Alzheimer, fratture a bassa energia ridotte dall'uso di diuretici tiazidici

L'uso dei diuretici tiazidici Ŕ stato associato a un ridotto rischio di fratture a bassa energia (LEF) nelle persone con malattia di Alzheimer (AD), secondo un nuovo studio condotto dall'UniversitÓ della Finlandia orientale pubblicato su "Osteoporosis International".

L'uso dei diuretici tiazidici è stato associato a un ridotto rischio di fratture a bassa energia (LEF) nelle persone con malattia di Alzheimer (AD), secondo un nuovo studio condotto dall'Università della Finlandia orientale pubblicato su “Osteoporosis International”.

L'associazione è stata trovata in caso di uso a lungo termine superiore a tre anni; tuttavia, l'uso a breve termine non ha ridotto il rischio di fratture. I tiazidici, come è noto, sono generalmente prescritti per trattare l'ipertensione.

La frattura dell'anca è stata la LEF più comune nella popolazione in studio e il rischio di questo tipo di fratture è diminuito del 30% nell'uso a lungo termine di tiazidici, riportano gli autori, guidati da Heidi Taipale, del Centro di Ricerca Kuopio di Cure Geriatriche dell’Università della Finlandia orientale.

La possibile spiegazione dell’associazione
L'associazione può essere correlata al fatto che i tiazidici riducono l'escrezione urinaria di calcio e aumentano la densità minerale ossea, il che può ridurre il rischio di fratture in caso di caduta.

Le persone con AD hanno un aumentato rischio di caduta, poiché la malattia porta a problemi di equilibrio e orientamento spaziale.
L'associazione tra uso di tiazidici e rischio ridotto di fratture da bassa energia è scomparsa in circa un mese dopo l'interruzione dell'uso dei diuretici tiazidici.

In questo studio, l'uso di tiazidici è stato preso in considerazione anche quando questi farmaci sono stati combinati con altri farmaci antipertensivi nella stessa compressa.

I tiazidici non possono essere raccomandati per la prevenzione di fratture, in quanto il loro uso è noto come associato a ipotensione posturale e conseguenti cadute.

I numeri dello studio
Lo studio era basato sullo studio MEDALZ basato sul registro nazionale condotto presso l'Università della Finlandia orientale. Per questo lavoro sono state incluse 10.416 persone residenti in Finlandia tra il 2005 e il 2011 con diagnosi di AD che avevano una frattura a bassa energia e confrontate con 31.099 controlli corrispondenti senza frattura.

Durante il follow-up delle diagnosi di AD fino alla fine del 2015 – spiegano i ricercatori - sono stati identificati casi con LEF (N = 10.416) e di frattura dell'anca (N = 5.578).

«I casi di LEF sono stati abbinati a un massimo di tre controlli senza LEF, in base al tempo trascorso dalla diagnosi, all'età e al sesso» specificano Taipale e colleghi.

L'uso attuale di tiazidici è stato osservato nel 10,5% dei casi di LEF e nel 12,5% dei controlli, proseguono gli autori. L'uso attuale di tiazidici era associato a un ridotto rischio di LEF (OR aggiustato [aOR] 0,83; IC al 95% 0,77-0,88).

In termini di durata d'uso – spiegano in dettaglio - non è stata osservata alcuna associazione con l'uso a breve termine ( 3 anni) è stato associato a un ridotto rischio di LEF (aOR 0,77; IC al 95% 0,71-0,83) e frattura dell'anca (aOR 0,68; IC al 95% 0,60-0,78).

«Il nostro studio» concludono gli autori «estende la conoscenza precedente del rischio ridotto di frattura dei tiazidici alle persone con AD, una popolazione con un rischio significativamente maggiore di fratture».

Giorgio Ottone

Taipale H, Rysä J, Hukkanen J, et al. Long-term thiazide use and risk of low-energy fractures among persons with Alzheimer's disease-nested case-control study. Osteoporos Int, 2019 Apr 16. doi: 10.1007/s00198-019-04957-0. [Epub ahead of print]
leggi