Alzheimer, lemborexant promettente nel ridurre il disturbo del ritmo sonno-veglia

Un agente sperimentale pu˛ aiutare a regolare il sonno nei pazienti con malattia di Alzheimer (AD) che hanno un disturbo che interrompe i pattern del sonno. ╚ quanto suggeriscono i risultati di uno studio di fase 2 di piccole dimensioni, presentato a Los Angeles nel corso dell'Alzheimer's Association International Conference (AAIC) 2019.

Un agente sperimentale può aiutare a regolare il sonno nei pazienti con malattia di Alzheimer (AD) che hanno un disturbo che interrompe i pattern del sonno. È quanto suggeriscono i risultati di uno studio di fase 2 di piccole dimensioni, presentato a Los Angeles nel corso dell’Alzheimer's Association International Conference (AAIC) 2019.

I ricercatori hanno scoperto che lemborexant (sviluppato da Eisai), un antagonista duale del recettore dell'orexina, è stato utile nei pazienti con AD con disturbo del ritmo sonno-veglia irregolare (ISWRD), un disordine comune in questa popolazione di pazienti che non ha un trattamento efficace.

«Questo studio pilota fornisce prove preliminari del fatto che lemborexant può aiutare a migliorare i ritmi circadiani così da migliorare i pattern del sonno e può essere un trattamento promettente per i problemi del sonno nei soggetti con AD», ha dichiarato il primo ricercatore, Margaret Moline, direttore esecutivo dello sviluppo clinico del Gruppo Business Neurologico di Eisai.

Un disordine differente dall’insonnia
«L'ISWRD è un disturbo del sonno circadiano che è diverso dall'insonnia",» ha ricordato Moline all’AAIC «e influisce sull'intero ciclo sonno-veglia di 24 ore». Gli individui con questo disturbo tendono a fare numerosi ‘sonnellini’ in un periodo di 24 ore e non sono in grado di sostenere un sonno consolidato durante la notte.

Il disturbo è comune nei pazienti con AD «senza un adeguato trattamento farmacologico o non farmacologico» ha specificato Moline. Tuttavia, recenti prove implicano la disfunzione del sistema dell'orexina nell'ISWRD» ed è qui che entra in gioco lemborexant» ha affermato.

Lo studio di fase 2 ha incluso 62 adulti più anziani che soddisfacevano i criteri DSM-5 per ISWRD e AD da lieve a moderata (punteggio al Mini-Mental Score Examination: 10-26). I partecipanti sono stati assegnati in modo randomizzato a ricevere varie dosi di lemborexant (2,5 mg, 5 mg, 10 mg, 15 mg) o placebo per 4 settimane.

Efficacia valutata mediante attigrafia 
I partecipanti hanno indossato un'attigrafo (accelerometro in grado di registrare i movimenti effettuati da un individuo durante il sonno) per tenere traccia del loro sonno e dei loro momenti di veglia e questi dati sono stati integrati con un diario del sonno giornaliero completato dai caregiver.

Rispetto al placebo, il trattamento con 5 mg e 15 mg di lemborexant è stato associato a livelli di attività notturna significativamente più bassi e un’ampiezza relativa significativamente più elevata: ciò riflette la forza del segnale circadiano e la differenziazione tra i livelli di attività diurna e notturna, ha riferito Moline. «Nei pazienti con ISWRD l’ampiezza è ridotta» ha sottolineato.

Vi sono stati anche trend statistici verso una minore frammentazione del sonno e un maggiore tempo di sonno totale. Inoltre, non sono stati segnalati eventi avversi gravi. «Non abbiamo visto segnalazioni di alcuna caduta o stato di confusione e, soprattutto, non si è verificato un peggioramento significativo della funzione cognitiva» ha detto Moline.

I limiti dello studio includono la piccola dimensione del campione e la breve durata, ha osservato. Si tratta, nel complesso, di uno studio di fase 2 molto dettagliato con alcuni risultati promettenti. Il farmaco ha portato a un'alterazione positiva del ciclo sonno-veglia e i risultagli esiti informeranno un più ampio studio di fase 3 che sarà più definitivo.

Lemborexant è attualmente in fase di revisione alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense come trattamento per l'insonnia.


Alzheimer's Association International Conference (AAIC) 2019: Abstract P2-617. Los Angeles (USA). Presented July 15, 2019.