Neurologia e Psichiatria

Chirurgia, fattore di accelerazione di sviluppo della malattia di Alzheimer in soggetti predisposti?

Un nuovo studio - pubblicato online sul "Journal of Alzheimer's Disease" - condotto da ricercatori del Marqués de Valdecilla-IDIVAL University Hospital, in collaborazione con colleghi dell'University of Bonn Medical Center, propone che la chirurgia maggiore sia un promotore o un acceleratore della malattia di Alzheimer (AD). 

Un nuovo studio - pubblicato online sul “Journal of Alzheimer's Disease” - condotto da ricercatori del Marqués de Valdecilla-IDIVAL University Hospital, in collaborazione con colleghi dell'University of Bonn Medical Center, propone che la chirurgia maggiore sia un promotore o un acceleratore della malattia di Alzheimer (AD).

L'AD è una delle maggiori sfide per la salute pubblica. Dal momento in cui le prime lesioni compaiono nel cervello alle manifestazioni cliniche, possono passare fino a 20 anni. Oggi possiamo rilevare la presenza di queste lesioni iniziali attraverso marcatori biochimici come la β-amiloide, che è una delle principali proteine accumulate nel cervello dei pazienti affetti da AD, ricordano gli autori, guidati da Carmen Lage, dell’IDIVAL University.

La frequenza dei depositi di β-amiloide nelle persone sane aumenta con l'età e, dopo i 65 anni, sarebbero presenti fino a un terzo della popolazione. Tuttavia, non è ben noto cosa determini il fatto che nei portatori di β-amiloide la malattia progredisca più o meno rapidamente verso la demenza o addirittura rimanga inattiva.

Deficit di memoria iniziati dopo la procedura
«Sebbene il fenomeno del deterioramento cognitivo dopo un intervento chirurgico sia noto da molto tempo, ci sono pochi studi che lo mettono in relazione con l'AD. In clinica, i parenti del paziente spesso riferiscono che i problemi di memoria sono iniziati dopo una procedura chirurgica o un ricovero in ospedale. Questo ha posto la seguente domanda: si tratta solo di un recall bias o l'intervento chirurgico ha innescato la comparsa dei sintomi in un cervello precedentemente colpito?» si chiedono Lage e colleghi.

Questa è la domanda che ha motivato il lavoro sviluppato dai ricercatori del Marqués de Valdecilla University Hospital-IDIVAL esplorando la relazione tra i livelli di β-amiloide del liquido cerebrospinale (CSF) e la chirurgia.

Esiti differenti a seconda dei livelli di β-amiloide nel liquor
I ricercatori hanno somministrato test cognitivi a individui sani di età superiore ai 65 anni prima di sottoporsi a chirurgia ortopedica, ottenuto campioni di CSF per determinare i livelli di β-amiloide durante l’anestesia, e poi somministrato nuovamente gli stessi test nove mesi dopo.

Il risultato principale è stato che metà della cognizione dei pazienti è peggiorata rispetto al loro stato prima dell'intervento chirurgico, e coloro che avevano alterati livelli di β-amiloide hanno mostrato un modello compatibile con l'inizio dell'AD, in cui predominavano i problemi di memoria.

«Prima dell'intervento chirurgico, i punteggi dei test di memoria dei soggetti con livelli anomali di β-amiloide erano indistinguibili da quelli di soggetti con livelli normali, eppure dopo l'intervento chirurgico, erano significativamente peggiori» sottolineano Lage e colleghi. «Questi risultati ci portano alla conclusione che la chirurgia maggiore può innescare diversi modelli di alterazioni cognitive, a seconda della presenza precedente o assenza di cambiamenti patologici dell'AD».

«Mentre i soggetti privi di patologia β-amiloide hanno mostrato un deterioramento che non influisce sulla memoria, probabilmente associato a fattori intrinseci all'intervento stesso, quelli con patologia β-amiloide hanno subito un deterioramento cognitivo che ha colpito prevalentemente la memoria e che è stato coerente con le prime manifestazioni cliniche di AD e quindi associato a maggiori probabilità di progressione alla demenza» commentano.

Potenziale modifica degli studi di valutazione pre-intervento
«Il progressivo invecchiamento delle nostre società e il miglioramento della tecnica chirurgica fanno sì che sempre più individui anziani e fragili siano sottoposti a un intervento chirurgico. La valutazione pre-chirurgica valuta sempre se la funzione cardiaca o respiratoria resisterà all'intervento chirurgico, tuttavia, le potenziali conseguenze dell'operazione per il cervello del paziente non sono solitamente determinate» aggiungono i ricercatori.

«I nostri risultati sosterrebbero che gli studi di valutazione pre-chirurgica includano test cognitivi e persino l'analisi dei biomarcatori di AD, specialmente una volta che questi diventano ampiamente disponibili nel plasma» concludono.

Lage C, González-Suárez A, Puerto Alcalde-Hierro M, et al. Major Surgery Affects Memory in Individuals with Cerebral Amyloid-β Pathology. J Alzheimers Dis. 2020 Dec 19. doi: 10.3233/JAD-191229. Epub ahead of print.
leggi


SEZIONE DOWNLOAD