Emicrania, efficace in fase 3 rimegepant anti-CGRP in compresse per os solubili. #AAN2019

Nelle fasi acute dell'emicrania, una formulazione per via orale in compresse solubili di rimegepant ha effetti significativi sul sollievo dal dolore e sull'abilitÓ funzionale a 60 minuti dopo l'assunzione della dose. Lo dimostrano i risultati di uno studio di fase 3 presentati all'incontro annuale dell'American Academy of Neurology (AAN 2019).

Nelle fasi acute dell’emicrania, una formulazione per via orale in compresse solubili di rimegepant ha effetti significativi sul sollievo dal dolore e sull'abilità funzionale a 60 minuti dopo l’assunzione della dose. Lo dimostrano i risultati di uno studio di fase 3 presentati all'incontro annuale dell'American Academy of Neurology (AAN 2019).

L'efficacia del trattamento è sostenuta per 2-48 ore, hanno inoltre riferito i ricercatori. Rimegepant è una piccola molecola antagonista del recettore del peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP).

Il presente studio ha valutato una nuova formulazione in compresse disciolte per via orale destinate a velocizzare l'insorgenza dell’effetto del farmaco. Il tempo di picco della compressa è di 1,50 ore, rispetto alle 1,99 ore della compressa orale.

Una formulazione preferita dai pazienti per la sua praticità
«Le persone affette da emicrania preferiscono compresse che si dissolvono oralmente rispetto a compresse orali, principalmente per la loro comodità, insorgenza di azione e capacità di essere assunte senza bere liquidi», ha detto il primo autore Richard B. Lipton, dell’Albert Einstein College of Medicine di New York.

Per valutare l'efficacia e la sicurezza della formulazione, i ricercatori hanno condotto uno studio multicentrico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. I partecipanti avevano almeno 18 anni e soffrivano di emicrania da almeno 1 anno. Avevano dai 2 agli 8 attacchi di emicrania moderati o gravi e meno di 15 giorni di emicrania al mese durante i 3 mesi precedenti allo studio.

Le loro dosi preventive di farmaci per l'emicrania, se del caso, erano rimaste stabili per almeno 3 mesi. Gli endpoint co-primari di efficacia erano la libertà del dolore 2 ore dopo la dose e la liberazione dal sintomo più fastidioso 2 ore dopo la dose.

Le analisi di efficacia hanno incluso soggetti randomizzati che hanno avuto un attacco di emicrania qualificante, hanno preso il farmaco in studio e hanno fornito almeno un punto di dati di efficacia post-baseline.

I ricercatori hanno incluso 1.351 pazienti nella loro analisi di efficacia: 669 hanno ricevuto rimegepant e 682 placebo. Circa l'85% erano donne e l'età media dei pazienti era 40,2 anni.

I pazienti hanno mediamente avuto 4,6 attacchi di emicrania al mese e i loro sintomi più fastidiosi sono stati la fotofobia (57%), la nausea (23,5%) e la fonofobia (19,3%). Circa il 14% ha utilizzato un trattamento preventivo.

Entro 45 giorni dalla randomizzazione, i pazienti hanno trattato un attacco emicranico di intensità da moderata a grave e completato un diario elettronico prima di 48 ore dopo la somministrazione.

Diminuito il ricorso a farmaci di salvataggio
A 2 ore dopo la dose, i pazienti che hanno ricevuto 75 mg di rimegepant avevano una maggiore probabilità rispetto ai pazienti che hanno ricevuto placebo di raggiungere la libertà dal dolore (21,2% vs 10,9%) e la libertà dal sintomo più fastidioso (35,1% vs 26,8%).

Le differenze numeriche nella probabilità di riduzione del dolore tra gruppi iniziavano 15 minuti dopo la dose e la differenza era statisticamente significativa a 60 minuti (36,8% vs 31,2%).

Vari endpoint secondari, inclusa la capacità di tornare alla funzionalità normale a 2 ore dopo la dose (38,1% vs 25,8%), il sollievo dal dolore prolungato da 2 a 48 ore (42,2% vs 25,2%) e l’uso di farmaci di salvataggio entro 24 ore (14,2 % vs 29,2%), erano anche statisticamente significativi.

Nell'analisi sulla sicurezza, gli eventi avversi più comuni sono stati nausea (1,6% nel gruppo rimegepant e 0,4% nel gruppo placebo) e infezione del tratto urinario (1,5% nel gruppo rimegepant e 0,6% nel gruppo placebo). Non ci sono stati seri eventi avversi. «La sicurezza e la tollerabilità erano simili al placebo» ha detto Lipton.

G.O.

Lipton RB, et al. Rimegepant 75 mg, an oral calcitonin gene-related peptide antagonist, for the acute treatment of migraine: two phase 3, double-blind, randomized, placebo-controlled trials. AAN 2019, Philadelphia (USA).
leggi