Neurologia

VIDEO

Premio Merck in neurologia: la tecnologia digitale al servizio del paziente con sclerosi multipla


Cos'è la narcolessia, come si manifesta, che problemi causa ai pazienti


Come si fa la diagnosi di Alzheimer: dai sintomi agli esami di diagnostica per immagini


Sclerosi multipla: perché usare prima i farmaci più efficaci. L' esempio di alemtuzumab


Parkinson, cosa dice la letteratura scientifica sul farmaco opicapone


Parkinson, esperienza nella vita reale con opicapone


Parkinson, quali sono le ultime scoperte sulle cause della malattia?


Sclerosi multipla primariamente progressiva: cosa sappiamo su efficacia e sicurezza di ocrelizumab


Quali sono i primi sintomi della malattia di Parkinson?


Malattia di Parkinson perchè va trattata il più precocemente possibile


Crisi psicogene: cosa sono e in cosa differiscono da quelle epilettiche


Sclerosi multipla: cosa sappiamo sul trapianto di staminali


Sclerosi multipla, ruolo cruciale dei linfociti B nella patogenesi della malattia


Sclerosi multipla, prime esperienze nella pratica clinica quotidiana con ocrelizumab


Cosa sappiamo sulla efficacia e sicurezza a lungo termine di teriflunomide e alemtuzumab


Un confronto diretto tra farmaci orali per la cura della sclerosi multipla. Studio italiano


Sclerosi multipla, esperienza clinica con ocrelizumab nelle forme recidivanti remittenti


Amiloidiosi da transtiretina, malattia neurologica poco conosciuta e sottodiagnosticata


Come sta cambiando la cura delle malattie neurologiche rare: 3 esempi concreti


Sclerosi multipla, conferme a 8 anni di sicurezza ed efficacia di alemtuzumab


Come si diagnostica l’amiloidosi da transtiretina


Cosa è la malattia di Charcot-Marie-Tooth?


ARTICOLI

Associazione tra demenza e fibrillazione atriale anche senza ictus. Nuovo ruolo per gli anticoagulanti

Secondo uno studio apparso online su JAMA Neurology, la fibrillazione atriale (AF) è associata a un aumentato rischio di demenza, indipendentemente dallo sviluppo clinico di un ictus.

Crisi parziali refrattarie, nuovi dettagli su efficacia di brivaracetam add-on tollerato anche a dosi elevate

È stato pubblicato online su Epilepsia l’ultimo studio di fase III con brivaracetam (BRV) – parte integrante del file registrativo in fase di presentazione all’Fda e all’Ema - che dimostra come il trattamento aggiuntivo con BRV alla dose di 100 o 200[...]

Epilessia: a Ferrara novità da tutta Europa

Nel mondo 65 milioni di persone sono affette dall'epilessia. A questo problema sociale e sanitario di grande rilievo è dedicato il convegno La ricerca sull'epilessia nell'Unione Europea, in corso a Ferrara sino al 29 ottobre e organizzato dalla Feder[...]

Alzheimer, vecchio farmaco aiuta a mantenere per più tempo la gente fuori dalle case di cura

Un vecchio farmaco per l'Alzheimer, il donepezil, il cui brevetto è oramai scaduto, sembra ritardare il momento in cui una persona con questa condizione deve essere spostata in una casa di cura. L'effetto non va oltre il primo anno. Lo studio è stato[...]

Acido valproico nell’epilessia, sviluppato un algoritmo per il calcolo della dose ottimale individuale

L'acido valproico (VPA) è uno dei farmaci antiepilettici più prescritti per il trattamento delle crisi comiziali, eppure, anche se è noto che le dosi di VPA e la sua concentrazione nel plasma sono strettamente correlate, le concentrazioni plasmatiche[...]

Ictus minore e TIA, con o senza stenosi intracraniche outcome invariati con ASA o DAPT

Si ha un tasso più elevato di ictus recidivanti nei pazienti con ictus minore o attacco ischemico transitorio (TIA) ad alto rischio nei pazienti con stenosi arteriosa intracranica (ICAS) rispetto a quelli senza, ma in entrambi i casi non vi è una dif[...]

Ictus ischemico: trattamento endovascolare anche con ampie lesioni RM, specie nei giovani

Nei pazienti colpiti da ictus ischemico acuto si rileva un rischio crescente di outcome scarso ed emorragia intracerebrale sintomatica all'aumentare dei volumi delle lesioni all'imaging pretrattamento di risonanza magnetica (RM) in sequenza pesata in[...]

SM recidivante, cladribina scagionata da una meta-analisi di aumentare il rischio di cancro

Scagionata la cladribina, molecola candidata al trattamento della sclerosi multipla recidivante (pwRMS), dall'accusa di aumentare il rischio di cancro nei pazienti, quantomeno nelle dosi utilizzate nei trial CLARITY e ORACLE MS che, nel 2013, avevano[...]

Ictus, farmaco sperimentale italiano riduce del 50% i danni neuronali

Sintetizzato un farmaco che, su animali di laboratorio, ha dimostrato di essere in grado di proteggere il cervello fino a sei ore dopo il verificarsi di un ictus e di ridurne del 50% il danno cerebrale. La ricerca è stata condotta da un gruppo italia[...]

Grazie a un anticancro per la prima volta regredito il declino cognitivo nel Parkinson

Un farmaco da tempo approvato per il trattamento della leucemia mieloide cronica, il nilotinib, migliora gli aspetti cognitivi, le abilità motorie e le funzioni non motorie in pazienti con malattia di Parkinson e demenza a corpi di Lewy. È quanto ha [...]

Prevenzione dell'emicrania. Per TEV-48125 conferme dai dati definitivi

Sono stati pubblicati su Lancet Neurology i dati definitivi dello studio di fase 2b di TEV-48125, anticorpo monoclonale anti-CGRP (peptide correlato al gene della calcitonina). Somministrato mediante iniezione sottocutanea ogni 28 giorni risulta esse[...]

Ictus ischemico: pari efficacia e sicurezza di alteplase a basse dosi nei pazienti ad alto rischio emorragico

Nei trattamento trombolitico in pazienti colpiti da ictus ischemico acuto, la strategia basata su alteplase a basse dosi (sempre più diffusa nei Paesi dell'Estremo Oriente) si è dimostrata paragonabile al trattamento con dose standard in termini di e[...]

Epilessia refrattaria, l'efficacia della lamotrigina è ridotta dal ricorso alla dieta chetogenica

Nei bambini affetti da epilessia refrattaria il trattamento con lamotrigina in concomitanza con il ricorso a una dieta chetogenica si associa con una ridotta efficacia della dieta chetogenica stessa. Un dato rilevante, quello evidenziato da ricercato[...]

La riabilitazione, una terapia che cambia la storia quotidiana della sclerosi multipla

Non bastano tre cicli di poche sedute di riabilitazione, è ora di cambiare: la ricerca dimostra che una riabilitazione costante e personalizzata funziona come una terapia e cambia la storia quotidiana della sclerosi multipla. Unica tra le associazion[...]

Leandro Provinciali nuovo presidente della Società Italiana di Neurologia

Leandro Provinciali, Direttore della Clinica Neurologica e del Dipartimento di Scienze Neurologiche degli Ospedali Riuniti di Ancona, è il nuovo Presidente della Società Italiana di Neurologia. La proclamazione è avvenuta al 46° Congresso Nazionale d[...]

Ictus: con trombolisi e trombectomia combinate meno disabilità e mortalità

Il binomio terapeutico di trombolisi farmacologica sistemica e trattamento endovascolare mediante trombectomia meccanica consente, in maniera meno invasiva, di ridurre in modo significativo la mortalità e la disabilità causate dall'ictus ischemico, p[...]

ECTRIMS, glatiramer acetato si dimostra farmaco consolidato e in costante sviluppo

Al meeting ECTRIMS (European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis) di Barcellona, pur in presenza di molte nuove molecole per il trattamento della sclerosi multiipla (SM), glatiramer acetato (GA) - la terapia iniettiva più presc[...]

Trial ORATORIO: con ocrelizumab per la 1a volta risultati positivi nella SM primariamente progressiva

Dopo l'annuncio di ieri pomeriggio al meeting ECTRIMS (European Committee for the Treatment and Study of Multiple Sclerosis) dei notevoli risultati ottenuti con ocrelizumab negli studi cardine di fase II denominati OPERA I e OPERA II condotti in pazi[...]

AISM “notizie incoraggianti per ocrelizumab nelle forme progressive di SM. Servono però conferme nel tempo”

«Quella che arriva da ECTRIMS è una notizia incoraggiante, perché apre una nuova prospettiva di trattamento anche per le persone con SM progressiva. Ogni passo avanti nella ricerca, in particolare quella che sperimenta l'utilizzo di nuovi farmaci anc[...]

SM, ocrelizumab: risultati positivi sia nelle forme recidivanti sia nelle forme primariamente progressive

Era senza dubbio la novità più attesa dell'intero ECTRIMS (European Committee on Treatment and Reasearch in Multiple Sclerosis) in corso a Barcellona. Proprio oggi sono stati annunciati i positivi risultati ottenuti da ocrelizumab in 3 studi pivotali[...]