Neurologia e Psichiatria

Disturbo post traumatico da stress, forti miglioramenti aggiungendo l'MDMA alla psicoterapia

L'aggiunta di 3,4-metilenediossimetanfetamina (MDMA) alla psicoterapia integrativa pu˛ migliorare significativamente i sintomi e il benessere per i pazienti con grave disturbo post traumatico á(PTSD), compresi quelli con il sottotipo dissociativo. Lo suggerisce una nuova ricerca i cui risultati sono stati esposti all' European Psychiatric Association (EPA) 2021 Congress.

L'aggiunta di 3,4-metilenediossimetanfetamina (MDMA) alla psicoterapia integrativa può migliorare significativamente i sintomi e il benessere per i pazienti con grave disturbo post traumatico  (PTSD), compresi quelli con il sottotipo dissociativo. Lo suggerisce una nuova ricerca i cui risultati sono stati esposti all’ European Psychiatric Association (EPA) 2021 Congress.

MAPP1 è il primo studio controllato randomizzato di fase 3 della terapia assistita da MDMA in questa popolazione. I partecipanti che hanno ricevuto il trattamento attivo hanno mostrato un maggiore miglioramento dei sintomi del PTSD, dell'umore e dell'empatia rispetto ai partecipanti che hanno ricevuto placebo.

L'MDMA è stata «estremamente efficace, in particolare per una sottopopolazione che normalmente non risponde bene al trattamento convenzionale», ha detto il co-ricercatore dello studio Bessel van der Kolk, professor di Psichiatria alla Boston University School of Medicine.

Approvato dalla FDA lo studio MAPP1
Negli ultimi anni, c'è stato un grande interesse per il potenziale dell'MDMA per il trattamento del PTSD, in particolare perché i tassi di fallimento con la maggior parte dei trattamenti disponibili basati sull'evidenza sono stati relativamente elevati.

Nel 2017, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti aveva approvato il disegno dello studio MAPP1 di Kolk e colleghi dopo aver concesso la designazione breakthrough all’MDMA.

I ricercatori del MAPP1 hanno valutato 90 pazienti affetti da PTSD (età media, 41 anni; 77% caucasici; 66% donne) provenienti da 50 centri. Per la maggior parte dei pazienti (84%), la storia del trauma è stata dello sviluppo. «In altre parole, il trauma si è verificato molto presto nella vita, di solito per mano dei propri stessi caregiver» ha osservato Kolk.

Inoltre, il 18% dei pazienti erano veterani e il 12% aveva avuto un'esposizione al combattimento. La durata media del PTSD prima dell'arruolamento era di 18 anni. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a screening e tre sessioni preparatorie di psicoterapia al momento dell'iscrizione.

Ai partecipanti sono stati randomizzati a ricevere MDMA 80 mg o 120 mg (n = 46) o placebo (n = 44) seguiti da tre sessioni di psicoterapia integrativa della durata totale di 8 ore. Una dose supplementare di 40 o 60 mg di MDMA poteva essere somministrata da 1,5 a 2 ore dopo la prima dose.

I pazienti sono rimasti in laboratorio la sera della sessione di trattamento e hanno partecipato a un debriefing la mattina successiva. La sessione è stata ripetuta un mese dopo e di nuovo il mese successivo. Nel mezzo, i pazienti avevano contatti telefonici con i valutatori, che erano in cieco rispetto al trattamento ricevuto.

Le valutazioni di follow-up sono state condotte 2 mesi dopo la terza sessione di trattamento e di nuovo a 12 mesi. La misura principale del risultato è stata la modifica del punteggio PTSD somministrato dal clinico per il punteggio DSM 5 (CAPS-5) rispetto al basale.

Rilevato un miglioramento fortemente significativo
I risultati hanno mostrato che sia i gruppo MDMA che i placebo hanno sperimentato un miglioramento statisticamente significativo dei sintomi del PTSD, «ma l'MDMA ha avuto un miglioramento drammaticamente significativo, con una dimensione dell'effetto superiore a 0,9» ha detto Kolk.

Il gruppo MDMA ha anche riportato migliori umore e benessere, una maggiore reattività agli stimoli emotivi e sensoriali, un maggiore senso di vicinanza ad altre persone e una maggiore sensazione di empatia.

I pazienti hanno anche riferito di aver aumentato il senso di apertura, «e chiaramente il problema dell'empatia per se stessi e per gli altri è stata una parte molto ampia del processo» ha detto Kolk.

«Ma a mio avviso, la parte più interessante dello studio è che la Adverse Childhood Experiences scale non ha avuto alcun effetto» ha osservato. In altre parole, «la quantità di esperienze avverse infantili non ha predetto gli esiti, il che è stato molto sorprendente perché di solito quei pazienti sono molto resistenti al trattamento».

Kolk ha aggiunto che il sottotipo dissociativo di PTSD è stato descritto per la prima volta nel DSM-5 e che i pazienti «notoriamente non rispondono alla maggior parte dei trattamenti non convenzionali».

Nello studio attuale, 13 pazienti hanno soddisfatto i criteri per il sottotipo e gli investigatori hanno scoperto che «hanno risposto meglio delle persone con PTSD classico» ha detto Kolk, aggiungendo che questa è una «scoperta molto, molto importante».

Pochissimi effetti collaterali avversi
In un'analisi raggruppata dei dati di fase 2, l'82% dei pazienti ha riportato un miglioramento significativo entro la fine del trattamento; il 56% ha dichiarato di non avere più PTSD.
Inoltre, il 67% dei pazienti non ha più soddisfatto i criteri diagnostici per la PTSD. Questi includevano pazienti che avevano attraversato il trattamento attivo del gruppo placebo.

Undici pazienti (12%) hanno esperito una ricaduta entro 12 mesi; in nove di questi casi, ciò è stato dovuto alla presenza di fattori di stress aggiuntivi. Nel complesso, ci sono stati «pochissimi effetti collaterali avversi», ha osservato Kolk. Inoltre, «non ci sono stati davvero gravi effetti collaterali mentali», nonostante i pazienti «abbiano aperto così tanto materiale molto doloroso», ha aggiunto.

Gli eventi avversi più comuni nel gruppo MDMA sono stati la tensione muscolare (63%), la diminuzione dell'appetito (52%), la nausea (30%), l'iperidrosi (20%) e la sensazione di freddo (20%). Questi effetti erano «piuttosto piccoli e rappresentano il tipo di effetti collaterali che ci si aspettano in risposta a una sostanza anfetaminica come l’MDMA» ha detto Kolk.

«Un motivo importante per cui pensiamo che il profilo dell'effetto collaterale sia così mite è perché lo studio è stato eseguito e controllato con estrema attenzione» ha aggiunto. «C'è stato un grande sostegno, e abbiamo prestato un'enorme attenzione alla creazione di un contesto molto sicuro in cui questo farmaco veniva utilizzato».

European Psychiatric Association (EPA) 2021 Congress: Abstracts O206 e O209.


SEZIONE DOWNLOAD