale: vantaggiosa una nuova formulazione “ready-to-use”

Nel trattamento della distonia cervicale, tutti prodotti approvati a base di tossina botulinica A (BoNT-A) sono preparazioni secche richiedono di essere ricostituiti immediatamente prima dell'iniezione, ma uno studio internazionale pubblicato online [...]

Rituximab nella neuromielite ottica, meta-analisi conferma la riduzione di recidive e disabilità

Una revisione sistematica e una meta-analisi condotta da studiosi italiani – i cui risultati sono stati pubblicati online su JAMA Neurology - forniscono la prova che la terapia con rituximab riduce la frequenza delle recidive dei disturbi dello spett[...]

Nuovi antiepilettici add-on per epilessia focale, parità di efficacia in base a confronti indiretti

Secondo uno studio italiano pubblicato online su Seizure, attraverso confronti indiretti non si dimostra una significativa differenza di efficacia come trattamenti aggiuntivi nell'epilessia focale tra brivaracetam (BRV), eslicarbazepina acetato (ESL)[...]

Epilessia: al Mario Negri individuato marcatore utile a sviluppare terapie

Ricercatori dell’IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’, grazie all’analisi matematica nota come “Analisi Quantitativa delle Ricorrenze” e all’utilizzo di potenti strutture di calcolo informatico note come Grid Computing, hanno iden[...]

Nelle donne con SM in perimenopausa l’uso dell’ormonoterapia può migliorare la qualità di vita

In uno studio osservazionale pubblicato online su Neurology, l'impiego dell’ormonoterapia (HT) sistemica è risultato associato a una migliore qualità di vita (QoL) fisica in donne in post-menopausa affette da sclerosi multipla (SM). Sono però necessa[...]

La Stimolazione Magnetica Transcranica Ripetitiva efficace nelle forme di depressione farmaco-resistenti

La depressione è una patologia comune con una prevalenza annua tra il 5% e il 15% della popolazione e che può invalidare fortemente la vita di coloro che ne sono colpiti: tristezza, perdita dell’autostima, perdita di interessi, stanchezza ingiustific[...]

Proteina neuronale possibile biomarcatore di sclerosi multipla

Uno studio presentato al Congresso dell’European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS) 2016 ha sottolineato la presenza di valori elevati di particolari proteine neuronali nel sangue dei pazienti con sclerosi multipla r[...]

Deficit di vitamina D e fumo possono aumentare la disabilità nella sindrome clinicamente isolata

Il deficit di vitamina D e lo status di fumatore possono aumentare l'accumulo di disabilità nei pazienti con la sindrome clinicamente isolata, secondo quanto emerso da uno studio condotto dai ricercatori del Centre d'Esclerosi Múltiple de Catalunya ([...]

SM progressiva, promettente la biotina ad alte dosi. Il target non è il sistema immunitario

La biotina ad alte dosi (MD1003) ottiene una regressione sostenuta della disabilità correlata alla sclerosi multipla (SM) in un sottogruppo di pazienti con SM progressiva, oltre a essere ben tollerata. Sono i promettenti dati dello studio francese “M[...]

Sclerosi multipla, l’efficacia del trapianto di staminali si mantiene fino a 5 anni

Il trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche, un trattamento sperimentato da più di 20 anni nei pazienti con sclerosi multipla severa o refrattaria ai trattamenti, potrebbe avere un successo a lungo termine nella terapia di questi indivi[...]