Crisi focali resistenti, l'aggiunta di lacosamide determina una riduzione del carico di AED concomitanti

Pubblicati su "Epilepsia Open", i  risultati di uno studio osservazionale condotto in Austria e Germania in un contesto di pratica clinica indicano che l'aggiunta di lacosamide ad altri farmaci antiepilettici (AED) concomitanti nei pazienti con crisi focali potrebbe consentire ai medici di sospendere o ridurre la dose di AED meno ben tollerati o meno efficaci.

Pubblicati su “Epilepsia Open”, i  risultati di uno studio osservazionale condotto in Austria e Germania in un contesto di pratica clinica indicano che l'aggiunta di lacosamide ad altri farmaci antiepilettici (AED) concomitanti nei pazienti con crisi focali potrebbe consentire ai medici di sospendere o ridurre la dose di AED meno ben tollerati o meno efficaci.

«Mentre la maggior parte dei pazienti con epilessia ottiene la libertà dalle convulsioni con un singolo AED, un paziente con epilessia focale resistente ai farmaci richiede generalmente un trattamento con più di un AED» ricordano gli autori, coordinati da Stephan Arnold, del Dipartimento di Neurologia della Schön Klinik di Vogtareuth (Germania).

I quesiti aperti della politerapia medica antiepilettica
«Negli studi clinici condotti fino ad oggi» proseguono «il vantaggio della monoterapia rispetto alla politerapia in termini di tollerabilità non sembra essere completamente chiarito e può dipendere dal numero, dalla dose e dal tipo di AED concomitante».

«Gli studi che hanno esaminato gli effetti della riduzione degli AED concomitanti o del confronto della monoterapia con AED con la politerapia hanno prodotto risultati contrastanti. La mancanza di consenso in merito agli effetti della politerapia AED è ulteriormente complicata dal fatto che la maggior parte degli studi comparativi sulla monoterapia e la politerapia si sono concentrati sul numero di AED nel regime terapeutico senza considerare le dosi di ciascun farmaco» spiegano Arnold e colleghi.

Una revisione sistematica della letteratura ha suggerito che la tossicità dell’AED può essere correlata al carico complessivo dei farmaci AED nei pazienti sottoposti a politerapia piuttosto che al numero di AED concomitanti, aggiungono i ricercatori.

La scelta obbligata di uno studio osservazionale non interventistico
«Il carico del farmaco può essere quantificato utilizzando il rapporto tra la dose effettiva prescritta e la dose giornaliera definita (DDD) dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)» ricordano. «Gli effetti del carico di farmaco non possono essere misurati accuratamente in studi controllati randomizzati a causa di programmi di titolazione fissi e dosi di mantenimento e perché gli AED e le dosi concomitanti devono rimanere stabili».

Pertanto, specificano gli autori, la misurazione del carico del farmaco è possibile solo in studi non interventistici in cui gli adattamenti della dose del farmaco in esame nonché gli AED concomitanti sono completamente flessibili.

Riguardo a lacosamide - spiegano - è un aminoacido funzionalizzato che migliora selettivamente l’inattivazione lenta dei canali del sodio a tensione controllata, senza alcun effetto sulla inattivazione rapida. Attualmente è approvato per il trattamento delle crisi focali (a insorgenza parziale) con o senza generalizzazione secondaria nell’Unione Europea e negli Stati Uniti per pazienti di età pari o superiore a 4 anni.

«Questo studio osservazionale ha esplorato i cambiamenti nel carico di farmaci e nella frequenza delle crisi epilettiche quando i pazienti hanno aggiunto lacosamide ai regimi di trattamento dell'epilessia con e senza AED bloccanti i canali del sodio (SCB) nella pratica clinica tedesca e austriaca» affermano Arnold e colleghi.

Buona efficacia e tollerabilità del farmaco in add-on
Lo studio SP1065, osservazionale non interventistico, prospettico, è stato condotto in un contesto di pratica clinica. Tutti i pazienti arruolati (di età pari o superiore ai 18 anni) dovevano aver avuto almeno un attacco focale nei tre mesi precedenti l'inizio della terapia con lacosamide in add-on e non dovevano avere ricevuto la lacosamide per più di 7 giorni prima dell'ingresso nello studio.

Il periodo di osservazione è stato di circa sei mesi. Sono stati definiti sottogruppi per i pazienti con almeno un AED con concomitante blocco dei canali del sodio (SCB [+]) o senza (SCB [-]). In totale, sono stati valutati 311 pazienti per la sicurezza, 302 per la misurazione della dose da carico del farmaco e 240 per l'efficacia.

L'endpoint primario era la variazione percentuale nel rapporto tra la dose effettiva prescritta e la DDD dell'OMS per il carico di farmaci AED concomitanti dal basale alla fine del periodo di osservazione. Il rapporto tra la dose di AED e DDD è risultato diminuito per gli AED concomitanti (-9,6%) e aumentato per tutti gli AED (compresa la lacosamide; 15,5%).

La riduzione mediana della frequenza delle crisi focali per 28 giorni è stata del 100%. Il 70,4% e il 61,7% dei pazienti ha avuto, rispettivamente, una riduzione =/> 50% o =/> 75% della frequenza delle crisi. Il 50,8% è diventato libero da crisi. Nel sottogruppo SCB (+) (n = 149), il rapporto tra dose di AED e DDD è diminuito per gli AED concomitanti (-15,0%) e aumentato per tutti gli AED (10,7%).

Nel sottogruppo SCB (-) (n = 153), il rapporto tra dose di AED e DDD è diminuito per gli AED concomitanti (-4,4%) e aumentato per tutti gli AED (20,2%). Cinquantasette pazienti (18,3%) hanno riportato reazioni avverse al farmaco (ADR), più comunemente a dosi > 400 mg/die (7,1%). Diciassette pazienti (5,5%) hanno avuto ADR che hanno portato alla sospensione del farmaco.

Le conclusioni degli autori, in sintesi
«In conclusione» scrivono gli autori «mentre l'aggiunta di lacosamide a un regime di trattamento di AED esistente ha aumentato il carico complessivo di farmaco, parte di questo aumento è stato compensato da una riduzione del carico concomitante di AED, indipendentemente dal fatto che il regime di trattamento consistesse di AED SCB (+) o SCB (-)».

«L'aggiunta di lacosamide ha prodotto una buona efficacia e tollerabilità» aggiungono. «I risultati di questo studio indicano che l'aggiunta di lacosamide nei pazienti con crisi focali potrebbe consentire ai medici di ridurre il carico concomitante di farmaci AED sospendendo o riducendo le dosi di AED meno ben tollerati o meno efficaci».

Arturo Zenorini

Riferimento bibliografico:
Reinhardt F, Weber YG, Mayer T, et al. Changes in drug load during lacosamide combination therapy: A noninterventional, observational study in German and Austrian clinical practice. Epilepsia Open, 2019 Jun 22;4(3):409-419. doi: 10.1002/epi4.12346.
leggi