Neurologia

VIDEO

Alzheimer: arriva la chat bot, un assistente virtuale per aiutare i malati in fase iniziale


Sindrome del tunnel carpale: di cosa si tratta e quali sono le cause?


Sindrome del tunnel carpale: il dolore ha due cause


Malattie rare: il progetto della Regione Abruzzo per l'amiloidosi da transtiretina


Amiloidosi da transtiretina: un nuovo percorso di cura nella Regione Abruzzo


Cannabis nel paziente con epilessia, cosa sappiamo e quando può essere usata


Epilessia e patente, cosa dice il decreto del 2010 e quali le criticità da affrontare


Congresso LICE, i temi caldi della 41esima edizione


Asse intestino-cervello, quali implicazioni nel paziente epilettico?


Adolescenza ed epilessia, quali i problemi e come affrontarli


Disturbi della sfera sessuale nelle persone con epilessia


Epilessia e patente, incongruenze nel modulo compilato dallo specialista


Classificazione forme epilettiche, quali i cambiamenti apportati lo scorso anno


Tumori cerebrali ed epilessia, cosa sappiamo? Indicazioni dal gruppo di studio LICE


Epilessia e patente, criticità della legge e richieste dei pazienti


Nasce LICE young, obiettivi e iniziative


Gomma cancella mostro, il progetto contro le paure dei bambini con epilessia


Noi Parkinson, la prima App per gestire la malattia a 360 gradi


Come si cura la malattia di Parkinson?


Qual è il ruolo della riabilitazione per i malati di Parkinson?


Parkinson Alliance for Better Life Solutions, alleanza multidisciplinare per i malati di Parkinson


Sclerosi multipla: a Verona test innovativo consente di personalizzare le cure fin dalla diagnosi


ARTICOLI

Sclerosi multipla, significativi risultati con dimetilfumarato a lento rilascio sulle lesioni in RM

I notevoli effetti sulla conta delle lesioni attive e sul volume totale delle lesioni alla risonanza magnetica (RM) in pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente (RR SM) dimostrano la capacità del dimetilfumarato per os a rilascio prolunga[...]

Ictus ischemico minore con occlusione intracranica, ottimi outcome funzionali con tenecteplase

La somministrazione di tenecteplase (TNK-attivatore del plasminogeno di tipo tissutale [TNK-tPA]) nell'ictus minore con occlusione intracranica è attuabile e sicura, anche se un trial randomizzato controllato più ampio è necessario per provare che qu[...]

Alzheimner, sospeso studio dell'anti BACE di Boehringer

Boehringer Ingelheim ha temporaneamente sospeso un trial di fase I condotto in pazienti con malattia di Alzheimer per valutare un farmaco sperimentale dal nome in codice BI 1181181. Il prodotto blocca la beta secretasi (BACE), un enzima che si ritien[...]

SM, trapianto autologo di staminali emopoietiche supera mitoxantrone nel ridurre le lesioni RM

Al fine di ridurre l’attività alla risonanza magnetica (RM) nei casi gravi di sclerosi multipla (SM), un’intensa immunosoppressione seguita da trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche (AHSCT) è superiore in modo significativo alla sommi[...]

TUDCA, un acido biliare promettente nel trattamento della SLA da dati clinici preliminari italiani

L'acido tauroursodeossicolico (TUDCA) è sicuro e può essere efficace nel trattamento della sclerosi laterale amiotrofica (SLA). Lo dimostrano i dati clinici preliminari di uno studio pilota pubblicato online sull'European Journal of Neurology.

Al professor Giancarlo Comi il prestigioso Charcot Award per la ricerca contro la Sclerosi multipla

La Multiple Sclerosis International Federation - (MSIF) oggi ha conferito al professor Giancarlo Comi lo Charcot Award 2015, per l'eccezionale contributo allo sviluppo delle conoscenze sulla fisiopatologia e il trattamento della Sclerosi Multipla.

Dissecazione carotidea o cervicale, pari efficacia anti-ictus di antipiastrinici e anticoagulanti

Non c'è differenza di efficacia tra l'uso di antipiastrinici o anticoagulanti nella prevenzione dell'ictus o del decesso nei pazienti con dissecazione sintomatica della carotide o dell'arteria vertebrale, ma l'ictus è raro in entrambi i casi e molto [...]

SM, confronto testa a testa fra 3 immunomodulatori per switch terapeutico: prevale fingolimod

In caso di sclerosi multipla (SM) attiva nonostante il trattamento con immunomodulatori iniettabili in corso, lo “switch” a fingolimod è associato a minori recidive, outcome di disabilità più favorevoli e maggiore persistenza nel trattamento rispetto[...]

Il primo ictus ha un esordio lieve se in precedenza il paziente era trattato con antipiastrinici

L'utilizzo di un agente antipiastrinico (PA) prima di un ictus riduce la gravità dello stroke in pazienti colpiti per la prima volta da ictus ischemico acuto, indicando che questo approccio abbia un effetto benefico. Lo sostengono ricercatori coreani[...]

Smentita qualsiasi correlazione tra uso di statine e rischio di crescita di ematoma cerebrale

Non esiste alcun rapporto tra i farmaci ipolipemizzanti e la crescita di un ematoma cerebrale in pazienti con emorragia intracranica (ICH).

Sclerosi multipla, fingolimod freno aggiuntivo alla disabilità dalla difesa del volume cerebrale

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante remittente (RR MS) in terapia con fingolimod l'effetto del trattamento sulla ricadute e, in misura minore, quello sulla perdita di volume cerebrale (BVL) risultano entrambi elementi predittivi del[...]

Parkinson: maggiore disponibilità di levodopa con opicapone, nuovo inibitore delle COMT

Secondo uno studio apparso online sull'European Journal of Neurology, l'opicapone (OPC) è un nuovo promettente inibitore delle catecol-O-metiltransferasi (COMT) che ha dimostrato di diminuire in modo significativo l'attività delle COMT, aumentare l'e[...]

Stroke, per la trombectomia conferme da due studi globali pubblicati sul NEJM

Una ricerca presentata nel corso dell'International Stroke Conference (ISC) a Nashville, Tennessee, e pubblicata online su The New England Journal of Medicine (NEJM), dimostra che l'aggiunta della procedura di trombectomia con stent Solitaire al corr[...]

Sclerosi multipla, staminali riducono le nuove lesioni, studio italiano su Neurology

Il trapianto con cellule staminali potrebbe funzionare meglio dei trattamenti attualmente usati per le forme gravi di sclerosi multipla. Lo dimostra uno studio italiano, pubblicato oggi sull'importante rivista scientifica Neurology, che ha valutato l[...]

Dati rassicuranti per la trombolisi nell'ictus lieve secondo un'analisi retrospettiva USA

Molti pazienti con ictus ischemico trattati con attivatore del plasminogeno tissutale ricombinante per via endovenosa (rtPA IV) presentano un ictus lieve. Un'emorragia intracranica (ICH) sintomatica è infrequente, ma circa il 30% di questi pazienti n[...]

Solfato di magnesio preospedaliero non migliora l'outcome dell'ictus acuto ma apre prospettive

In pazienti colpiti da ictus ischemico acuto, l'inizio della terapia in fase preospedaliera con solfato di magnesio ad azione neuroprotettiva si è dimostrata sicura e ha permesso l'inizio della terapia trombolitica entro 2 ore dopo l'insorgenza dei s[...]

Parkinson, deludono i risultati degli studi su due farmaci sperimentali di Roche

Due farmaci sperimentali per la cura della malattia di Parkinson, che avevano dato risultati promettenti negli studi in vitro e su cui si erano riposte grandi speranze, hanno mostrato di causare tossicità polmonare nelle scimmie durante le sperimenta[...]

Antiepilettico retigabina preserva il cervello dopo l'ictus

Il farmaco antiepilettico retigabina sembra avere un effetto nella preservazione della funzione cerebrale dopo un ictus. Ricercatori americani della Scuola di Medicina presso l'Health Science Center dell'Università di San Antonio in Texas hanno infa[...]

SM, osteopososi dovuta all’immobilizzazione, non ai brevi cicli di glucocorticoidi ad alte dosi

Nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) è frequente il riscontro di ridotta densità minerale ossea (BMD), ma i brevi trattamenti con alte dosi di glucocorticoidi (GC) spesso utilizzati in questi soggetti non rappresentano – secondo una ricerca[...]

Ridotta risposta alle pratiche vaccinali nei pazienti con sclerosi multipla trattati con fingolimod

In alcuni pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) sottoposti a immunizzazione, un trattamento concomitante con fingolimod riduce, rispetto al placebo, la risposta immune indotta dalla vaccinazione. È quanto riporta uno studio apparso online su Neu[...]