Neurologia

VIDEO

Come si gestisce l’amiloidosi in Sicilia? Un rapporto documenta i progressi clinici e organizzativi


3 cose da sapere sulla malattia di Parkinson


Ci sono delle differenze uomo-donna anche nelle malattie neurologiche?


Sclerosi multipla, azione selettiva dell'anticorpo monoclonale ocrelizumab


Atrofia muscolare spinale, novità sul trattamento


Malattie neurologiche, importanza del digital per medico e paziente


Sclerosi multipla, cosa chiedono i pazienti per una migliore qualità di vita?


Diagnosi di malattia di Alzheimer, come comunicarla a pazienti e familiari?


Alzheimer, cosa abbiamo imparato dai recenti fallimenti della ricerca?


Neuromielite ottica, cos'è e come si differenzia dalla sclerosi multipla


Sclerosi multipla, ok all'uso dell'interferone beta 1a sottocute in gravidanza e allattamento


Le novità della 50esimo edizione del congresso dei neurologi italiani


Neuromielite ottica, novità dalla ricerca


Neuromielite ottica, chi è e come agisce satralizumab


Sinucleina, ruolo diagnostico nella malattia di Parkinson


Invecchiamento cerebrale fisiologico e declino cognitivo, come si differenziano?


Neuromielite ottica, ruolo centrale dell'interleuchina 6


Disordini del ritmo circadiano, quale impatto a livello neurologico?


Le cose da sapere sull’emicrania


Cosa sono e come agiscono i nuovi farmaci anti emicrania, gli anti CGRP


Conosciamo da vicino il fremanezumab, un nuovo farmaco antiemicrania


Conosciamo la depressione maggiore: cos'è, come si presenta, cause e conseguenze


ARTICOLI

Parkinson, N-acetilcisteina in add-on: un integratore antiossidante a supporto dei neuroni dopaminergici

La N-acetilcisteina (NAC), molecola ad azione antiossidante presente nell'organismo, mostra ora un potenziale beneficio come parte di un ciclo standard di trattamento per pazienti con malattia di Parkinson (PD), secondo uno studio pubblicato online s[...]

Prevenire l'ictus per prevenire la demenza, una ‘call to action' globale dal “Manifesto di Berlino”

I fattori di rischio per ictus e demenza sono gli stessi e un numero crescente di prove dimostra che prevenendo l'ictus si possono prevenire anche alcune forme di demenza. Un gruppo di esperti ora chiede alla comunità internazionale, in un manifesto [...]

SM, conta linfocitaria e BMI primi biomarker di risposta al DMF. Studio real life dell'Università di Bari

L'indice di massa corporea (BMI) e la conta dei linfociti (LC) possono essere i primi biomarcatori in grado di predire la risposta al trattamento al dimetilfumarato (DMF) in pazienti con sclerosi multipla recidivante (RSM). È quanto deriva dall'esper[...]

Emicrania, rimegepant in compresse orosolubili offre sollievo rapido e prolungato

Una singola dose di una nuova formulazione in compresse orosolubili (ODT) di rimegepant offre benefici rapidi e sostenuti ai pazienti con emicrania, secondo una ricerca presentata a Philadelphia, durante l'incontro annuale dell'American Headache Soci[...]

Ictus minore o TIA, la migliore finestra terapeutica per clopidogrel/aspirina? Le prime tre settimane

Per i pazienti che presentano un ictus minore acuto o un attacco ischemico transitorio (TIA) ad alto rischio, il rapporto rischio/beneficio quando si utilizza clopidogrel più aspirina sembra essere maggiore nei primi 21 giorni, secondo un'analisi sec[...]

Ictus, chiarezza sulla trombolisi IV: non è legata a nuovi infarti in altri territori post-trombectomia

La posizione nella circolazione posteriore, ma non l'uso della trombolisi endovenosa (IV), è un predittore indipendente di infarto in un nuovo territorio tra i pazienti sottoposti a trombectomia meccanica per ictus emergente da occlusione di grandi v[...]

Nei pazienti con SM il riscontro di buchi neri alla RM è correlato alla riduzione della funzione cognitiva

Nei pazienti con sclerosi multipla (SM), i ‘buchi neri' (noti anche come lesioni ipointense in T1 alla risonanza magnetica [RM]) sono associati a una funzione cognitiva peggiore, inclusa la velocità di elaborazione e la memoria visiva, secondo una ri[...]

Alzheimer, alt a studi con farmaco anti BACE di Amgen e Novartis

Novartis e Amgen hanno annunciato che sospenderanno lo sviluppo di clinico di umibecestat, un farmaco sperimentale noto anche con la sigla CNP520, che agisce come inibitore dell’enzima BACE1. Il prodotto è attualmente in studio in due trial di fase I[...]

SM recidivante, cladribina mostra efficacia e sicurezza sostenute nelle analisi dello studio di estensione del CLARITY

Cladribina in compresse continua a mostrare un'efficacia sostenuta e una sicurezza costante nei pazienti con forme recidivanti di sclerosi multipla (SM) Lo dimostra un'analisi post-hoc di uno studio di estensione di prova di fase 3 i cui risultati so[...]

SM, possibile lieve calo di neutrofili nei pazienti trattati con fingolimod. Confermato il profilo di efficacia e sicurezza

I livelli di neutrofili possono diminuire nei pazienti con sclerosi multipla (SM) recidivante che hanno assunto fingolimod per 2 o più anni, secondo un'analisi ad interim dei dati dello studio FLUENT di fase 4, i cui risultati sono stati presentati a[...]

Emicrania: lasmiditan, antagonista recettoriale 5-HT1F, sicuro ed efficace in pazienti ad aumentato rischio CV

Una recente ricerca - presentata a Oslo (Norvegia) nel corso del Congresso annuale dell'European Academy of Neurology (EAN 2019) – dimostra che un nuovo farmaco per il trattamento dell'emicrania (lasmiditan) sembra essere sicuro ed efficace nei pazie[...]

Tetraplegia, con tecnica innovativa 13 australiani recuperano funzione della mano ed estensione del gomito

13 giovani adulti con tetraplegia sono in grado di nutrirsi, bere, lavarsi i denti e scrivere come risultato di una nuova tecnica chirurgica che collega i nervi funzionanti con i nervi feriti per ripristinare la funzione nei muscoli paralizzati. L'in[...]

Alcuni anticolinergici causano la demenza?

Uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine dimostra come alcuni farmaci anticolinergici sono legati ad un aumento di quasi il 50% del rischio di sviluppare demenza. Questa correlazione, se confermata, renderebbe questi farmaci uno dei principali[...]

Associazione causale tra alti livelli di Lp (a) e rischio di ictus ischemico. Prove da ampio studio danese

Elevati livelli di lipoproteina (a) [Lp (a)] e alcuni genotipi LPA sono stati collegati ad aumentato rischio di ictus ischemico in un recente, ampio studio di popolazione generale contemporanea, pubblicato sul “Journal of American College of Cardiolo[...]

Sclerosi multipla recidivante, conferme per ublituximab, nuovo anti CD20

Secondo una ricerca presentata al 5° Congresso annuale dell'Accademia Europea di Neurologia (EAN), le infusioni di ublituximab della durata di un'ora continuano ad essere sicure e ben tollerate in pazienti con sclerosi multipla recidivante (SM).

Uso di antipsicotici nella demenza correlato ad aumento della mortalità

Nuove evidenze stanno collegando l'uso degli antipsicotici a un aumento del rischio di mortalità nei pazienti con demenza. In uno studio basato su un registro danese con i dati di quasi 33mila pazienti affetti da demenza, si è osservato che coloro ch[...]

Esposizione agli antiepilettici in gravidanza collegato a carenze linguistiche nell’infanzia. Acido folico riduce il rischio

I figli di madri con epilessia che sono state trattate con farmaci antiepilettici durante la gravidanza mostrano un significativo aumento del rischio di ritardi del linguaggio fino all'età di 8 anni. Lo hanno riferito alcuni ricercatori al 5° Congres[...]

Emicrania, erenumab funziona anche quando altri trattamenti hanno fallito. #EAN19

Al congresso europeo di neurologia sono stati presentati ulteriori dati dello studio di Fase IIIb LIBERTY condotto con erenumab, un anti CGRP già approvato in Europa e di prossima immissione in commercio anche nel nostro Paese. Questa fase di estensi[...]

Atrofia muscolare spinale, conferme per nusinersen anche nei pazienti pre sintomatici. Il 100 per cento in grado di sedersi

Annunciato oggi ad Oslo al congresso europeo di neurologia nuovi risultati dello studio NURTURE, acquisiti nel contesto dello studio più lungo di sempre sull'atrofia muscolare spinale (SMA) nei neonati pre-sintomatici (n = 25).

Statine riducono la mortalità e il rischio di ictus nei pazienti affetti da demenza

L'uso di statine è significativamente associato a una riduzione del rischio di mortalità nei pazienti affetti da demenza. Lo dimostra una nuova ricerca presentata oggi al 5° Congresso dell'Accademia Europea di Neurologia (EAN).