Neurologia

VIDEO

Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


Parkinson Alliance for Better Life Solutions, alleanza multidisciplinare per i malati di Parkinson


Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


Sclerosi multipla, a Verona nuovo test identifica molecole "maligne" per cure più mirate


Sclerosi multipla: dalla diagnosi alla personalizzazione della terapia


A fianco del coraggio, premio letterario per uomini che sostengono donne con sclerosi multipla


Sclerosi multipla: nuova possibilità di cura con cladribina, farmaco per la terapia di induzione


Fatica cronica in corso di sclerosi multipla: nuove possibilità di cura con acido alfa lipoico


In arrivo una nuova classe di farmaci contro l'emicrania cronica


Malattie neurologiche rare: finalmente ci sono delle risposte


Società Italiana di Neurologia: un bilancio di due anni di presidenza


La cura dell'ictus in Italia: attività dell'Osservatorio Ictus


Società italiana di Neurologia: uno sguardo al futuro


Sclerosi multipla: attività infermieristiche per la gestione del daclizumab


Malattia di Parkinson: nuove possibilità di cura con opicapone


Atrofia muscolare spinale: caratteristiche cliniche, diagnosi, novità terapeutiche


Atrofia muscolare spinale: meccanismo d'azione, efficacia e sicurezza di nusinersen


Sclerosi multipla: due approcci terapeutici a confronto: terapia scalare e terapia di induzione


Sclerosi multipla, come agisce la cladribina e quando potrebbe servire?


Il paziente deve essere al centro della cura della sclerosi multipla


ARTICOLI

SLA: apparente stop a progressione dei sintomi nei casi con maggiore flogosi sistemica basale

Se confermato, l'arresto della progressione dei sintomi della sclerosi laterale amiotrofica (SLA) mediante trattamento con NP001 (un nuovo immunoregolatore dei monociti/macrofagi infiammatori), osservato in un sottogruppo di pazienti con marcata neur[...]

Malattia di Parkinson, rasagilina non mostra di avere effetti su sintomi depressivi e cognizione

Nei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD) con sintomi depressivi moderati il trattamento con rasagilina non ha avuto effetti significativi rispetto al placebo sui sintomi depressivi o sulla cognizione. Anche se limitate dalla mancanza di cor[...]

Il tetraidrocannabinolo (4,5 mg per os) non migliora i sintomi neuropsichiatrici della demenza

La somministrazione di tetraidrocannabinolo (THC) per via orale alla dose di 4,5 mg al giorno non ha mostrato alcun beneficio nel trattamento dei sintomi neuropsichiatrici (NPS) correlati alla demenza, ma è risultato ben tollerato, aggiungendo così c[...]

Pioglitazone a lungo termine nel diabete non insulino-dipendente: rischio di AD ridotto del 47%

Il trattamento con pioglitazone è associato a un ridotto rischio di demenza nei pazienti con diabete mellito inizialmente non insulino-dipendente (NIDDM). Studi clinici prospettici sono necessari per valutare un possibile effetto neuroprotettivo del [...]

Al via settimana nazionale della sclerosi multipla, ogni 4 ore una nuova diagnosi

Abbattere tutti quegli ostacoli che permettono alle persone con sclerosi multipla (SM) di vivere una vita piena. E' sulla loro storia, i loro diritti e i loro bisogni che quest'anno si accendono i riflettori della Settimana Nazionale della sclerosi [...]

Scoperto al San Raffaele nuovo gene implicato nella risposta al trattamento della sclerosi multipla

Uno studio dei ricercatori dell'IRCCS Ospedale San Raffaele, una delle 18 strutture di eccellenza del Gruppo Ospedaliero San Donato, in collaborazione con il Brigham and Women's Hospital di Boston, ha individuato una particolare variante genetica ass[...]

Emorragia intracerebrale acuta, positiva combinazione di sostituti dei fattori della coagulazione

La combinazione di plasma fresco congelato (FFP) e concentrato di complesso protrombinico (PCC) potrebbe essere associata a una letalità inferiore nelle strategie di inversione per antagonisti della vitamina K nell’emorragia intracerebrale acuta (VKA[...]

Malattia di Alzheimer, primi approcci di trattamento con etanercept per via sottocutanea

La somministrazione sottocutanea di etanercept (al dosaggio di 50 mg/settimana) è risultata ben tollerata in un piccolo gruppo di pazienti affetti da malattia di Alzheimer (AD).

Epilessia focale pediatrica, levetiracetam e carbamazepina in monoterapia sicuri ed efficaci

Sia levetiracetam (LVT) che carbamazepina (CBZ) sono ugualmente sicuri ed efficaci come monoterapia in bambini affetti da epilessia focale. In particolare, nessuno dei due farmaci influenza in modo negativo la funzione neuropsicologica dei pazienti. [...]

Ictus ischemico, l’aggiunta di ciclosporina alla trombolisi non riduce la dimensione dell’infarto

Nei pazienti colpiti da ictus ischemico acuto, la somministrazione endovenosa di ciclosporina in combinazione con trombolisi non si dimostra generalmente efficace nel ridurre l'estensione di un infarto cerebrale. Tuttavia, una riduzione della dimensi[...]

Sclerosi multipla, alemtuzumab mantiene l'efficacia a 4 anni

I pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente trattati con alemtuzumab hanno mostrato miglioramenti sostenuti nel tempo e una riduzione del tasso di ricadute della malattia in uno studio di estensione in cui i partecipanti sono stati seguit[...]

Trombolisi tardiva post-ictale: desmoteplase sicuro, outcome funzionali migliorati in sottogruppi

Quando somministrato a pazienti che avevano avuto un ictus ischemico in presenza di stenosi o occlusioni di arterie cerebrali maggiori oltre 3 ore dall'insorgenza dei sintomi, desmoteplase non ha causato problemi di sicurezza ma non ha migliorato l’o[...]

Ictus ischemico, terapia trombolitica: ogni 15’ di ritardo riducono l’outcome favorevole del 10%

Un tempo più lungo alla ricanalizzazione risulta associato con un outcome funzionale più scarso in seguito a terapia intra-arteriosa. Un approccio sistematico per ridurre al minimo il ritardo di trattamento è pertanto giustificato nella terapia intra[...]

SM, fampridina a rilascio prolungato: più controllo dell’equilibrio, migliore deambulazione

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM), la terapia con fampridina a rilascio prolungato (PR-fampridina) determina precoci e sostenuti miglioramenti in molteplici misure di cammino e di equilibrio per più di sei mesi. Lo dimostrano i risultati[...]

Parkinson avanzato, la levodopa-carbidopa in gel intestinale può ridurre la politerapia in monoterapia

Nei pazienti con malattia di Parkinson (PD) in fase avanzata, la somministrazione di levodopa-carbidopa in gel intestinale (LCIG) può essere iniziata ricorrendo o meno a sondino nasodigiunale (NJ), sia in monoterapia sia in politerapia.

IFNbeta-1a, individuati marker precoci RM predittivi di progressione dopo 48 mesi dal primo evento

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM), un maggior volume delle lesioni T2 (T2 LV), la presenza di lesioni che assumono il mezzo di contrasto (Gd+) al basale, la diminuzione del volume del corpo calloso e l’allargamento del volume del ventric[...]

TIA e ictus vertebrobasilare, la migliore terapia medica supera lo stenting della stenosi arteriosa

Nei pazienti con recente attacco ischemico transitorio (TIA) o ictus ischemico vertebrobasilare lo stenting di una stenosi vertebrale sintomatica è associata a una complicazione vascolare maggiore periprocedurale in circa 1 paziente su 20 pazienti e [...]

Mild cognitive impairment in malattia di Parkinson: risultati solo in parte soddisfacenti per rivastigmina

Secondo i risultati di uno studio statunitense – pubblicato online su Movement Disorders - la rivastigmina, in pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD) con lieve deficit cognitivo (MCI), ha dimostrato di avere un trend al miglioramento in termi[...]

Epilessia, carbamazepina e.v. per sostituire a breve termine il farmaco per os: tollerabilità confermata

La carbamazepina per via endovenosa (IV) - somministrata in infusioni multiple da 30 o 15 minuti ogni 6 ore, o come singola infusione rapida - risulta ben tollerata come terapia sostitutiva a breve termine in soggetti adulti affetti da epilessia trat[...]

Giornata nazionale dell'epilessia: la SIN ribadisce importanza dei biomarkers

Nuove frontiere nella lotta a una delle malattie neurologiche più frequenti: l'epilessia. In occasione della Giornata Nazionale per l'Epilessia, domenica 3 maggio, la Società Italiana di Neurologia (SIN) ribadisce l'importanza dei ‘biomarkers' in gra[...]