Conferme di sicurezza per ocrelizumab nella sclerosi multipla da studi in corso, estensioni e fase 4. #ACTRIMS2020

Neurologia

Conferme di sicurezza per ocrelizumab (OCR), impiegato nel trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante remittente e nella SM primariamente progressiva, giungono da West Palm Beach dove, nel corso del meeting annuale dell'Americas Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis Forum 2020 (ACTRIMS 2020), è stato presentato un aggiornamento delle evidenze di safety emerse dagli studi clinici in corso e sulla base dei dati di fase 4 (post-marketing).

Conferme di sicurezza per ocrelizumab (OCR), impiegato nel trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante remittente e nella SM primariamente progressiva, giungono da West Palm Beach dove, nel corso del meeting annuale dell'Americas Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis Forum 2020 (ACTRIMS 2020), è stato presentato un aggiornamento delle evidenze di safety emerse dagli studi clinici in corso e sulla base dei dati di fase 4 (post-marketing).

«La valutazione continua della sicurezza delle terapie modificanti la malattia (DMT) impiegate nella SM è fondamentale per comprendere i loro profili di rischio-beneficio a lungo termine» ha detto il ricercatore principale, Stephen L. Hauser, professore al Dipartimento di Neurologia presso l’Università della California, a San Francisco (UCSF), specializzato in meccanismi del sistema immunitario e SM.

«La sicurezza e l'efficacia di OCR, anticorpo monoclonale umanizzato che colpisce le cellule B CD20+, sono state caratterizzate in uno studio di fase 2 nella SM recidivante-remittente (NCT00676715), in due identici trial di fase 3 nella SM recidivante (OPERA I e OPERA II) e nello studio di fase 3 sulla SM primariamente progressiva denominato ORATORIO» ha ricordato Hauser.

Obiettivo di questo studio, ha spiegato il neurologo, è stato quello di riferire le valutazioni di sicurezza in corso ricavate dai trial clinici e dei periodi di estensione in aperto (OLE) aggiornate al gennaio 2019 e di riportare dati selezionati di sicurezza post-marketing.

Quali metodi sono stati utilizzati?
A tale scopo, Hauser e collaboratori hanno ripreso gli esiti di sicurezza per tutti i pazienti che hanno ricevuto OCR durante il trattamento controllato e nei periodi associati OLE degli studi clinici di fase II e di fase III, oltre agli studi di fase IIIb in corso (VELOCE, CHORDS/CASTING, OBOE, ENSEMBLE) e ai sottostudi associati (intera popolazione esposta a OCR).

Il numero di pazienti post-marketing esposti a OCR si è basato sul numero totale stimato di fiale vendute così come sui dati relativi alle prescrizioni negli Stati Uniti. Per tenere conto delle diverse durate di esposizione, è stato presentato il tasso di incidenza per 100 pazienti-anno (PY). Gli eventi avversi sono stati classificati in base al Medical Dictionary for Regulatory Activities.

Questi i risultati ottenuti
A partire da gennaio 2019, 4.611 pazienti con SM hanno ricevuto OCR in trial clinici, risultati in 14.329 PY di esposizione.

I tassi riportati per 100 PY in tutta la popolazione esposta a OCR ( intervallo di confidenza al 95%) erano le seguenti: eventi avversi 252 (249–254); eventi avversi gravi 7,33 (6,89-7,79); infezioni 76,7 (75,3-78,2); infezioni gravi 1,99 (1,77–2,23); tumori maligni 0,46 (0,35-0,58); eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento 1,08 (0,92-1,27).
A partire da agosto 2019, circa 114.000 pazienti con SM avevano iniziato il trattamento OCR a livello globale nel contesto del post-marketing.

Quali conclusioni traggono gli autori?
«I tassi riportati di eventi avversi segnalati per 100 PY nell’intera popolazione della sperimentazione clinica con esposizione a OCR e nel setting post-marketing continuano a essere generalmente coerenti con quelle osservate durante il periodo di trattamento controllato nelle popolazioni con SM recidivante-remittente e con SM primariamente progressiva» ha dichiarato Hauser.

«Anche i tassi di infezioni gravi e tumori maligni nei pazienti trattati con OCR rimangono all'interno dell'intervallo riportato per i pazienti con SM nei registri del mondo reale» ha aggiunto.

Infine, ha annunciato lo specialista, «i dati sulla sicurezza a lungo termine continueranno a essere comunicati su base regolare».


Hauser SL et al. Safety of Ocrelizumab in Multiple Sclerosis: Updated Analysis in Patients With Relapsing and Primary Progressive Multiple Sclerosis, 5th annual Americas Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ACTRIMS) Forum 2020. Abstract P036.
leggi