Neurologia

VIDEO

Come si gestisce l’amiloidosi in Sicilia? Un rapporto documenta i progressi clinici e organizzativi


3 cose da sapere sulla malattia di Parkinson


Ci sono delle differenze uomo-donna anche nelle malattie neurologiche?


Sclerosi multipla, azione selettiva dell'anticorpo monoclonale ocrelizumab


Atrofia muscolare spinale, novità sul trattamento


Malattie neurologiche, importanza del digital per medico e paziente


Sclerosi multipla, cosa chiedono i pazienti per una migliore qualità di vita?


Diagnosi di malattia di Alzheimer, come comunicarla a pazienti e familiari?


Alzheimer, cosa abbiamo imparato dai recenti fallimenti della ricerca?


Neuromielite ottica, cos'è e come si differenzia dalla sclerosi multipla


Sclerosi multipla, ok all'uso dell'interferone beta 1a sottocute in gravidanza e allattamento


Le novità della 50esimo edizione del congresso dei neurologi italiani


Neuromielite ottica, novità dalla ricerca


Neuromielite ottica, chi è e come agisce satralizumab


Sinucleina, ruolo diagnostico nella malattia di Parkinson


Invecchiamento cerebrale fisiologico e declino cognitivo, come si differenziano?


Neuromielite ottica, ruolo centrale dell'interleuchina 6


Disordini del ritmo circadiano, quale impatto a livello neurologico?


Le cose da sapere sull’emicrania


Cosa sono e come agiscono i nuovi farmaci anti emicrania, gli anti CGRP


Conosciamo da vicino il fremanezumab, un nuovo farmaco antiemicrania


Conosciamo la depressione maggiore: cos'è, come si presenta, cause e conseguenze


ARTICOLI

Sclerosi Multipla, a Brescia la continuità delle cure è realtà

Garantire la continuità delle cure, soprattutto nelle malattie croniche come la sclerosi multipla, è uno dei principali obiettivi del Sistema Sanitario che ha rilevato la necessità di realizzare azioni efficaci di miglioramento, anche attraverso un l[...]

Conferme di sicurezza ed efficacia real life per lacosamide ev anche nei casi più gravi di epilessia

Nei pazienti affetti da crisi epilettiche lacosamide (LCM) per via endovenosa (LCM-iv) risulta ben tollerata e molto efficace quando somministrata in situazioni di emergenza, inclusi i casi di stato epilettico (SE), secondo i dati di un ampio e indip[...]

Per il trial ReSPonD di fase 2 rivastigmina migliora l’andatura e riduce le cadute nel Parkinson

Nei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD) la rivastigmina può migliorare la stabilità dell'andatura e, di conseguenza, ridurre la frequenza delle cadute. Lo evidenziano i risultati – pubblicati online su Lancet Neurology - di uno studio di f[...]

Criteri di inclusione ed esclusione al trattamento con alteplase riveduti e ampliati dall’AHA/ASA

L'American Heart Association/American Stroke Association (AHA/ASA) hanno rilasciato un nuovo statement relativo ai criteri di inclusione ed esclusione per l’impiego per via endovenosa di alteplase (attivatore tissutale del plasminogeno [tPA]) nell'ic[...]

Strategia cinese per trattare l’ictus ischemico acuto basata sulle cellule progenitrici endoteliali

La DL-3-n-butilftalide (NBP), estratta come componente puro da semi di sedano cinese e approvata dalla “Fda” della Cina per uso clinico nei pazienti con ictus già nel 2002, aumenta in modo significativo il livello di cellule progenitrici endoteliali [...]

Conferme di sicurezza per glatiramer acetato in caso di esposizione nel 1° trimestre di gestazione

Uno studio, condotto in Germania e pubblicato online sul Multiple Sclerosis Journal, fornisce ulteriori prove che l'esposizione a glatiramer acetato (GLAT) durante il primo trimestre di gravidanza appare sicuro e privo di effetti teratogeni sul feto.[...]

Sclerosi multipla, fa sperare nuovo trattamento basato su trapianto autologo di staminali

Nuove speranze per i pazienti con sclerosi multipla. I ricercatori del Royal Hallamshire Hospital di Sheffield, nel Regno Unito, stanno sperimentando un approccio originariamente usato contro il cancro, che sembra dare risultati molto promettenti in [...]

Incoraggianti dati sulla sicurezza di rufinamide in pazienti da 1 a 4 anni con sindrome di Lennox-Gastaut

La rufinamide, farmaco indicato per il trattamento delle crisi epilettiche associate alla sindrome di Lennox-Gastaut (LGS) nei pazienti pediatrici dal primo anno di età in avanti (oltre che negli adulti), risulta sicura e ben tollerata nei soggetti d[...]

Spasticità post-ictale ridotta dalla tossina botulinica anche tramite una riorganizzazione corticale

Uno studio, condotto nella Repubblica Ceca e pubblicato sul Journal of the Neurological Sciences, conferma la possibilità di utilizzare i movimenti passivi delle mani per mappare mediante risonanza magnetica funzionale (fMRI) le reti cerebrali sensom[...]

Non risulta un aumentato rischio per il nascituro da esposizione in gravidanza a dimetilfumarato

Nelle donne affette da sclerosi multipla (SM) trattate con dimetilfumarato a rilascio ritardato (DMF, noto anche come DMF gastro-resistente) non si è osservato un rischio aumentato di anomalie fetali o esiti avversi della gravidanza associato all’esp[...]

Sicurezza del gel intestinale di levodopa-carbidopa nel Parkinson verificata su ampio set di dati

Nei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD) in fase avanzata con fluttuazioni motorie non adeguatamente controllate con farmaci orali standard, la tecnica del gel intestinale di levodopa carbidopa (LCIG) può essere impiegata in modo sicuro e t[...]

Per 11 Centri USA cannabidiolo efficace e sicuro nell’epilessia farmacoresistente del bambino

Nei bambini e nei giovani adulti con epilessia altamente resistenti al trattamento il cannabidiolo può ridurre la frequenza delle crisi e avere un profilo di sicurezza adeguato. È quanto suggeriscono i risultati di uno studio pubblicato online su Lan[...]

Antidepressivi aumentano il rischio di microsanguinamenti cerebrali?

L'uso di farmaci antidepressivi sembra essere associato a un aumento del rischio di microsanguinamenti a livello cerebrale, secondo i risultati di uno studio longitudinale pubblicato su Stroke e condotto dai ricercatori dell'Erasmus University Medica[...]

Alzheimer, infiammazione cerebrale tra le possibili cause?

Uno studio pubblicato su Brain e condotto dai ricercatori della Southampton University mostra che bloccando la produzione di nuove cellule immunitarie nel cervello si possono ottenere miglioramenti della memoria e di alcuni problemi comportamentali, [...]

Salpano da Palermo nanonavette in gel cariche di insulina indirizzate al cervello per trattare l’Alzheimer

È stata messa a punto da un’équipe di ricercatori appartenenti a quattro diverse strutture del capoluogo siciliano un’innovativa strategia per il trattamento della malattia di Alzheimer (AD): con l’ausilio di radiazioni ionizzanti sono state prodotte[...]

SM, oltre alla deambulazione fampridina a lento rilascio migliora la funzionalità della mano

Uno studio pilota, pubblicato sul Journal of the Neurological Sciences, dimostra che fampridina-PR (4-aminopridina a lento rilascio) migliora la funzionalità della mano nei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM). Un risultato di rilievo, consider[...]

Rischio di Parkinson più che doppio in caso di epatite C. Nessun allarme però, concorrono molti fattori

I pazienti con infezione da HCV mostrano un rischio significativamente aumentato di sviluppare la malattia di Parkinson (PD). È quanto emerge da un ampio studio basato sulla popolazione nazionale condotto a Taiwan e pubblicato online su Neurology.

Sclerosi multipla, in due studi registrativi alt ai dosaggi più elevati di laquinimod

A seguito delle raccomandazioni pervenute da un comitato indipendente di monitoraggio dei dati (DMC), Teva e Active Biotech hanno annunciato la sospensione degli studi in corso sulle dosi più elevate di laquinimod (1,2 mg e 1,5 mg.) in due trial co[...]

Nei disturbi del sonno nel Parkinson meno effetti collaterali dal patch solo notturno di rotigotina

La somministrazione notturna transdermica di rotigotina è efficace per il controllo dei sintomi notturni in pazienti con malattia di Parkinson (PD). Il farmaco ha indotto una riduzione della disabilità notturna e ridotto al minimo la comparsa di effe[...]

Sintomi neuropsichiatrici dell’Alzheimer peggiorati se sospesi gli inibitori delle colinesterasi

Nei pazienti affetti da malattia da Alzheimer (AD) la sospensione degli inibitori delle colinesterasi (ChEI) può avere effetti negativi sulla cognizione e sui sintomi neuropsichiatrici: una scoperta corroborata da una maggiore incidenza di drop-out. [...]