Alzheimer, alt a studi con farmaco anti BACE di Amgen e Novartis

Novartis e Amgen hanno annunciato che sospenderanno lo sviluppo di clinico di umibecestat, un farmaco sperimentale noto anche con la sigla CNP520, che agisce come inibitore dell'enzima BACE1. Il prodotto è attualmente in studio in due trial di fase II/III che fanno parte dell'Alzheimer's Prevention Initiative Generation Programme.

Novartis e Amgen hanno annunciato che sospenderanno lo sviluppo di clinico di umibecestat, un farmaco sperimentale noto anche con la sigla CNP520, che agisce come inibitore dell’enzima BACE1. Il prodotto è attualmente in studio in due trial di fase II/III che fanno parte dell’Alzheimer's Prevention Initiative Generation Programme.

"Una valutazione di dati durante una revisione regolare pre-pianificata ha identificato un peggioramento in alcune misure della funzione cognitiva," hanno dichiarato le aziende, aggiungendo che, dati i risultati, "gli sponsor hanno concluso che il beneficio potenziale per i partecipanti agli studi non ha superato il rischio".

Gli studi stavano esaminando la sicurezza e l'efficacia di umibecestat nella prevenzione o nel ritardo dell'insorgenza della malattia di Alzheimer in persone ad alto rischio di sviluppare sintomi in base alla loro età e allo stato genetico. I dati saranno ulteriormente valutati e presentati in una futura sede scientifica, ha detto Novartis.

David Reese, responsabile della ricerca e sviluppo di Amgen, ha osservato: "crediamo ancora che l'amiloide svolga un ruolo importante, ma complesso, nella malattia di Alzheimer" e, mentre "i risultati del programma di ricerca non hanno portato ai risultati che ci siamo prefissati, siamo impegnati a condividere le nostre scoperte per aiutare la comunità medica e scientifica a fare un passo avanti verso la ricerca di una prevenzione per questa malattia devastante".

Umibecestat è leggermente diverso dalla maggior parte degli altri farmaci anti amiloide che hanno fallito negli studi clinici. Piuttosto che spezzare l'amiloide, il farmaco è stato sviluppato per bloccare la beta secretasi 1 (BACE1), un enzima che gioca un ruolo nella formazione delle placche di amiloide. La speranza era che questo approccio potesse prevenire o ritardare l'insorgenza dell'Alzheimer. Ma anche i cosiddetti BACE inibitori non hanno avuto successo.

Nel 2017, lo sviluppo di verubecestat è stato interrotto dopo che una valutazione indipendente ha concluso che l'inibitore di BACE sviluppato da MSD non avrebbe funzionato. Elenbecestat, un inibitore di BACE sviluppato da Eisai in collaborazione con Biogen, è attualmente in fase avanzata di test. A marzo, un comitato indipendente ha raccomandato di continuare con due test di fase 3 del farmaco.

La partnership tra Amgen e Novartis su umibecestat risale al 2015, quando le aziende hanno concordato di lavorare insieme per sviluppare nuovi farmaci per l'emicrania e l'Alzheimer. Nel 2017, il Banner Alzheimer's Institute ha aderito alla partnership. I partner hanno pianificato uno studio quinquennale mirato all'arruolamento di circa 2.000 pazienti provenienti da più di 20 paesi. Gli studi hanno arruolato pazienti ad alto rischio di sviluppare l'Alzheimer a causa dell'età e portatori di una delle due copie dell'apolipoproteina E (APOE) 4, una mutazione genetica che mette i pazienti ad alto rischio di sviluppare la malattia.

Quella di oggi è solo l’ultimo di una lunga serie di delusioni per l’individuazione di un farmaco efficace per l’Alzheimer. All'inizio di quest'anno, Biogen ed Eisai hanno concluso gli studi di Fase III con l'anticorpo beta anti-amiloide beta aducanumab in pazienti con lievi alterazioni cognitive dovute alla malattia di Alzheimer e alla demenza da malattia di Alzheimer lieve, dopo aver stabilito che gli studi non erano in grado di raggiungere i loro end point principali.

Roche ha interrotto due studi in fase avanzata del farmaco anti-beta-amiloide crenezumab in pazienti con malattia di Alzheimer sporadica precoce, dopo che un'analisi intermedia ha indicato che gli studi probabilmente non avrebbero avuto successo.