Neurologia e Psichiatria

COVID, deterioramento cognitivo post-ricovero persistente per almeno 18 mesi, quadro simile ad altre gravi malattie

Dopo una grave infezione da SARS-CoV-2, la cognizione Ŕ rimasta compromessa per almeno un anno e mezzo ma i problemi cognitivi complessivi erano simili a quelli osservati nei pazienti ricoverati in ospedale per altre malattie gravi, secondo uno studio prospettico i cui risultati sono stati pubblicati online su "JAMA Network Open".

Dopo una grave infezione da SARS-CoV-2, la cognizione è rimasta compromessa per almeno un anno e mezzo ma i problemi cognitivi complessivi erano simili a quelli osservati nei pazienti ricoverati in ospedale per altre malattie gravi, secondo uno studio prospettico i cui risultati sono stati pubblicati online su “JAMA Network Open”.

Valutazione basata sui punteggi SCIP e MoCA
Rispetto ai controlli sani, le persone ricoverate in ospedale per COVID-19 avevano una cognizione generale a lungo termine significativamente peggiore, misurata mediante Screen for Cognitive Impairment in Psychiatry (SCIP) e Montreal Cognitive Assessment (MoCA), secondo gli autori, guidati da Michael Eriksen Benros, dell'Ospedale Universitario di Copenhagen (Danimarca). Ma rispetto alle persone ricoverate in ospedale per altre malattie gravi - polmonite, infarto del miocardio o altre condizioni richiedenti terapia intensiva - i punteggi SCIP (P = 0,12) e MoCA (P = 0,07) al follow-up di 18 mesi erano simili, riferiscono i ricercatori.

I pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 si sono comportati come altri pazienti gravemente malati nella maggior parte degli altri test psichiatrici e neurologici a lungo termine, tranne per il fatto che avevano punteggi di funzione esecutiva peggiori. I legami a lungo termine tra COVID e cognizione potrebbero non essere specifici per SARS-CoV-2, ma associati maggiormente alla gravità generale della malattia e all'ospedalizzazione, osservano Benros e colleghi.

«Il nostro studio mostra che gli individui con COVID-19 che hanno richiesto il ricovero in ospedale sono stati più colpiti sulla salute del loro cervello per quanto riguarda i sintomi neurologici, cognitivi e psichiatrici rispetto ai controlli sani abbinati» sottolineano. «Tuttavia, confrontando i pazienti COVID-19 con i pazienti non COVID-19 abbinati per gravità simile di malattia - a causa, per esempio, di altre infezioni non COVID - entrambi i gruppi sono stati colpiti in modo comparabile».

Ricerche precedenti hanno mostrato che il 10,7% dei pazienti ospedalizzati in Brasile, dimessi dopo una grave infezione da SARS-CoV-2, aveva un deterioramento a lungo termine che è persistito per 1 anno. E tra i sopravvissuti al COVID-19 dimessi dagli ospedali di Wuhan all'inizio del 2020, l'incidenza di deterioramento cognitivo a 12 mesi di distanza era del 12,45%.

Ma altre ricerche hanno suggerito che la disfunzione neurocognitiva a lungo termine potesse essere più pervasiva, con uno studio che uno studio che dimostra come quasi la metà delle persone ricoverate in ospedale per COVID potesse avere almeno un dominio cognitivo colpito. «Sono del tutto carenti studi clinici con follow-up a lungo termine che confrontano le sequele dopo COVID-19 con le sequele dopo altre gravi condizioni mediche» osservano Benros e colleghi.

Studiati 120 pazienti in due ospedali a Copenhagen
I ricercatori hanno arruolato 120 pazienti COVID ricoverati in ospedale in due ospedali di Copenhagen da marzo 2020 a marzo 2021, abbinandoli a 100 controlli sani e 125 controlli ospedalizzati. I controlli ospedalizzati erano stati ricoverati per polmonite non COVID (50 persone), infarto del miocardio (50 persone) o terapia intensiva non COVID (25 persone). Le persone con deterioramento cognitivo preesistente sono state escluse dallo studio.

I pazienti COVID ricoverati in ospedale avevano in media circa 61 anni e il 58% erano uomini. I partecipanti sono stati invitati per una valutazione di follow-up di persona in media 19,4 mesi dopo la dimissione dall'ospedale e hanno avuto interviste strutturate faccia a faccia con due medici qualificati.

L'esito primario era la cognizione generale basata sui punteggi SCIP e MoCA. I punteggi SCIP partono da 0 e non hanno un limite massimo; i punteggi più bassi indicano una maggiore compromissione. I punteggi MoCA vanno da 0 a 30; i punteggi inferiori a 26 sono considerati anormali e indicano un deterioramento cognitivo. Gli esiti secondari includevano la funzione esecutiva, l'ansia, i sintomi depressivi e i deficit neurologici.

Al follow-up di 18 mesi, i punteggi SCIP medi erano 68,8 per i controlli sani, 59,0 per i pazienti COVID ospedalizzati e 61,6 per i controlli ospedalizzati. I punteggi medi MoCA erano 28,2 per i controlli sani, 26,5 per i pazienti COVID ospedalizzati e 27,2 per i controlli ospedalizzati.

I punteggi degli esiti secondari erano peggiori per i pazienti COVID ospedalizzati rispetto ai controlli sani, ma generalmente erano simili tra i pazienti COVID ospedalizzati e i controlli ospedalizzati. Tuttavia, nel Trail Making Test Part B per valutare la funzione esecutiva, i pazienti COVID hanno avuto punteggi peggiori rispetto ai controlli ospedalizzati, mostrando una differenza media relativa del 15% (P=0,04).

«Precedenti studi sulla funzione cognitiva in pazienti con COVID-19 hanno mostrato un deterioramento cognitivo persistente tra il 12% e il 50% degli individui 1 anno dopo l'infezione» osservano Benros e coautori. «Abbiamo scoperto che il 38% dei pazienti con COVID-19 aveva punteggi MoCA inferiori a 26 al follow-up di 18 mesi e ha ottenuto risultati peggiori in tutti i test cognitivi rispetto alla popolazione sana, in linea con ricerche precedenti».

Tra i limiti della ricerca, il periodo di studio ha riguardato diversi ceppi di SARS-CoV-2 con virulenza e potenziale di effetti a lungo termine variabili, riconoscono Benros e colleghi. Altre limitazioni dello studio includono: l'uso dello SCIP, che ha una batteria di test cognitivi relativamente piccola e la mancata disponibilità dei punteggi cognitivi pre-pandemia.

Fonte:
Peinkhofer C, Zarifkar P, Christensen RHB, et al. Brain Health After COVID-19, Pneumonia, Myocardial Infarction, or Critical Illness. JAMA Netw Open. 2023;6(12):e2349659. doi: 10.1001/jamanetworkopen.2023.49659. leggi