Neurologia

VIDEO

Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


Parkinson Alliance for Better Life Solutions, alleanza multidisciplinare per i malati di Parkinson


Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


Sclerosi multipla, a Verona nuovo test identifica molecole "maligne" per cure più mirate


Sclerosi multipla: dalla diagnosi alla personalizzazione della terapia


A fianco del coraggio, premio letterario per uomini che sostengono donne con sclerosi multipla


Sclerosi multipla: nuova possibilità di cura con cladribina, farmaco per la terapia di induzione


Fatica cronica in corso di sclerosi multipla: nuove possibilità di cura con acido alfa lipoico


In arrivo una nuova classe di farmaci contro l'emicrania cronica


Malattie neurologiche rare: finalmente ci sono delle risposte


Società Italiana di Neurologia: un bilancio di due anni di presidenza


La cura dell'ictus in Italia: attività dell'Osservatorio Ictus


Società italiana di Neurologia: uno sguardo al futuro


Sclerosi multipla: attività infermieristiche per la gestione del daclizumab


Malattia di Parkinson: nuove possibilità di cura con opicapone


Atrofia muscolare spinale: caratteristiche cliniche, diagnosi, novità terapeutiche


Atrofia muscolare spinale: meccanismo d'azione, efficacia e sicurezza di nusinersen


Sclerosi multipla: due approcci terapeutici a confronto: terapia scalare e terapia di induzione


Sclerosi multipla, come agisce la cladribina e quando potrebbe servire?


Il paziente deve essere al centro della cura della sclerosi multipla


ARTICOLI

Parkinson: maggiore disponibilità di levodopa con opicapone, nuovo inibitore delle COMT

Secondo uno studio apparso online sull'European Journal of Neurology, l'opicapone (OPC) è un nuovo promettente inibitore delle catecol-O-metiltransferasi (COMT) che ha dimostrato di diminuire in modo significativo l'attività delle COMT, aumentare l'e[...]

Stroke, per la trombectomia conferme da due studi globali pubblicati sul NEJM

Una ricerca presentata nel corso dell'International Stroke Conference (ISC) a Nashville, Tennessee, e pubblicata online su The New England Journal of Medicine (NEJM), dimostra che l'aggiunta della procedura di trombectomia con stent Solitaire al corr[...]

Sclerosi multipla, staminali riducono le nuove lesioni, studio italiano su Neurology

Il trapianto con cellule staminali potrebbe funzionare meglio dei trattamenti attualmente usati per le forme gravi di sclerosi multipla. Lo dimostra uno studio italiano, pubblicato oggi sull'importante rivista scientifica Neurology, che ha valutato l[...]

Dati rassicuranti per la trombolisi nell'ictus lieve secondo un'analisi retrospettiva USA

Molti pazienti con ictus ischemico trattati con attivatore del plasminogeno tissutale ricombinante per via endovenosa (rtPA IV) presentano un ictus lieve. Un'emorragia intracranica (ICH) sintomatica è infrequente, ma circa il 30% di questi pazienti n[...]

Solfato di magnesio preospedaliero non migliora l'outcome dell'ictus acuto ma apre prospettive

In pazienti colpiti da ictus ischemico acuto, l'inizio della terapia in fase preospedaliera con solfato di magnesio ad azione neuroprotettiva si è dimostrata sicura e ha permesso l'inizio della terapia trombolitica entro 2 ore dopo l'insorgenza dei s[...]

Parkinson, deludono i risultati degli studi su due farmaci sperimentali di Roche

Due farmaci sperimentali per la cura della malattia di Parkinson, che avevano dato risultati promettenti negli studi in vitro e su cui si erano riposte grandi speranze, hanno mostrato di causare tossicità polmonare nelle scimmie durante le sperimenta[...]

Antiepilettico retigabina preserva il cervello dopo l'ictus

Il farmaco antiepilettico retigabina sembra avere un effetto nella preservazione della funzione cerebrale dopo un ictus. Ricercatori americani della Scuola di Medicina presso l'Health Science Center dell'Università di San Antonio in Texas hanno infa[...]

SM, osteopososi dovuta all’immobilizzazione, non ai brevi cicli di glucocorticoidi ad alte dosi

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) è frequente il riscontro di ridotta densità minerale ossea (BMD), ma i brevi trattamenti con alte dosi di glucocorticoidi (GC) spesso utilizzati in questi soggetti non rappresentano – secondo una ricerca[...]

Ridotta risposta alle pratiche vaccinali nei pazienti con sclerosi multipla trattati con fingolimod

In alcuni pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) sottoposti a immunizzazione, un trattamento concomitante con fingolimod riduce, rispetto al placebo, la risposta immune indotta dalla vaccinazione. È quanto riporta uno studio apparso online su Neu[...]

Alzheimer, [18F]flutemetamol-PET specifica e sensibile su beta-amiloide: conferma istologica

La somministrazione endovenosa di flutemetamol marcato con fluoro-18 ([18F]]flutemetamol) è ben tollerata e dimostra, alla tomografia di emissione di positroni (PET), elevata sensibilità e specificità nell'imaging in vivo delle placche cerebrali di b[...]

Demenza nel Parkinson o con corpi di Lewy, ChEI superiori a memantina sulle funzioni cognitive

È stata pubblicata sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry una revisione sistematica aggiornata con metanalisi e analisi sequenziale di trial relativi al trattamento del decadimento cognitivo o della demenza nella malattia di Parkinson (r[...]

Emorragia cerebrale acuta, nei naive alle statine benefici da un loro uso precoce

In uno studio pubblicato online sull'European Journal of Neurology si è visto che i pazienti ricoverati per emorragia intracerebrale (ICH) acuta, se trattati precocemente con statine, non presentavano un rischio più elevato di recidiva di ICH e potev[...]

Vivere dopo l'ictus, missione possibile. La regione Lazio capofila nazionale della riabilitazione

Per l'assistenza alle persone colpite da stroke o TIA, La Regione Lazio, prima in Italia, diventa protagonista di un percorso che va oltre la semplice assistenza nelle strutture, ma permette di coniugare appropriatezza ed efficacia anche nel monitora[...]

Valproato in gravidanza, cosa fare? Ce lo dicono gli specialisti in epilessia

Le recenti raccomandazioni EMA (European Medicines Agency) e AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) sono state emanate a seguito di importanti evidenze scientifiche che hanno documentato gravi rischi connessi all'utilizzo di farmaci contenenti valproato[...]

Atassia di Friedreich, iniziato l'arruolamento di pazienti in studio di fase II su farmaco di Reata

La società americana Reata Pharmaceuticals ha annunciato di aver iniziato l'arruolamento dei pazienti in uno studio di fase II disegnato per valutare sicurezza, efficacia e tollerabilità del farmaco sperimentale RTA 408 in pazienti con atassia di Fri[...]

Ictus ischemico acuto, r-tPA utile anche per anziani, stroke gravi e nelle comorbilità importanti

Tra le varie tipologie di pazienti arruolate nel Third International Stroke Trial (IST-3) – uno studio randomizzato di confronto tra alteplase (attivatore del plasminogeno ricombinante [r-tPA] per via endovenosa) rispetto a un controllo - una nuova a[...]

RR SM, switch a natalizumab più efficace che a fingolimod nel ridurre recidive e disabilità

Uno studio pubblicato online su Annals of Neurology suggerisce che nella sclerosi multipla (SM) attiva, durante il trattamento con terapie iniettabili modificanti la malattia (DMT), il passaggio (switch) a natalizumab sia più efficace rispetto a quel[...]

L’infezione da H. pylori protegge le donne dalla sclerosi multipla. Rinasce la teoria igienistica

La sieropositività all’Helicobacter pylori risulta significativamente inferiore nelle donne affette da sclerosi multipla (SM) rispetto ai controlli sani femminili, suggerendo un possibile effetto protettivo di questi batteri. È la tesi sostenuta in u[...]

Terapia della SM con natalizumab, bande oligoclonali IgM nel liquor riducono il rischio di PML

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM), la presenza di bande di immunoglobuline M (IgM) specifiche anti-lipidi nel liquor cefalorachidiano (CSF) rispecchia un processo che può diminuire il rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva[...]

Ictus ischemico acuto, l'antibioticoterapia preventiva non migliora gli outcome funzionali

In soggetti adulti colpiti da ictus acuto l'impiego preventivo di ceftriaxone non migliora l'outcome funzionale a 3 mesi. Questi i risultati del trial PASS (Preventive Antibiotics in Stroke Study), appena pubblicato online su Lancet, che non supporta[...]