Neurologia e Psichiatria

Comportamenti aggressivi associati a schizofrenia ridotti da patch transdermico di asenapina in fase 3

Si chiama HP-3070: č un sistema transdermico di asenapina che, in base ai risultati di uno studio di fase 3 pubblicati sul "Journal of Clinical Psychiatry", si č dimostrato superiore al placebo nel ridurre l'ostilitā associata alla schizofrenia. Questi effetti appaiono almeno parzialmente indipendenti dagli effetti antipsicotici generali o dagli effetti sulla sedazione o sull'acatisia.

Si chiama HP-3070: è un sistema transdermico di asenapina che, in base ai risultati di uno studio di fase 3 pubblicati sul “Journal of Clinical Psychiatry”, si è dimostrato superiore al placebo nel ridurre l'ostilità associata alla schizofrenia. Questi effetti appaiono almeno parzialmente indipendenti dagli effetti antipsicotici generali o dagli effetti sulla sedazione o sull'acatisia.

«È importante non presumere che gli antipsicotici diminuiscano l'ostilità facendo sentire le persone più sedate e che l'unico modo per trattare qualcuno ostile sia sedandolo» sottolineano i ricercatori, guidati da Leslie Citrome, professore clinico di psichiatria e scienze comportamentali al  New York Medical College, a Valhalla (New York). «I nostri risultati suggeriscono che l'asenapina transdermica ha uno specifico effetto anti-ostilità nei pazienti con schizofrenia» ha aggiunto.

Cinque domini sintomatologici indipendenti
«I pazienti con schizofrenia sono noti per esibire potenzialmente un comportamento aggressivo e ostile, specialmente durante la fase acuta della malattia, rendendo così critica una gestione efficace» scrivono gli autori. Citrome e colleghi affermano che la schizofrenia è una condizione complessa che consiste di cinque diversi domini sintomatologici. Questi includono sintomi positivi (allucinazioni, illusioni), negativi (demotivazione, apatia), di disorganizzazione (sintomi cognitivi), relativi a depressione/ansia e a eccitabilità/ostilità.

«Questi cinque domini sono più o meno indipendenti l'uno dall'altro, in termini di effetti del trattamento» osservano. Citrome e colleghi sono stati a lungo interessati all'attività degli antipsicotici e al loro impatto su questi vari sintomi – in particolare l'ostilità – e recentemente hanno pubblicato una review focalizzata sull'impatto di una serie di antipsicotici su questo dominio dei sintomi.

«Quello che colpisce in questo caso è che si tratta di un sistema transdermico, un cerotto» sottolineano Citrome e colleghi. «Nessuna delle sedazioni che normalmente sarebbero associate a un'asenapina sublinguale sarebbe presente qui».

Citrome e colleghi volevano indagare se il sistema transdermico avrebbe avuto un impatto sull'ostilità perché, in tal caso, «ciò avrebbe sostenuto l'idea che l'ostilità sia un obiettivo di trattamento indipendente nella schizofrenia». A tale scopo, Citrome e coautori hanno analizzato i dati dello studio registrativo HP-3070 di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di adulti con schizofrenia, i quali sono stati selezionati in modo casuale a ricevere HP-3070 7,6 mg/24h, HP-3070 3,8 mg/24h o placebo per 6 settimane.

Significativo miglioramento dei punteggi PANSS
Lo studio ha rilevato che le applicazioni una volta al giorno di HP-3070 hanno dimostrato un miglioramento significativo dei punteggi totali PANSS (Positive and Negative Syndrome Scale) dopo 2-3 settimane di trattamento, con miglioramenti sostenuti fino alla settimana 6. Il presente studio era un'analisi post hoc focalizzata specificamente su 442 pazienti con ostilità e agitazione (definite come punteggio dell'elemento di ostilità PANSS > 1).

Il risultato sono stati i cambiamenti minimi quadrati (LSM) nella voce di ostilità PANSS. Gli autori hanno anche analizzato il PANSS-Excited Component (PANSS-EC) dal basale alla settimana 6 in tutti i partecipanti allo studio. I risultati sono stati aggiustati per la presenza di sonnolenza o acatisia.

Le caratteristiche demografiche e basali della malattia sono state "bilanciate" tra i gruppi HP-3070-6,6 mg e HP-3070-3,8 mg (n = 151 e n = 147, rispettivamente) e il gruppo placebo (n = 144) nell'analisi intent-to-treat, con un'età media ( deviazione standard) compresa tra 41,5 e 42,3 (11,6-11,9) anni. Circa tre quarti dei partecipanti erano caucasici e la maggior parte dei partecipanti aveva una durata media di malattia compresa tra 15 e 16 anni dalla diagnosi.

Effetto indipendente rispetto alla condizione basale
Alla settimana 6, la variazione media LSM rispetto al basale (CFB) nel punteggio di ostilità PANSS era superiore in entrambi i gruppi di trattamento a 6 settimane rispetto al placebo.

Dosaggio HP-3070 CFB (IC 95%) Valore P
7,6 mg/24h -0,4 (da -0,6 a -0,2) < 0.001
3,8 mg/24h -0,3 (da -0,6 a -0,1) < 0.01

I risultati sono rimasti significativi, anche dopo che i ricercatori si sono adeguati per le covariate.
Per tutti i pazienti, indipendentemente dal punteggio basale dell'elemento di ostilità PANSS, la LSM rispetto a CFB di PANSS-EC è risultata maggiore in entrambi i gruppi di trattamento a 6 settimane  rispetto al placebo.

Dosaggio HP-3070 CFB (IC 95%) Valore P
7,6 mg/24h -1.1 (da -1,9 a -0,4) < 0.01
3,8 mg/24h -1.3 (da -2.0 a -0.6) < .001

I pazienti con un punteggio di ostilità PANSS > 1 al basale in entrambi i gruppi di trattamento hanno anche mostrato un miglioramento significativo del punteggio PANSS-EC rispetto al placebo, a partire dalla settimana 2 e continuando fino alla settimana 6.

«Questi effetti del trattamento con HP-3070 sul punteggio dell'elemento di ostilità PANSS sono rimasti, anche dopo l'aggiustamento per variabili confondenti, suggerendo che l'effetto di HP-3070 sulla riduzione dei sintomi di ostilità può essere almeno parzialmente indipendente dagli effetti antipsicotici generali su allucinazioni o illusioni o dalla presenza o assenza di effetti avversi indotti da farmaci rilevanti, come sedazione o acatisia» commentano gli autori.

I ricercatori fanno infine notare che una limitazione dello studio è che è stato condotto post hoc. Inoltre, il punteggio medio di ostilità PANSS al basale era "basso", anche tra quelli con un punteggio > 1, «il che si traduce in un livello di gravità da minimo a lieve», che «limita la generalizzabilità» dell'analisi.

Bibliografia:
Citrome L, Komaroff M, Starling B, et al. Efficacy of HP-3070, an Asenapine Transdermal System, on Symptoms of Hostility in Adults With Schizophrenia: A Post Hoc Analysis of a 6-Week Phase 3 Study. J Clin Psychiatry. 2022;83(4):21m14355. doi: 10.4088/JCP.21m14355. Link