Neurologia e Psichiatria

Disturbo depressivo maggiore: conferme in fase III per zuranolone, farmaco di ricerca Biogen

Biogen e Sage Therapeutics hanno reso noto che lo studio di fase III CORAL che indaga il farmaco sperimentale zuranolone nel disturbo depressivo maggiore (MDD) ha soddisfatto i suoi endpoint primari e secondari chiave, dimostrando una "riduzione rapida e statisticamente significativa" dei sintomi depressivi al terzo giorno e nel periodo di trattamento di due settimane. "Rimaniamo sulla buona strada per iniziare la presentazione di una domanda di nuovo farmaco nel MDD all'inizio di quest'anno con il completamento previsto per la seconda metą del 2022", ha osservato il CEO di Sage Barry Greene.

Biogen e Sage Therapeutics hanno reso noto che lo studio di fase III CORAL che indaga il farmaco sperimentale zuranolone nel disturbo depressivo maggiore (MDD) ha soddisfatto i suoi endpoint primari e secondari chiave, dimostrando una "riduzione rapida e statisticamente significativa" dei sintomi depressivi al terzo giorno e nel periodo di trattamento di due settimane. "Rimaniamo sulla buona strada per iniziare la presentazione di una domanda di nuovo farmaco nel MDD all'inizio di quest'anno con il completamento previsto per la seconda metà del 2022", ha osservato il CEO di Sage Barry Greene.

Zuranolone è un farmaco da assumere una volta al giorno per due settimane costituito da uno steroide neuroattivo orale (NAS) modulatore allosterico positivo (PAM) del recettore GABA-A. Il sistema GABA è la principale via di segnalazione inibitoria del cervello e del sistema nervoso centrale e contribuisce in modo significativo alla regolazione della funzione cerebrale.

È una molecola progettata per fornire potenzialmente un'opzione di trattamento sostenibile ad azione rapida e potrebbe rappresentare una svolta nell'attuale gestione della depressione, un disturbo comune, ma grave, di salute mentale.

Lo studio CORAL
CORAL ha reclutato 440 adulti con MDD i cui punteggi medi al basale sulla Hamilton Rating Scale for Depression (HAMD-17) a 17 voci variavano da 2,.6 a 26,8. I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere una terapia antidepressiva standard-of-care in aperto, coiniziata con zuranolone o placebo, una volta per notte per due settimane. L'endpoint primario dello studio è stato modificato l'anno scorso per valutare HAMD-17 al terzo giorno piuttosto che al 15.

Per l'obiettivo principale, i risultati hanno mostrato che zuranolone ha portato ad un cambiamento del punteggio totale di -8,9 dal basale, rispetto a -7 per il braccio placebo. Zuranolone ha anche raggiunto l'endpoint secondario chiave dello studio, dimostrando un miglioramento significativo dei sintomi depressivi durante le due settimane di trattamento. I pazienti hanno visto un cambiamento medio di -11,7 punti sulla scala HAMD-17 in quel periodo, rispetto a -10,1 nel gruppo placebo. Tuttavia, il farmaco ha dimostrato solo "superiorità numerica" dal giorno 15, e ha mostrato "equivalenza" al giorno 42.

L'anno scorso, Biogen e Sage hanno riportato i risultati dello studio WATERFALL di fase III, mostrando che mentre zuranolone aveva raggiunto l'endpoint primario del cambiamento del punteggio HAMD-17 dopo due settimane di trattamento, c'erano dubbi circa l'estensione e la durata dell'effetto, così come i problemi di sicurezza.

Risposta nei pazienti ad alta ansia
Lo studio CORAL ha anche esaminato l'effetto su un sottoinsieme di pazienti MDD con livelli più elevati di ansia, che rappresentavano circa la metà dei partecipanti. Utilizzando la stessa misura endpoint primario, Biogen e Sage ha detto zuranolone era "nominalmente statisticamente significativo" a ridurre i sintomi depressivi, risultando in un cambiamento medio dal basale di -9.3 sulla scala HAMD-17 entro il terzo giorno, rispetto a un cambiamento di -6.0 per il gruppo placebo. I cambiamenti visti dopo due settimane erano -11.7 e -9.4, rispettivamente. Secondo le aziende, i dati suggeriscono "il potenziale per affrontare il bisogno insoddisfatto di questa popolazione, che è stata storicamente meno reattiva ai [antidepressivi] somministrati cronicamente".

Per quanto riguarda la sicurezza, le aziende hanno detto che la maggior parte dei soggetti CORAL ha sperimentato eventi avversi emergenti dal trattamento (TEAEs) che erano di lieve o moderata gravità. I tassi di interruzione a causa di TEAE sono stati del 6,6% per lo zuranolone e del 3,7% per il braccio placebo. Gli AE più comuni nel gruppo zuranolone erano sonnolenza, che ha colpito il 18,4% dei pazienti, così come vertigini e mal di testa. I produttori di farmaci hanno notato che non c'è stata alcuna prova di un aumento dell'ideazione o del comportamento suicida tra coloro che hanno preso il farmaco.

Zuranolone, un modulatore allosterico positivo di nuova generazione del recettore GABAA, è attualmente in fase avanzata di sviluppo per MDD e depressione post-partum (PPD) come parte dei programmi clinici LANDSCAPE e NEST. Biogen ha pagato 875 milioni di dollari in anticipo nel 2020 per co-sviluppare il farmaco con Sage per entrambe le condizioni, così come un altro composto per il tremore essenziale. La partnership potrebbe alla fine valere altri 1,6 miliardi di dollari per Sage, in cui Biogen ha anche preso una partecipazione di 650 milioni di dollari.

L'anno scorso, i partner hanno annunciato piani per iniziare una presentazione a rotazione alla FDA cercando l'approvazione di zuranolone per MDD nella seconda metà del 2022, con un altro deposito in PPD previsto per la prima metà del 2023.