Neurologia e Psichiatria

Alzheimer, Otsuka e Lundbeck annunciano risultati positivi di fase III per il brexpiprazolo

Otsuka Pharmaceutical e Lundbeck hanno annunciato i risultati positivi degli studi clinici di Fase III sul brexpiprazolo come trattamento dell'agitazione nei pazienti con demenza di Alzheimer. Sulla base dei risultati, le aziende prevedono di presentare all'Fda una domanda supplementare di autorizzazione per un nuovo farmaco (sNDA).

Otsuka Pharmaceutical e Lundbeck hanno annunciato i risultati positivi degli studi clinici di Fase III sul brexpiprazolo come trattamento dell'agitazione nei pazienti con demenza di Alzheimer. Sulla base dei risultati, le aziende prevedono di presentare all’Fda una domanda supplementare di autorizzazione per un nuovo farmaco (sNDA).

Il brexpiprazolo è stato sviluppato congiuntamente dalle due aziende ed è approvato per diverse indicazioni sulla salute mentale. Il farmaco è stato originariamente approvato dalla Fda per il trattamento della schizofrenia e come terapia aggiuntiva per il disturbo depressivo maggiore negli adulti. All'inizio di quest'anno è stata approvata una sNDA per il brexpiprazolo come trattamento della schizofrenia in pazienti di età compresa tra 13 e 17 anni.

Nel 2018, Otsuka e Lundbeck hanno iniziato uno studio di Fase III di 12 settimane per studiare l'uso del farmaco nel ridurre l'agitazione nei pazienti affetti da Alzheimer, un sintomo difficile della malattia. L'agitazione è segnalata in circa il 45% dei pazienti affetti dalla malattia ed è associata a risultati scadenti per i caregiver. L'agitazione comprende un ampio spettro di comportamenti, tra cui il camminare, l'irrequietezza, le bestemmie, le grida e gli spintoni o i colpi.

La popolazione dello studio prevede di includere 330 persone di età compresa tra i 55 e i 90 anni con probabile malattia di Alzheimer. All'inizio del 2016, la FDA ha concesso la Fast Track Designation per il brexpiprazolo per il trattamento dell'agitazione nei pazienti con demenza di Alzheimer.

Sebbene i risultati completi dello studio non siano ancora disponibili, le aziende hanno annunciato che un'analisi ha dimostrato una differenza statisticamente significativa nei cambiamenti medi dal basale alla settimana 12 dello studio nella valutazione dell'agitazione, il che significa che i pazienti che assumono il farmaco hanno registrato una riduzione dell'agitazione. Le aziende hanno dichiarato che saranno condotte ulteriori analisi prespecificate ed esplorative dei dati per esaminare altre potenzialità che il farmaco potrebbe offrire ai pazienti affetti da Alzheimer.

Il farmaco è stato ben tollerato, e il mal di testa è stato l'evento avverso emergente dal trattamento che si è verificato con un'incidenza superiore al 5% nei pazienti. Otsuka e Lundbeck presenteranno alla FDA una sNDA basata sui risultati ottenuti e su quelli di due studi precedenti e prevedono di pubblicare i risultati in una rivista scientifica.

Il brexpiprazolo è una piccola molecola che modula l'attività della serotonina-dopamina in diversi recettori. È un agonista parziale dei recettori della serotonina 5-HT1A e della dopamina D2 e un antagonista dei recettori della serotonina 5-HT2A e della noradrenalina. Tutti e tre i sistemi neurotrasmettitoriali possono essere coinvolti nei sintomi comportamentali osservati nei pazienti con Alzheimer.

Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che l'agitazione dei pazienti sia causata dall'erosione e dalla distruzione delle vie serotoninergiche, con conseguente squilibrio dell'asse serotoninergico-dopaminergico. Altri hanno studiato l'uso di antidepressivi per ridurre l'agitazione nei pazienti con Alzheimer.

Il brexpiprazolo è anche in fase di studio per il trattamento del disturbo da stress post-traumatico (PTSD) da parte di Lundbeck e Otsuka per la riduzione dei sintomi di ri-esperienza e dell'irritabilità. È inoltre in fase di studio nell'autismo pediatrico per la riduzione dei sintomi di irritabilità. Inoltre, Avanir Pharmaceuticals, una consociata di Otsuka, sta studiando AVP-786 per la riduzione dell'agitazione nella demenza di Alzheimer, un altro tipo di terapia per questo sintomo.